annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Batman

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Mah... se uno crede ai corsi e ricorsi a livello cinematografico dopo un pessimo ciclo di Batman c'è sempre stato uno nettamente migliore, quindi quello di Reeves dovrebbe rappresentare la punta alta dell'onda formatasi e la rinascita artistica dopo il pessimo Batman di Snyder.
    Il fatto è che il personaggio è inflazionato e dopo la trilogia di Nolan reputo praticamente impossibile riportare a quei livelli il personaggio (si pure nel terzo film che è buono e tutt'altro che la merda descritta da qualcuno), anche perchè il sistema produttivo intorno ai cinefumetti negli ultimi 10 anni s'è radicalmente modificato e non in meglio.

    Commenta


    • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
      Mah... se uno crede ai corsi e ricorsi a livello cinematografico dopo un pessimo ciclo di Batman c'è sempre stato uno nettamente migliore, quindi quello di Reeves dovrebbe rappresentare la punta alta dell'onda formatasi e la rinascita artistica dopo il pessimo Batman di Snyder.
      Il fatto è che il personaggio è inflazionato e dopo la trilogia di Nolan reputo praticamente impossibile riportare a quei livelli il personaggio (si pure nel terzo film che è buono e tutt'altro che la merda descritta da qualcuno), anche perchè il sistema produttivo intorno ai cinefumetti negli ultimi 10 anni s'è radicalmente modificato e non in meglio.
      Beh, la realtà è però che le due Scimmie di Reeves sono due film eccellenti.

      Commenta


      • Reeves non è il primo pirla che passa e fin ora non ha sbagliato un colpo. E' meno "autore" di Nolan nel senso che non ha tematiche predilette o una propria poetica ma ci a fare eccome. Anzi le scene d'azione non sono il forte di Nolan (non ho visto Dunkirk) invece sotto questo punto di vista Reeves ha più occhio.
        Spoiler! Mostra

        Commenta


        • Più che il buon Reeves (che non ha però un Memento o un Beetlejuice alle spalle come i suoi predecessori), mi preoccupa la produzione. Sino ad ora tutti i progetti DC negli ultimi hanno avuto alle spalle ingerenze produttive marcate in corso d'opera e poi in post-produzione, con risultati che conosciamo.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Cooper96 Visualizza il messaggio
            Reeves non è il primo pirla che passa e fin ora non ha sbagliato un colpo. E' meno "autore" di Nolan nel senso che non ha tematiche predilette o una propria poetica ma ci a fare eccome. Anzi le scene d'azione non sono il forte di Nolan (non ho visto Dunkirk) invece sotto questo punto di vista Reeves ha più occhio.
            I film di Nolan sono thriller e in quanto tali, ha gestito il tutto. Il terzo film improntato più sull'azione, e quindi nel terzo atto finale mostra dei problemi.
            Reeves a quanto ho capito vorrebbe improntare il tutto sull'aspetto detective story, quindi non credo ci si debba aspettare molta azione.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
              Sino ad ora tutti i progetti DC negli ultimi hanno avuto alle spalle ingerenze produttive marcate in corso d'opera e poi in post-produzione, con risultati che conosciamo.
              Se non ricordo male Reeve è stato in tira e molla con la Warner a lungo appunto perché voleva fare le cose a modo suo. Se è a bordo è perché si vede che in buona misura è libero di fare quello che vuole. Semmai non vorrei il Covid abbia danneggiato la qualità del prodotto finale...

              Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio

              Reeves a quanto ho capito vorrebbe improntare il tutto sull'aspetto detective story, quindi non credo ci si debba aspettare molta azione.
              E' pur sempre un blockbuster un po' di mazzate e sparatorie ci sono di sicuro.
              Ultima modifica di Cooper96; 07 giugno 20, 13:34.
              Spoiler! Mostra

              Commenta


              • Le scimmie di Reeves gran bei film, soprattutto il secondo che è più solido. Nel terzo i primi 30 minuti son fantastici e raggiungono le vette della trilogia, ma cala vistosamente nel secondo atto rendendolo a mio avviso il meno riuscito dei 3. Poteva finire in mani molto peggiori.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                  Mah... se uno crede ai corsi e ricorsi a livello cinematografico dopo un pessimo ciclo di Batman c'è sempre stato uno nettamente migliore, quindi quello di Reeves dovrebbe rappresentare la punta alta dell'onda formatasi e la rinascita artistica dopo il pessimo Batman di Snyder.
                  Il fatto è che il personaggio è inflazionato e dopo la trilogia di Nolan reputo praticamente impossibile riportare a quei livelli il personaggio (si pure nel terzo film che è buono e tutt'altro che la merda descritta da qualcuno), anche perchè il sistema produttivo intorno ai cinefumetti negli ultimi 10 anni s'è radicalmente modificato e non in meglio.
                  Ma pessimo ddde che? Sti assolutismi fanno un po' sorridere.

