annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Marvel Movies: topic generico sulle trasposizioni Marvel Comics

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
    seguo sempre con molto interesse le (poche) discussioni stimolanti che compaiono ancora sul forum

    la mia domanda è: considerando che ad esempio la tecnica del de-ageing è stata implementata proprio dal MCU a partire da quel michael douglas praticamente perfetto nel primo ant-man, poi GotG 2 fino al Sam Jackson di CM, non è un pò ipocrita da parte di Scorsese - che ci ha appena fatto un film che probabilmente lo porterà a vicnere ben più di un oscar - bollare tutta la baracca marvel (ma forse il blockbuster moderno in generale) come una minchiata? cioè, senza i soldi del MCU un prograsseo tecnico così notevole sarebbe stato possibile?
    Vero anche questo. Non sono un grande fan dell'uso abbastanza anonimo della CGI che si trova nella maggior parte dei film Marvel, ma non bisogna dimenticare che dietro a qualsiasi blockbuster ci sono parecchi artisti, a partire dai concept artists fino a chi cura gli effetti digitali e non, e queste persone un loro contributo al progresso del Cinema piaccia o non piaccia lo danno. Forse sono loro i più legittimati ad "offendersi", non il Waititi di turno.

    Commenta


    • Originariamente inviato da HULK SPACCA 70 Visualizza il messaggio
      il genere gangster movie italo americano non è più all'apice del suo successo, e se per tirare ancora un po' piuttosto che impiegare nuovi attori usi vecchie glorie ringiovanite con la CGI, vuol dire che forse pure la loro autoconsapevolezza comincia a traballare...e allora mi verrebbe voglia di chiedere a zio Martin se per lui "Nonno bastardo", "Ti presento i miei", "Lo stagista inaspettato" sono ancora "cinema" o qualcos'altro?
      Posto nuovamente che a me al momento di The Irishman interessa poco e niente, penso che questa scelta riguardi proprio questo specifico film.-
      Parliamo di uno che ha preso il giovincello gnocco del momento in cui pochi credevano e l'ha trasformato in uno dei grandi attori contemporanei, e anche in film recenti si è sempre avvalso di talenti nascenti, come Adam Driver, la Robbie, Jonah Hill, la Moretz ecc
      Luminous beings are we, not this crude matter.

      Commenta


      • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
        non è che si può confondere la tecnica effettistica col valore cinematografico del film.
        beh, non ne è parte costituente?


        Honour to the 26s

        Commenta


        • Originariamente inviato da Uncle Scrooge Visualizza il messaggio
          beh, non ne è parte costituente?
          E' una tecnica usata con un fine che può essere artistico o meno, più creativo o meno, potrebbe essere usata anche in un videogame ma quello non fa di quel videogame cinema.
          Non a caso quando Scorsese (ma anche registi che come lui hanno criticato questi film) dice che sono "ben fatti" sicuramente intende anche quello, non critica quell'aspetto.

