annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

L'Uomo d'Acciaio

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Semplicemente le persone sono diverse, a me può piacere la prima ora mentre ad un altro può fare cacare e viceversa, quindi trovo che sia abbastanza logico.
    poi la questione detrattori è infantile all ennesima potenza, allora chi lo apprezza è un fanboy?
    Comunque tranquillo, che il sequel te lo fanno, ha fatto 1 miliardo quella cazzata di Alce in wonderland questo ne farà abbastanza per un sequel, e spero che migliorino nettamente i difetti del primo, perchè io ho voglia di vedere un bel film.


    Le recite scolastiche hanno un unico modo di lettura e ti piacciono per quelle che sono, non un buon film. Perchè a sto punto viene fuori Snyder, con tutto il rispetto non tu, e fa un video-spiegazione di come bisogna organizzarsi per andare a vedere questo film, se bisogna mettere un paio di calzini rossi o vestirsi casual piuttosto che sportivi ecc...

    Commenta


    • Originariamente inviato da Spampinato Visualizza il messaggio
      effettivamente Smallville me lo vorrei essere perso davvero.
      anche se ne ho solo dei vaghi ricordi, direi che li Jonathan Kent non gli dicesse di comportarsi da stronzo come qua.
      Ma qui Pa' Kent non si comporta da stronzo... ma da contadinotto ignorante e pauroso... è il suo carattere.

      Commenta


      • Originariamente inviato da thade74 Visualizza il messaggio
        Io vorrei rivederlo, possibilmente in lingua originale... Appena finisco di litigare con gli invasati de i400colpi...
        prendili con ironia, io tempo fa ho avuto una discussione a tratti imbarazzante con Cobretti su FB perchè secondo lui una demo version di una canzone semisconosciuta dei Queen registrata ad minchiam era meglio della versione originale con Mercury alla voce. E lui manco aveva mai sentito l'originale!

        Commenta


        • Originariamente inviato da Spampinato Visualizza il messaggio
          NO.
          ed anzi, per fortuna che hanno avuto la decenza di non mettere Superman nel titolo, perchè del personaggio di Superman nel film non c'è traccia
          Non è vero, è che semplicemente risente pesantemente del Superman che si è visto nei fumetti dal periodo Byrne in poi (che viene dopo i film con Reeve c'è da precisare), finora pressoché ignorato dal cinema.
          "Compatisco quelle povere ombre confinate in quella prigione euclidea che è la sanità mentale." - Grant Morrison
          "People assume that time is a strict progression of cause to effect, but *actually* from a non-linear, non-subjective viewpoint - it's more like a big ball of wibbly wobbly... time-y wimey... stuff." - The Doctor

          Commenta


          • Originariamente inviato da Claude Visualizza il messaggio
            Semplicemente le persone sono diverse, a me può piacere la prima ora mentre ad un altro può fare cacare e viceversa, quindi trovo che sia abbastanza logico.
            poi la questione detrattori è infantile all ennesima potenza, allora chi lo apprezza è un fanboy?
            Comunque tranquillo, che il sequel te lo fanno, ha fatto 1 miliardo quella cazzata di Alce in wonderland questo ne farà abbastanza per un sequel, e spero che migliorino nettamente i difetti del primo, perchè io ho voglia di vedere un bel film.


            Le recite scolastiche hanno un unico modo di lettura e ti piacciono per quelle che sono, non un buon film. Perchè a sto punto viene fuori Snyder, con tutto il rispetto non tu, e fa un video-spiegazione di come bisogna organizzarsi per andare a vedere questo film, se bisogna mettere un paio di calzini rossi o vestirsi casual piuttosto che sportivi ecc...
            detrattori è una parola per racchiuderne 5 "quelli a cui non piace"
            io non voglio fare quello che insegna come andare a vedere il film, ma effettivamente mi sono accorto che c'è una chiave di lettura che permette un po a tutti di apprezzarlo di più, non ho mai detto di voler fare il saputello

            Commenta


            • Spoiler sul Jonathan Kent di Kevin Costner...