                  Qui si confonde la grandezza di Batman a livello di trilogia (per me duologia, ma vabbè) con il singolo personaggio.

                  Se devo considerare solo Batman, preso a se come personaggio, quello di Nolan PER ME è scialbetto. Mi piace solo in BB perché come nel 95% di TUTTE le storie, è quasi sempre la genesi di un personaggio ad interessare, coinvolgere e appagare (per dire, anche il primo Iron Man è più interessante nella genesi). Quello di Snyder ha una caratterizzazione diversa e posto in media res nella storia, te lo disegna in una maniera totalmente nuova a livello cinematografico.

                  A livello di design è già una bomba, poi l'utilizzo dell'armamentario e del combattimento, è abbastanza soddisfacente, l'aura del personaggio (temuto e quasi horrorifico per i cittadini di gotham) è oscura. Aggiungi a questo, una caratterizzazione da uomo incazzato, che cambia le sue regole morali e uccide, marchia e punisce criminali (per lo più terroristi e pedofili), un atteggiamento che lascia intendere che abbia dovuto affrontare una situazione di non ritorno (la morte di Robin per mano di Joker), tanto da portarlo a distorcere quel che vede su e di Supes durante la sua battaglia con Zod, ed hai alla base un pesonaggio più interessante di tutte le pippe mentali che si fa quello di Nolan soprattutto nel terzo film.

                  Poi io sono sempre a favore di trasposizioni del personaggio che ci diano qualcosa in più che non avevamo ancora visto nelle precedenti versioni. Quindi tolte le parentesi imbarazzanti di Schumacher, tra Burton, Nolan e Snyder, possiamo comunque apprezzare 3 caratterizzazioni diverse, ma nelle quali ognuno ci può trovare qualcosa che funziona ed è accattivante.

                  Poi se sono proprio costretto a scegliere, continuerei a preferire il Bats di Burton.. ma penso che qui entri in gioco anche un po' l'affetto.
                  Ultima modifica di Naihir; 07 giugno 20, 13:30.
                  "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                  And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                  That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                  # I am one with the Force and the Force is with me #

                  -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                    Più che il buon Reeves (che non ha però un Memento o un Beetlejuice alle spalle come i suoi predecessori), mi preoccupa la produzione. Sino ad ora tutti i progetti DC negli ultimi hanno avuto alle spalle ingerenze produttive marcate in corso d'opera e poi in post-produzione, con risultati che conosciamo.
                    Veramente LA WARNER, assieme a immani schifezze, ha anche prodotto un film Restriced che ha incassato più di un miliardo di dollari, ed è il Joker. Non vedo francamente motivi per essere preoccupati a prescindere, pare che Reeves abbia un bel margine di libertà nel costruire questo film.

                    Prima o poi a mente lucida ti renderai conto che TDKR è un brutto cinecomic ed è il peggior film di Nolan in assoluto.

                    Tra l'altro... scusa eh, ma che cazzo c'entrano Beetlejuice o Memento con le credenziali per fare un buon Batman, scusa? Cosa c'entra il paragone dei registi in generale?

                    Secondo te Malick o Lynch, in quanto registi della madonna, saprebbero fare un buon film di Batman?
                    Ultima modifica di Tom Doniphon; 07 giugno 20, 14:08.

                    Commenta


                    • Joker è costato sui 50 milioni ed era un rated R come dici, questo Batman sarà con un budget da blockbuster a tutti gli effetti e PG-13, due situazioni produttive totalmente differenti come ben sai e hai sottolineato altre volte.
                      Joker poi è un buon film, non sto capolavoro o filmone spacciato da taluni.

                      Se TDKR è brutto, Endgame allora è la morte del cinema... ma un giorno comprenderai il tuo errore sull'ultimo Avengers .

                      Il modo di fare di Memento e Beetlejuice, Nolan e Burton se lo sono portati anche in Batman, per quello li ho citati.

