annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Batman

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Me lo sono chiesto anch'io.

    E sarebbe anche interessante capire se è stata una semplice risposta alla situazione covid o qualcosa di già programmato.

    Anche perché, mi era passato di mente, ma il dop del film è lo stesso di The Mandalorian, e quindi, oltre ad essere uno dei pionieri di questa tecnica magari l'aveva già proposta a Reeves (che pure in Apes si era servito di tecnologie aggiornatissime).

    Per quel poco che si sa fin'ora sono stati allestiti dei grossi set in studio attorniati dai pannelli, quindi si potrebbe ipotizzare che verranno usati quantomeno per riprodurre viste di Gotham dalle finestre.
    Immagino che potrebbero essere utili anche per le inquadrature ravvicinate di qualche scena dentro la Batmobile, magari per rendere possibile qualche inquadratura più complicata di un inseguimento.

    Potrebbero usarla in modo "invisibile" oppure per sperimentare con qualche movimento di macchina altrimenti impossibile.
    Luminous beings are we, not this crude matter.

    Commenta


    • Reeves aveva dichiarato che puntava a dare un look molto particolare a questa versione di Gotham. Riprese reali in città inglesi con architetture goticheggianti, e poi in post-produzione aggiunta di grattacieli ed altri edifici moderni, per dare l'impressione di una città attuale ma con un passato sommerso di spessore.
      Spoiler! Mostra

      Commenta


      • Comunque è proprio nell'era del digitale che si fa sentire questa resistenza all'ambiente fittizio a prescindere.

        Più che il fittizio il problema è il farlocco, anche perché il cinema convive da sempre benissimo con svariate tecniche per l'integrazione tra reale e riproduzione.

        Sarebbe interessante vedere se nel risultato finale si sarà in grado di dire con certezza quali sono le inquadrature che usano lo stagecraft (al punto da risultare fastidiosamente inautentiche).
        Molto dipende anche da quanto Reeves vorrà spingere sulla stilizzazione di Gotham e degli elementi da fumetto.
        Luminous beings are we, not this crude matter.

        Commenta


        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
          Me lo sono chiesto anch'io.

          E sarebbe anche interessante capire se è stata una semplice risposta alla situazione covid o qualcosa di già programmato.

          Anche perché, mi era passato di mente, ma il dop del film è lo stesso di The Mandalorian, e quindi, oltre ad essere uno dei pionieri di questa tecnica magari l'aveva già proposta a Reeves (che pure in Apes si era servito di tecnologie aggiornatissime).

          Per quel poco che si sa fin'ora sono stati allestiti dei grossi set in studio attorniati dai pannelli, quindi si potrebbe ipotizzare che verranno usati quantomeno per riprodurre viste di Gotham dalle finestre.
          Immagino che potrebbero essere utili anche per le inquadrature ravvicinate di qualche scena dentro la Batmobile, magari per rendere possibile qualche inquadratura più complicata di un inseguimento.

          Potrebbero usarla in modo "invisibile" oppure per sperimentare con qualche movimento di macchina altrimenti impossibile.
          Sì vero. La realizzazione del film si fa davvero interessante, sempre più curioso di vedere il risultato finale, il teaser trailer chiaramente era un assaggio talmente preliminare che è molto difficile trarne delle conclusioni.


          Originariamente inviato da Cooper96 Visualizza il messaggio
          Reeves aveva dichiarato che puntava a dare un look molto particolare a questa versione di Gotham. Riprese reali in città inglesi con architetture goticheggianti, e poi in post-produzione aggiunta di grattacieli ed altri edifici moderni, per dare l'impressione di una città attuale ma con un passato sommerso di spessore.
          Ah fico! Spero davvero che vadano in questa direzione, mi piace l'idea di una Gotham visivamente sia antica che moderna.

          Commenta


          • Originariamente inviato da John Doe Visualizza il messaggio
            La critica sull' eccessivo uso della Cgi andrebbe fatta magari alla Snyder Cut , che è girata tutta con i green screen . Senza aver visto il film mi sembra esagerato criticare un prodotto il cui trailer non aveva neanche un ' immagine in Cgi . E tra l'altro Reeves è andato in Scozia e Inghilterra per girare in location gotiche , quindi vuol dire che ci tiene a certe ambientazioni pratiche. Per ora non mi pare ci si debba preoccupare a riguardo .
            Quoto. Ma poi quel che conta è il risultato finale, indipendentemente da come ci si arriva.

            Commenta


            • si ma adesso, non è una colpa costruire uno stile come ha fatto Snyder con il suo cinema basato sul green screen, sopratutto se i risultati sono ottimi

              come state dicendo, guardiamo al risultato più che al modus operandi

              Commenta


              • Pensare che le riprese terminano a Febbraio. Solo per farci un'idea di quanto girato mancasse ancora alla presentazione del primo trailer.
                tumblr_oc8g4uj7aK1sec0ywo1_1280.jpg

                Commenta


                • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                  Tornando al film, sono curioso di capire in che modo la utilizzeranno. A giudicare dalle riprese è evidente che stanno comunque girando parecchio in esterni, quindi non è solo una questione di semplice "praticità" o di abbattimento di costi. Chissà se la useranno per creare una skyline di Gotham, quindi un mix tra elementi reali del set e elementi virtuali.
                  sicuramente verrà utilizzata per ricreare qualche sorta di skyline ma, in generale per dare una certa profondità a tutto l'ambiente.

                  in Mando, la primissima scena ambientata nel pianeta ghiacciato ha una profondità pazzesca ed è praticamente ricreato dallo stagecraft (come tutti gli scorci) e se non ci dicevano di aver utilizzato questa tecnologia, nessuno se ne sarebbe mai accorto.

                  devo dire che l'hype per sto film da dopo il teaser, mi sta crescendo molto
                  "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                  And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                  That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                  # I am one with the Force and the Force is with me #

                  -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                    sicuramente verrà utilizzata per ricreare qualche sorta di skyline ma, in generale per dare una certa profondità a tutto l'ambiente.

                    in Mando, la primissima scena ambientata nel pianeta ghiacciato ha una profondità pazzesca ed è praticamente ricreato dallo stagecraft (come tutti gli scorci) e se non ci dicevano di aver utilizzato questa tecnologia, nessuno se ne sarebbe mai accorto.
                    Non ho ancora recuperato Mandalorian ma da quel che ho visto l'effetto sembra molto buono.