              La paura di Jonathan è che se Clark usa i superpoteri troppo presto e senza adeguata preparazione (sua e del mondo) c'è il rischio che lo prendano tutti per un miracolato dispensatore di miracoli - vedere la reazione spiritata, francamente fastidiosa della mamma di Lana. Cosa in effetti ben nota a noi italiani, tra Papi santi e madonne di Lourdes e padri pii che sanguinano (SENZA OFFESA PER NESSUNO - ma è evidente anche da questo problematico pensiero al volo la portata coraggiosissima della lettura supermaniana in questo film!).
              Poi... A me piace che Kevin "Jonathan Kent" Costner non dia assolutamente risposte certe che non può conoscere, che non faccia lo sborone; ma è un padre semplice e americanissimo (legittimamente "ignorantone", terra terra come piace a me!) che non sa proprio come affrontare qualcosa di più grande di lui. Con quel tanto criticato "forse", alla domanda disperata di Clark se per mantenere il suo pericoloso (PERICOLOSO) segreto dovrà lasciar morire le persone in pericolo - che è un forse e NON un "no!" - dimostra del sanissimo dubbio, della sanissima umiltà... non sa cosa fare e non se ne vergogna. In un mondo in cui tutti, compreso Zod, hanno le idee sempre troppo, troppo chiare.
              Fantastico.
              Il suo magnifico sacrificio tornadiano (pur formalmente non riuscitissimo) è legato a questo: un sacrificio, appunto, per umiltà e per darne l'esempio, anche l'esempio della pazienza. Anche Superman, come suo padre adottivo, dovrà essere umile. Non dovrà voler fare tutto, non è nel suo ruolo. Dare l'esempio è sempre una questione di umiltà.

              Spoiler su Zod...

              Michael Shannon dice a Cavill che distruggendo la nave esploratrice condannerà "a morte" tutto il suo popolo; la risposta è "Krypton ha avuto la sua occasione"...
              Uhm, rivedendo il film mi pare una cosa pazzesca. Enorme.
              Altro che protettore dell'umanità... Questo Supes per difendere l'umanità sacrifica tutto - "tutto se stesso".
              Praticamente il contrario di quello che aveva fatto per sei anni il Superman di Singer & Routh in "Returns"...!
              Si parla comunque "solo" delle capsule per far rinascere artificialmente una popolazione corrotta e già defunta, mantenendo così i suoi limiti innaturali di programmazione genetica... In ogni caso trattasi di una scelta, scelta!, pazzesca da parte del più grande degli eroi. Mai visto prima.

              Come sempre, di fronte a Snyder (e pure Nolan), siamo di fronte a qualcosa che terremota tutto. Difficile da mandare giù. Pur con i suoi limiti, siamo di fronte a una rivoluzione.
              Filippo "Jedifil" Rossi - YAVIN 4Voglio conoscere le vie della Forza e diventare un Jedi come mio padre (Luke Skywalker, '77)Non dirò non piangete perché non tutte le lacrime sono un male (Gandalf il Bianco, '03)NOT MY DAUGHTER, YOU BITCH! (Molly Weasley, '07)

              Commenta


              • Una cosa che noto in giro per la rete è la sicurezza con cui tante persone, recensori compresi, parlano del personaggio di Superman come se lo conoscessero perfettamente, quando l'unica fonte che hanno sono appunto i film di Donner.
                E' veramente incredibile, io stesso ho collezionato Superman per un buon 5-6 anni filati e mi rendo conto di aver coscienza solo di un frammento di quel personaggio: le storie cambiano di tono, i personaggi si evolvono, le origini vengono rinarrate in continuazione... Il Superman del 91 era diversissimo rispetto a quello dell'81 e solo Dio sa cosa si sono inventati da quando ho smesso di leggerlo.
                I comprimari sono cambiati notevolmente, le trame si sono incupite, i temi si sono fatti più seri, il personaggio ha acquisito una maturità impressionante nel giro di pochi anni...

                C'è una cosa che porto come esempio: il Kent sfigato e timido ai limiti del disagio psichico non è praticamente mai esistito, per quanto mascherasse la sua sicurezza non è mai arrivato a scavare il fondo del barile della dignità: non recitava una parte come dice Bill, ma semplicemente mostrava solo un aspetto di sè, che non era in contrasto con quanto mostrava una volta inguainato nel costume. negli anni 90 Kent era un tipo brillante, un giornalista con i controattributi, un tipo autorevole e carismatico che la gente rispettava e ammirava, un uomo magnetico che piace alle donne e suscita l'invidia degli uomini (parafrasando un vecchio messaggio pubblicitario de L'Intrepido*).
                Nonostante ciò per la gente il vero Kent è quello Donneriano, che è appunto il contrario esatto.
                Au contraire, parlando dell'Uomo Ragno, fino alla versione Ultimate (2000 o giù di lì) sapevamo con certezza che l'adolescenza di Parker fosse quella di uno sfigato ai limiti del disagio psichico, bulleggiato e emarginato, che ha conquistato la sua autostima pian piano dopo l'acquisizione dei suoi poteri. Per anni la dicotomia donneriana (eroe in costume figo\eroe in borghese sfigato) è stata la caratteristica del personaggio ma quando Raimi l'ha mostrata, come 'stacco ironico\da commedia', molta gente è saltata per aria al grido di: 'quello non è Parker!', senza riflettere sul fatto che il Parker di quegli anni (pre-Ultimate) si fosse emancipato nel tempo e che invece Raimi mostrava il Parker agli inizi.
                Il fatto che l'Uomo Ragno sia più popolare di Superman nel mondo ha un po' mitigato questo atteggiamento ma c'è stato e ancora oggi si usa questo aspetto per criticare la trilogia di Raimi.