                      Malick e Lynch su Batman... chissà che roba originale tirerebbero fuori, anche se dubito lontanamente che possa piacere alla massa.
                      Ultima modifica di Sensei; 07 giugno 20, 14:26.

                      Commenta


                      • Guarda, rispetto ai cinecomic è evidente che tu sei incapace di fare un discorso avulso da uno squadrismo sul regista (Nolan vs tutti gli altri), perché se TDKR l'avesse diretto Villeneuve, per dire, non ci sarebbe nessuna controversia sulla sua bruttezza e saremmo tutti d'accordo.

                        Non ho nessun abbaglio su EG, lo valuto per quello che è, un puro cinema di entertainment. La tua incapacità di diversificare l'apprroccio rispetto alla tipologia di film è proprio quella che ti impedisce di capire perché cinefili oggettivamente più colti di te riescano ad apprezzare determinati prodotti.

                        Un Batman by Malick o Lynch farebbe ovviamente schifo, perché è un pregiudizio che esiste solo nella testa di chi si vuole a tutti costi diversificare dalla massa quella che un autore sarebbe automaticamente anche bravo nel cinema di genere. E infatti, in barba a tutti i fanboy di Lynch, il suo Dune non è un bel film.

                        Commenta


                        • Dune è un film non riuscito anche per me, ma ha sofferto di una produzione invadente ed un montaggio non del regista in post-produzione, quindi Lynch ha colpe relative in merito al risultato finale e comunque ha idee visive interessanti qua e là.

                          Il confronto tra TDKR ed Endgame neanche si pone, c'è più cinema nel primo che in tutta la filmografia dei Fratelli Russo.
                          Su Villeneuve nessun pregiudizio ed inoltre i Batman di Burton mi piacciono, quindi nessun squadrismo settario.

                          Vedremo se Reeves sarà all'altezza dei suoi illustri predecessori, l'approccio "giallo" gli consentirà di diversificarsi, poi vedremo i risultati.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                            Ma pessimo ddde che? Sti assolutismi fanno un po' sorridere.

                            Qui si confonde la grandezza di Batman a livello di trilogia (per me duologia, ma vabbè) con il singolo personaggio.

                            Se devo considerare solo Batman, preso a se come personaggio, quello di Nolan PER ME è scialbetto. Mi piace solo in BB perché come nel 95% di TUTTE le storie, è quasi sempre la genesi di un personaggio ad interessare, coinvolgere e appagare (per dire, anche il primo Iron Man è più interessante nella genesi). Quello di Snyder ha una caratterizzazione diversa e posto in media res nella storia, te lo disegna in una maniera totalmente nuova a livello cinematografico.

                            A livello di design è già una bomba, poi l'utilizzo dell'armamentario e del combattimento, è abbastanza soddisfacente, l'aura del personaggio (temuto e quasi horrorifico per i cittadini di gotham) è oscura. Aggiungi a questo, una caratterizzazione da uomo incazzato, che cambia le sue regole morali e uccide, marchia e punisce criminali (per lo più terroristi e pedofili), un atteggiamento che lascia intendere che abbia dovuto affrontare una situazione di non ritorno (la morte di Robin per mano di Joker), tanto da portarlo a distorcere quel che vede su e di Supes durante la sua battaglia con Zod, ed hai alla base un pesonaggio più interessante di tutte le pippe mentali che si fa quello di Nolan soprattutto nel terzo film.

                            Poi io sono sempre a favore di trasposizioni del personaggio che ci diano qualcosa in più che non avevamo ancora visto nelle precedenti versioni. Quindi tolte le parentesi imbarazzanti di Schumacher, tra Burton, Nolan e Snyder, possiamo comunque apprezzare 3 caratterizzazioni diverse, ma nelle quali ognuno ci può trovare qualcosa che funziona ed è accattivante.

                            Poi se sono proprio costretto a scegliere, continuerei a preferire il Bats di Burton.. ma penso che qui entri in gioco anche un po' l'affetto.
                            Batman vs Superman poggia su un assunto bufala, cioè che Superman non si sa per quale motivo viene visto come un nemico.