                    Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                    devo dire che l'hype per sto film da dopo il teaser, mi sta crescendo molto
                    Assolutamente, vale anche per me. È chiaro che per il teaser avevano pochissimo, guarda caso hanno fatto vedere prevalentemente gli interni e c'è forse un campo lungo.



                    Commenta


                    • Originariamente inviato da The Inquisitor Visualizza il messaggio
                      L'ho vista in The Mandalorian ovviamente...

                      Poi se voi preferito questo coso invece che un'ambientazione reale non so cosa dirvi.
                      La tecnologia di cui si parla è la naturale evoluzione delle retro-proiezioni usate già agli albori del cinema (King Kong '33, Quarto Potere, tutta la filmografia di Hitchcock,...) poi evolutasi nelle proiezioni frontali su schermi di Scotchlite (tutta la parte preistorica di 2001: Odissea nello Spazio è girata così, interamente in studio), ulteriormente evoluta nelle proiezioni con parziali movimenti di camera (Superman di Donner, Cliffhanger con Stallone,...) e nelle versione Introvision, cioè proiezioni frontali con elementi in primo piano, sovrapposti agli attori (Outland, Il fuggitivo,...) fino ad arrivare a una moderna versione in altissima definizione usata in tutte le riprese sulla torre in Oblivion.

                      L'ulteriore passo avanti della tecnica sviluppata dalla ILM con Epic (ma in realtà c'erano già altri sistemi allo studio e ce ne sono altri in commercio) sta nel fatto che la proiezione non è una diapositiva come in 2001, oppure una ripresa girata in precedenza, ma consiste in una scena 3D renderizzata in tempo reale con i dati provenienti dalla camera, quindi con un tracciamento che ricrea nella scena 3D la stessa parallasse del set reale. Se in una proiezione classica la camera non è perpendicolare allo schermo, il trucco è svelato, ma in questo caso la camera può essere spostata ovunque sul set, consentendo di "navigare" nella scena 3D proiettata.

                      Il limite è che, per ora, si usano solo paesaggi statici o quasi perché un eventuale personaggio animato non avrebbe la stessa resa ottenibile con un rendering offline. Comunque ormai in qualsiasi programma sportivo, o magari nelle previsioni del tempo, si usa una versione semplificata di questa tecnologia.

                      In ogni caso, nulla di veramente nuovo, questa è sempre stata la filosofia del cinema fin dagli inizi.

                      Originariamente inviato da Andrea90
                      Ma nella serie tv di Star Wars com'è il risultato? Migliore del green screen?
                      Per forza, con una proiezione il direttore della fotografia ha già a disposizione sul set la luce ambiente corretta (il sistema ILM-Epic proietta anche sul soffitto) e quindi l'integrazione fra il reale e il digitale c'è già di base, senza la necessità del compositing che avresti con il green screen. Molte inquadrature del Mandaloriano erano già pronte per la finalizzazione subito dopo essere state girate sul set con gli attori.

                      Ah, riguardo le riprese su schermo monocromatico, verde o blu che sia, nulla di moderno, anche quella è una tecnica che si usa dagli anni '20 del secolo scorso, compresi esotismi tipo l'avanzatissimo schermo giallo della Disney, usato in Mary Poppins e preso in prestito da Hirchcock per Gli Uccelli.

                      Tanto per chiudere con un esempio di retro-proiezione moderna che magari pochi conoscono:

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da Cosmo Visualizza il messaggio


                        Tanto per chiudere con un esempio di retro-proiezione moderna che magari pochi conoscono:


                        Non ci credo, questa proprio non la sapevo! Ti lovvo, per quanto non ce ne fosse bisogno questo chiude la questione del "che brutto il cinema di oggi, è tutto finto!1!".

                        Commenta


                        • Un trucco svelato prima è "finto", uno svelato dopo "artigianato".
                          Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 24 October 20, 16:14.
                          Luminous beings are we, not this crude matter.

                          Commenta


                          • C'aveva visto giusto Méliès già 120 anni fa, che considerava il cinema come la naturale prosecuzione del suo mestiere di illusionista da palcoscenico, e l'illusionista non dovrebbe mai svelare i suoi trucchi al pubblico, che dovrebbe limitarsi a fare gli "ooooh!..." di meraviglia.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Cosmo Visualizza il messaggio
                              C'aveva visto giusto Méliès già 120 anni fa, che considerava il cinema come la naturale prosecuzione del suo mestiere di illusionista da palcoscenico, e l'illusionista non dovrebbe mai svelare i suoi trucchi al pubblico, che dovrebbe limitarsi a fare gli "ooooh!..." di meraviglia.
                              e poi cosa metti nei contenuti extra Blu ray ?
                              E soprattutto come si omaggeranno gli artisti che stanno li di dietro a meravigliare il pubblico?

                              Commenta


                              • Terence Winter ha lasciato il ruolo di showrunner nella serie tv di HBO Max che è legata al film The Batman di Matt Reeves.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X