          Estendendo il discorso per me è come se intervistassero Cronenberg e gli chiedessero che ne pensa dei film di Twilight, lui risponderebbe che per lui sono merda e un fan della saga gli facesse notare che però quei film hanno lanciato Pattinson, di cui lui ha usufruito contribuendo a trasformarlo in un attore "serio".
          Cosa dovrebbe dire Cronenberg? Cambiare idea perché una delle componenti di quei film aveva un potenziale anche in un ambito diverso? Non è che dietro i Twilight non ci sia gente che non si è fatta il culo eppure sono sicuro che se Scorsese avesse criticato quei film qua dentro e in altri lidi avrebbe ricevuto più manforte che pernacchie.
          Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 21 ottobre 19, 12:53.
          Luminous beings are we, not this crude matter.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
            Estendendo il discorso per me è come se intervistassero Cronenberg e gli chiedessero che ne pensa dei film di Twilight, lui risponderebbe che per lui sono merda e un fan della saga gli facesse notare che però quei film hanno lanciato Pattinson, di cui lui ha usufruito contribuendo a trasformarlo in un attore "serio".
            Cosa dovrebbe dire Cronenberg? Cambiare idea perché una delle componenti di quei film aveva un potenziale anche in un ambito diverso? Non è che dietro i Twilight non ci sia gente che non si è fatta il culo eppure sono sicuro che se Scorsese avesse criticato quei film qua dentro e in altri lidi avrebbe ricevuto più manforte che pernacchie.
            Infatti è una tesi che sostengo da tempo e per cui sono anche stato sbertucciato (anche da te ai tempi ): le stesse persone che qui si riscaldano per queste dichiarazioni all'epoca prendevano per il culo le twilighiters. E la verità è che a livello di qualità cinematografica, tolta la recitazione, non c'è nessuna differenza qualitativa tra un Iron Man 2 e uno Twilight: sono entrambi cinema di intrattenimento di bassa lega. Il miglior prodotto MS arriva a un cinema di intrattenimento di discreta qualità e la media generale dei superheromovie tra MS, Warner, Sony e ex Fox è scarsa se non scarsissima. Questo è quanto.

            Non è un caso che a sollevare polveroni, sia qui che su fb, siano quasi solo maschi. Sono l'equivalente maschile delle twilighters. Al netto che io, personalmente, manco per il cazzo avrei speso soldi per vedere Irishman in sala e si merita di finire su netflix. Giusto per fugare ogni dubbio di scorsesismo da parte mia.

            Commenta


            • Hanno detto tutto Sir Dan Fortesque e Tom Doniphon .
              Al massimo si possono rimproverare a Scorsese le parole sulle emozioni e in generale a tutti quanti il puntare l' indice sempre e solo sulle produzioni della Marvel come se i remake dei live action Disney e quasi ogni altro blockbuster contemporaneo non avesse gli stessi problemi.
              Patetiche e frignone le risposte di James Gunn che evidentemente si crede un grande autore senza rendersi conto che anche i suoi filmetti rientrano in tutto e per tutto nel solito calderone.
              Come ha detto qualcuno il problema è anche della critica e della stampa che ricopre di attenzioni e di lodi registi che forse forse tutte quelle lodi ed attenzioni non meriterebbero (Gunn, Waititi e compagnia bella).
              Ultima modifica di mr.fred; 21 ottobre 19, 12:31.

              Commenta


              • non il Waititi di turno
                ancora con sto Waititi??
                ma guarda che waititi è un genio , e diverrà un grande nel cinema contemporaneo .
                E non scherzo.....
                Cmq si parla delle dichiarazioni di Scorsese imputandogli un indubbia onestà di intenti (che sicuramente avrà ) non tenendo conto di determinati piccoli particolari:;
                1)è indubbio che queste parole derivino da il disagio di un grande regista di farsi finanziare un film come The Irishman ,dai "normali"canali di finanziamento ...che sono le grandi major.
                E quindi si è dovuto "piegare" , ringraziando anche pubblicamente , un azienda che secondo me ha pochissimi interessi intorno al mondo del cinema(intendo la sala dove c'è il buio tra il primo ed il secondo tempo ,e l'aria condizionata funziona al minimo ).
                Questo è un fatto , no?
                Se un domani tutte le sale chiudessero e per vedersi un film bisogna che fai un abbonamento televisivo , i proventi di Franco Netflix sarebbero senz'altro raddoppiati .
                Quelli della Marvel magari non saranno cinema, sicuramente ,ma almeno ancora ci vai al cinema , mentre per vedere il suo film da 200 mln hai solo tre giorni , almeno in america , e poi paghi 10 dollari mensili (che sono addiritturaun risparmio confrontato alla sala cinematografica)per vedertelo comodamente a casa.
                L'odore di morte del cinema è molto più forte in questi ambiti , che nella presunta invasione del genere cinecomic.
                Dal mio punto di vista.
                2) in genere questo tipo di interviste promozionali , sono perlopiù preconfezionate , nel senso che loro sanno più o meno l'argomento che vuole trattare l'intervistatore.
                E se ci fossero delle domande su degli argomenti non graditi dall'intervistato o da QUELLI CHE PAGANO LA CAMPAGNA PROMOZIONALE DEL FILM (mi dispiace per qualcuno che pensava che questi grandi registi non si pieghino a queste realtà hollywoodiane) le domande non vengono fatte , o si tende ad essere un po meno diretti nell'attacco.
                Perché se il sig Scorsese pensa che i film di genere cinecomic non è cinema , ok è un grande artista e gli è consentito , lo critico ma lo sto a sentire ma se pensasse che quello che ha fatto la Marvel con il genere, sia meno cinema di quello che ha fatto la Sony la Warner bros e la Fox ,con gli stessi franchise ..... allora qui gatta ci cova.
                Ci starebbe anche il fatto che lui , un po rincoglionito dall'età , non sa che ci sono diverse case produttrici che finanziano questi film ...
                Ci credo poco .
                L'attacco è stato diretto , un po meno di quello di Coppola (ma ne parleremo), e lui sapeva benissimo quanto si sarebbe discusso intorno alle sue parole.