                            Superman ha salvato il pianeta da Zod ed i suoi, quindi ha scelto di essere un terrestre. Comunque sia, se questo non bastasse, il salto in avanti di 18 mesi (errore del film, aveva senso trattare la faccenda subito dopo la battaglia contro Zod a Metropolis) dovrebbe fugare ogni dubbio sul fatto che Superman aiuti la gente e sia buono, quindi la paranoia di Batman non ha ragion d'essere e comunque tutto quello che hai elencato è relegato ad Easter Eggs che possono capire solo i fanboy del fumetto, come la morte di Robin.
                            Ah! Batman con il marchio stile mandriano del Texas è una roba imbarazzante e ridicola a vedersi, ho riso un casino vedendolo così, specie nel finale con Luthor.

                            Il Batman di Snyder m'è piaciuto solo in azione nel magazzino, ma lì è il regista che ha saputo girare bene l'azione e non certo l'attore o la scrittura del personaggio.
                            Ultima modifica di Sensei; 07 giugno 20, 14:51.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio

                              Il confronto tra TDKR ed Endgame neanche si pone, c'è più cinema nel primo che in tutta la filmografia dei Fratelli Russo.
                              Le facilonerie di messa in scena, le goffagini di scrittura, le ambizioni assolutamente non sorrette dalla forma non sono in contraddizione col fatto che Nolan sia più bravo dei Russo, ma questo punto è irrilevante.

                              Lynch o Malick saranno anche autori più autori di Scott o Cameron, ma la realtà è che non sarebbero minimamente capaci di fare film come Alien o Aliens. E non c'è bisogno di essere Fellini o Bergman per fare un Predator, anzi. Ed è questo il punto.

                              TDKR è un brutto cinecomic, è scritto male, è diretto sicuramente al di sotto degli standard di Nolan, il montaggio è raffazzonato e l'action è diretta malissimo. I Russo hanno una dimestichezza con il cinema d'azione che Nolan non ha, e questo non è in contraddizione con il fatto che i Russo un Dunkirk o un Interstellar non sono in grado di farlo.

                              Questo è semplicemente squadrismo, ti si tocca Nolan e parti per la tangente. Ma la realtà è che il cinema di genere non per forza ne guadagna se a dirigerlo è un "autore".

                              Commenta


                              • Supes non è visto come nemico. Ma come un elemento "scomodo" che va limitato/utilizzato.

                                Dalla gente Supes è amato infatti. Sono le isituzioni e il governo che lo temono. Luthor lo invidia e cerca di screditarlo, incastrandolo in situazioni scomode, alle quali, Supes si sarebbe dovuto in qualche modo presentare, per via della sua morale e per non perdere la fiducia degli altri.

                                Il bello del film è proprio questo contrasto che fa nascere, ovvero più un uomo fa del bene e più viene messo in discussione (chi ricorda? Gesù). Tanto che quando i tg e i talk show parlano di Supes, nella scena si induce a far vedere come Clark ne risenta di questi giudizi, come a dire "ma chi me lo fa fare? aveva ragione Pa' Kent forse", mentre il beniamino vigilante di Gotham temuto dal popolo ma, stranamente accettato dalle istituzione, non lo metteva in discussione nessuno, con i suoi metodi.

                                Tu vedi tutto troppo o bianco o nero. Questi film invece raccontano le sfumature.

                                I 18 mesi sono un jump time consono, perché Bruce alimenti l'odio (distorto) nei confronti di Supes in base a quello che gli ha fatto personalmente. Non guarda al buon samaritano, ma al fatto che nelle occasioni che contano, se ne potrebbe fregare delle conseguenze di una città e dei suoi abitanti. Bruce non è altro che la voce di tutti quelli che dopo MoS dicevano "eh ma cazzo, per scontrarsi con Zod ha fatto fuori mezza città". in BvS ve lo mostrano e non va bene? LOL

                                Senza dimenticare che per mesi, Luthor gli fa arrivare lettere di presunti ex dipendenti della Wayne che sottolineano quanto di male ha fatto Supes durante gli scontri a Metropolis, rovinandogli la vita, sia fisicamente che psicologicamente.

                                Non c'è nessun "ester eggs" ma è un sottotesto. Basta la scena di Bruce che guarda la suite di Robin brutalizzata da Joker per capire cosa frulli per la testa a Bats. Con tanto di Alfred che lo esorta a non deviare la sua moralità e di ritrovare se stesso. Io non sono fanboy di fumetti e sta roba l'ho capita guardando il film. Show don't tell.
                                "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                                And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                                That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                                # I am one with the Force and the Force is with me #

                                -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X