                *la crema che se spalmata sui muscoli li fa crescere durante la notte

                Commenta


                • In effetti l'ho scritto anchio domenica, purtroppo la gente "comune" che non ha mai letto il fumetto, è ancora troppo legata alla visione di Donner e crede che il "vero" Superman sia quello ... per questo magari è rimasta un pò spiazzata da Man of Steel.
                  E guardate che fra questi mi metto parzialmente anchio ... anche se adesso dopo alcune visioni, mi sono abbastanza "purificato" e certe perplessità che ho avuto alla prima visione mi sono passate (pur rimanendone alcune soprattutto sotto l'aspetto "tecnico" e dei dialoghi).
                  Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

                  Commenta


                  • E adesso che ci ripenso, Superman quando non poteva fare altrimenti uccideva eccome: sempre parlando della saga della resurrezione guardate che fine misera riserva al Cyborg (che a sua volta aveva raso al suolo Coast City, causando milioni di morti).

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Claude Visualizza il messaggio
                      No, il film l ho visto in 2d per fortuna, perchè con tutta quella confusione e quell' abuso di camera a mano penso mi avrebbero ricoverato d' urgenza in qualche manicomio!
                      Mah, almeno a me (e porto le lenti a contatto) non ha dato nessun fastidio ne malessere.
                      Dopo le prime inquadrature ti abitui subito.

                      Che poi il 3D mi sia risultato in buona parte scialbo ed efficace solo in una manciata di scene è un'altro discorso.
                      Ex utente Matt80 dall'autunno 2007

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Lenny Visualizza il messaggio
                        E adesso che ci ripenso, Superman quando non poteva fare altrimenti uccideva eccome: sempre parlando della saga della resurrezione guardate che fine misera riserva al Cyborg (che a sua volta aveva raso al suolo Coast City, causando milioni di morti).
                        Mi autocito e scusate se esagero con i post ma adesso che faccio mente locale quella parte è molto simile a quanto visto nel film: il Cyborg si allea con Mondo-Guerra, un popolo che ha perso il proprio pianeta e vaga nello spazio facendo prigionieri e cercando un posto dove stabilirsi, distruggono Coast City con macchinari terraformanti, per ricreare un ambiente più congeniale a loro e alla fine Superman si trova costretto a uccidere la mente dietro a tutto questo perchè capisce che non avrebbe mai e poi mai smesso di riprovarci se l'avesse lasciato vivo.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Jedifil Visualizza il messaggio
                          La paura di Jonathan è che se Clark usa i superpoteri troppo presto e senza adeguata preparazione (sua e del mondo) c'è il rischio che lo prendano tutti per un miracolato dispensatore di miracoli - vedere la reazione spiritata, francamente fastidiosa della mamma di Lana. Cosa in effetti ben nota a noi italiani, tra Papi santi e madonne di Lourdes e padri pii che sanguinano (SENZA OFFESA PER NESSUNO - ma è evidente anche da questo problematico pensiero al volo la portata coraggiosissima della lettura supermaniana in questo film!).
                          Poi... A me piace che Kevin "Jonathan Kent" Costner non dia assolutamente risposte certe che non può conoscere, che non faccia lo sborone; ma è un padre semplice e americanissimo (legittimamente "ignorantone", terra terra come piace a me!) che non sa proprio come affrontare qualcosa di più grande di lui. Con quel tanto criticato "forse", alla domanda disperata di Clark se per mantenere il suo pericoloso (PERICOLOSO) segreto dovrà lasciar morire le persone in pericolo - che è un forse e NON un "no!" - dimostra del sanissimo dubbio, della sanissima umiltà... non sa cosa fare e non se ne vergogna. In un mondo in cui tutti, compreso Zod, hanno le idee sempre troppo, troppo chiare.
                          Fantastico.
                          Il suo magnifico sacrificio tornadiano (pur formalmente non riuscitissimo) è legato a questo: un sacrificio, appunto, per umiltà e per darne l'esempio, anche l'esempio della pazienza. Anche Superman, come suo padre adottivo, dovrà essere umile. Non dovrà voler fare tutto, non è nel suo ruolo. Dare l'esempio è sempre una questione di umiltà.