                Commenta


                • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                  Infatti è una tesi che sostengo da tempo e per cui sono anche stato sbertucciato (anche da te ai tempi )
                  Vero, ma io ho visto sia i film Marvel che i Twilight (questi ultimi per causa di forza maggiore, ma li ho visti) e posso fare un distinguo caso per caso (non che me ne vanti )

                  Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                  Al netto che io, personalmente, manco per il cazzo avrei speso soldi per vedere Irishman in sala e si merita di finire su netflix. Giusto per fugare ogni dubbio di scorsesismo da parte mia.
                  Però potresti cambiare idea dopo che lo vedrai e rimpiangere una visione in sala
                  Luminous beings are we, not this crude matter.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio

                    Vero, ma io ho visto sia i film Marvel che i Twilight (questi ultimi per causa di forza maggiore, ma li ho visti) e posso fare un distinguo caso per caso (non che me ne vanti )
                    Ahahahahah touché



                    Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                    Però potresti cambiare idea dopo che lo vedrai e rimpiangere una visione in sala
                    E anche questo è vero

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da hulkdog Visualizza il messaggio
                      ancora con sto Waititi??
                      ma guarda che waititi è un genio , e diverrà un grande nel cinema contemporaneo .
                      E non scherzo.....
                      Non so se sei ironico o meno ma ho citato un regista Marvel a caso, in realtà Ragnarok non mi è dispiaciuto ed è il Thor che più ho apprezzato (non che ci fosse questa grande competizione...).
                      Secondo me gode di un credito un tantino esagerato ma non sono (ancora ) tra i suoi detrattori.

                      Commenta


                      • Considerando i record dell'MCU, con l'apice raggiunto con Endgame, è plausibile l'attenzione di un Coppola o di uno Scorsese al fenomeno Marvel.

                        Partiamo dai dati oggettivi. Parliamo di una ventina di film. In 10 anni. Perchè un altro franchise possa uguagliare quel successo commerciale, forse passerà un secolo. Per cui ci sta che artisti della settima arte, maestri del cinema, dicano la loro su un fenomeno cinematografico, anche in negativo, di cui non si può che condividere il loro allarmismo

                        Però, siamo obiettivi. Sono la panacea di tutti i mali i film dell'MCU? Il cinema americano muore con Iron Man? Ce lo vedete Coppola, che li definisce "disgustosi", farsi una maratona di 20 film per darne un giudizio obiettivo? Li giudica, se va bene, dalla visione di qualche trailer. magari un paio di film. magari neanche dell'MCU. Poi magari la maratona se l'è fatta davvero.

                        "Anche il Papa sbaglia a dir messa". Non so, però un grande artista non ha bisogno di lasciarsi andare alle polemiche dei fanboy e della rete. Chi glielo fa fare, soprattutto loro che stanno su un altro livello.
                        firma 3.jpg

                        Commenta


                        • Condivido anche le virgole:
                          In questi giorni è impazzata sui social network la polemica per le prese di posizione di Martin Scorsese e Francis Ford Coppola nei confronti della Marvel.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                            Scusate, con tutto il rispetto, però... le vostre osservazioni sono un po' naif eh... non è che Scorsese o Coppola un giorno si svegliano e decidono di parlare di x. È evidente che i media incalzano su questo tema e vanno a rimbalzo, chiedendo a pinco pallo la sua opinione sull'opinione dell'opinione... A domanda "le piacciono i film Marvel" Scorsese doveva per forza rispondere "non ne ho visti molti ma credo che comunque siano prodotti dignitosi?". Dai su.
                            La risposta migliore e più sensata in assoluto e che dovrebbe valere per ogni persona che ancora deve andare in bagno intorno alle 18 ore da ogni pasto: "non parlo di ciò che non conosco, buona serata".

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                              Condivido anche le virgole:
                              Bata questo passaggio nella disamina
                              Un’epoca in cui si può leggere Captain Marvel come un elogio femminista solo perché la protagonista picchia meglio dei suoi avversari maschi, o in cui Black Panther diventa un monolite nella riappropriazione dell’identità culturale afrodiscendente dimenticando per strada il fatto che (come ne Il re leone) si sta mettendo in scena un mondo in cui al trono si accede per diritto di nascita, e non per qualità morali, etiche e politiche personali. E dove chi sgarra da quest’ordine prima viene espulso, e quindi direttamente soppresso.
                              per dimostrare che chi ha scritto non ci ha capito granché. Interessante poi dipingere Scorsese e Coppola come anticapitalisti.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
                                Non so se sei ironico o meno ma ho citato un regista Marvel a caso, in realtà Ragnarok non mi è dispiaciuto ed è il Thor che più ho apprezzato (non che ci fosse questa grande competizione...).
                                Secondo me gode di un credito un tantino esagerato ma non sono (ancora ) tra i suoi detrattori.
                                su Waititi non sono mai ironico ...
                                Sopravvalutato?
                                Vedremo , io ho intravisto tanto , e non ho visto solo Ragnarok , che in fin dei era un progetto da 200 mln dato in mano ad un regista che faceva film di bassissimo budget ...
                                E lo ha diretto nel modo in cui di solito dirige i propri film ...e alla Marvel , che a detta di molti usa burattini senza personalità , questo modo di lavorare è piaciuto.
                                Lo hanno scelto perché lui è cosi' , e lui lo ha diretto a suo modo .
                                La maggior parte delle battute , dei dialoghi non erano neanche in copione ..hanno perlopiù improvvisato in un film da 200 mln di dollari.
                                Chi altro lo ha fatto??
                                Però quando c'era da "menare" con l'action , non si tirava certo indietro .
                                L'arena ed il ponte arcobaleno sono stati assai suggestivi
                                Sakaar era un omaggio alle tavole , ai colori del grande Kirby, e li c'era poco lasciato al caso
                                Quell'Hulk , anche con le sue imperfezioni , è stato l'Hulk più vicino al fumetto di tutti .
                                Thor è diventato uno scemotto , è vero , ma come in nessun altro film ha evidenziato la potenza di un dio del tuono.
                                Non del dio del martelletto del cazzo , e uno degli esseri più potenti e più forti della Marvel.
                                Di Waititi si dovranno accettare , io spero per molto , alcune esagerazioni inconsuete , ma per me sarà un artista in grado di regalarci grandi emozioni.
                                Poi se mi sbaglio , sarò il primo ad ammetterlo , non mi tirerò certo indietro.


                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X