                          Michael Shannon dice a Cavill che distruggendo la nave esploratrice condannerà "a morte" tutto il suo popolo; la risposta è "Krypton ha avuto la sua occasione"...
                          Uhm, rivedendo il film mi pare una cosa pazzesca. Enorme.
                          Altro che protettore dell'umanità... Questo Supes per difendere l'umanità sacrifica tutto - "tutto se stesso".
                          Praticamente il contrario di quello che aveva fatto per sei anni il Superman di Singer & Routh in "Returns"...!
                          Si parla comunque "solo" delle capsule per far rinascere artificialmente una popolazione corrotta e già defunta, mantenendo così i suoi limiti innaturali di programmazione genetica...
                          Bravò. Riguardo la scena del tornado... con quel "formalmente" intendi il fatto che s'inserisce in maniera troppo meccanica nella narrazione?
                          La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Jedifil Visualizza il messaggio
                            Spoiler sul Jonathan Kent di Kevin Costner...

                            La paura di Jonathan è che se Clark usa i superpoteri troppo presto e senza adeguata preparazione (sua e del mondo) c'è il rischio che lo prendano tutti per un miracolato dispensatore di miracoli - vedere la reazione spiritata, francamente fastidiosa della mamma di Lana. Cosa in effetti ben nota a noi italiani, tra Papi santi e madonne di Lourdes e padri pii che sanguinano (SENZA OFFESA PER NESSUNO - ma è evidente anche da questo problematico pensiero al volo la portata coraggiosissima della lettura supermaniana in questo film!).
                            Poi... A me piace che Kevin "Jonathan Kent" Costner non dia assolutamente risposte certe che non può conoscere, che non faccia lo sborone; ma è un padre semplice e americanissimo (legittimamente "ignorantone", terra terra come piace a me!) che non sa proprio come affrontare qualcosa di più grande di lui. Con quel tanto criticato "forse", alla domanda disperata di Clark se per mantenere il suo pericoloso (PERICOLOSO) segreto dovrà lasciar morire le persone in pericolo - che è un forse e NON un "no!" - dimostra del sanissimo dubbio, della sanissima umiltà... non sa cosa fare e non se ne vergogna. In un mondo in cui tutti, compreso Zod, hanno le idee sempre troppo, troppo chiare.
                            Fantastico.
                            Il suo magnifico sacrificio tornadiano (pur formalmente non riuscitissimo) è legato a questo: un sacrificio, appunto, per umiltà e per darne l'esempio, anche l'esempio della pazienza. Anche Superman, come suo padre adottivo, dovrà essere umile. Non dovrà voler fare tutto, non è nel suo ruolo. Dare l'esempio è sempre una questione di umiltà.

                            Spoiler su Zod...

                            Michael Shannon dice a Cavill che distruggendo la nave esploratrice condannerà "a morte" tutto il suo popolo; la risposta è "Krypton ha avuto la sua occasione"...
                            Uhm, rivedendo il film mi pare una cosa pazzesca. Enorme.
                            Altro che protettore dell'umanità... Questo Supes per difendere l'umanità sacrifica tutto - "tutto se stesso".
                            Praticamente il contrario di quello che aveva fatto per sei anni il Superman di Singer & Routh in "Returns"...!
                            Si parla comunque "solo" delle capsule per far rinascere artificialmente una popolazione corrotta e già defunta, mantenendo così i suoi limiti innaturali di programmazione genetica... In ogni caso trattasi di una scelta, scelta!, pazzesca da parte del più grande degli eroi. Mai visto prima.

                            Come sempre, di fronte a Snyder (e pure Nolan), siamo di fronte a qualcosa che terremota tutto. Difficile da mandare giù. Pur con i suoi limiti, siamo di fronte a una rivoluzione.
                            penso che dopo questo tuo commento nn scriverò alcuna recensione poiché hai detto tutto quello che volevo dire io è come lo volevo dire io, della serie psicocinesi

                            Commenta



                            • "Il cinema è un arte soggettiva, quanto la musica, belli i 5 alti bello sentire pareri discordanti ai propri, ma alla fine sono io, uno schermo e tutto quello che ci passa di mezzo."

                              "Le barbarie sono lo stato naturale dell'umanità, la civiltà è solo un capriccio dell'evoluzione e delle circostanze". cit.


                              ~FREE BIRD~

                              Commenta


                              • E non aveva manco più i poteri quel poveraccio... asd

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X