annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Batman

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    I film di Matrix sono tutti Rater-R e sono tutti blockbuster da +150 milioni di dollari (eccetto il primo).
    Arrivati alla sesta incarnazione dello stesso personaggio credo sia lecito fantasticare un cambio di passo.
    Chissà.

    han fatto Il cavaliere Oscuro. Che cambio di passo vuoi?.

    Commenta


    • Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio

      han fatto Il cavaliere Oscuro. Che cambio di passo vuoi?.
      qua si vogliono LE SCOPATEEEEH palese, hanno visto la Kravitz e vogliono di più (e chi non lo vorrebbe?)
      tenor.png

      Commenta


      • Se fai un trailer che scimmiotta Fincher uno finisce per fantasticare quella roba lì, chiaro no?



        Commenta


        • Comunque, fermo restando che del rating mi importa una mazza, a me verrebbe da pensare che per un prodotto tipo Batman si potrebbe anche chiudere un occhio e far passare certe cose che magari non sarebbero concesse ad altri film. Non dico un livello di violenza tipo Joker o The Suicide Squad senza rating R, ma forse qualche goccia di sangue in più, mantenendosi comunque sul PG-13, potrebbero concederla a un film come Batman. Magari sbaglio.

          Ciò detto, non è tanto il cosa ma il come che conta: Batman che pesta come un fabbro il malcapitato di turno può fare effetto anche se poi non vediamo la vittima sbriciolata al suolo, per dire. E secondo me il film camminerà molto su quella linea sottile tra violenza suggerita (suggerita molto bene) e violenza mostrata esplicitamente.
          Ultima modifica di nite owl; 20 ottobre 21, 19:30.

          Commenta


          • Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio
            Sono concetti molto semplici da capire, non c'è effettivamente bisogno di continuare a parlarne.
            Mi permetto di rispondere solo una volta, non vedo poi perché bisogna decidere di chiudere la discussione, è interessante e non mi sembra che si stia andando sul personale, almeno per me non è così. Ti rispondo con un racconto in prima persona e con una riflessione generale.

            Racconto in prima persona
            Mi chiamo Matt Reeves, sono un regista che ha alle spalle la regia del secondo e terzo Scimmie, Cloverfield e Let me in. Conosco molto bene il sistema hollywoodiano e le dinamiche del cinema di genere/commerciale/con un certo budget. Batman mi piace un casino come personaggio e voglio propormi alla Warner con una versione diversa dopo il lavoro di Nolan e Snyder.

            Mi chiamo Matt Reeves e so benissimo che Batman è la IP della DC/Warner con il maggior riscontro commerciale. Voglio proporre una mia versione e puntare su elementi del personaggio poco approfonditi al cinema. Non sono un imbecille, so benissimo che il mito dell'artista romantico che si deve liberare dalle costrizioni imposte è, appunto, un mito, a maggior ragione quando si parla di cinema, blockbuster e Batman, che sì ok è un personaggio fichissimo, ma so anche che tipo di personaggio è e non credo che la maggior parte degli spettatori siano degli adulti cresciuti male che hanno bisogno di una versione adulta di un tizio vestito da pipistrello per legittimarsi del fatto che leggono/guardano ancora sta roba a 40 anni. Rispetto i miei spettatori e so bene che vogliono un film sì fatto bene, ma non è che vogliano un film di Bergman e un trattato di psicopatologia applicato all'uomo pipistrello.

            Riflessione generale
            Tu dici che la questione non è cosa vuole un tipo di spettatore piuttosto che un altro. Vero. L'esempio del Joker ha mostrato che si può andare in una certa direzione anche con questi personaggi iconici dallo spessore della carta velina. Vero. Ma questa esigenza non nasce dagli spettatori, nasce da un tentativo di diversificazione da parte dell'azienda per cercare di vendere i loro personaggi. Ha funzionato una volta (peraltro, privando però del personaggio di quasi tutti gli elementi fumettistici), chi ce lo dice che funzioni ancora?

            Ma soprattutto... perché dovrebbe essere così importante? Tu dici che alla sesta versione del personaggio (dopo Keaton, Kilmer, Clooney, Bale e Affleck) potrebbero spingere verso una certa direzione. Perché? Cosa c'entra con Batman per esempio che scopi? Non ti ho visto lamentarti nel topic di Bond di come il pg-13 limiti il personaggio, eppure è una spia che si scopa lo scopabile e uccide senza scrupoli per avere successo nella sua missione. In effetti, una versione più matura potrebbe spingere di più su questi aspetti, senza avere il limite di dover rendere comprensibili e digeribili le cose anche per un quattordicenne. Ma è così? Importa davvero a qualcuno, a parte una percentuale irrisoria di persone? Quanto guadagnerebbe 'sto film ai tuoi occhi se Reeves avesse detto "vedrete, finalmente Batman in 'sto film scopa e ha disturbi psichiatrici elencati nel DSM"?

            La maggior parte degli spettatori da questi film e questi personaggi vuole un mix tra novità ed elementi ricorrenti e la bravura di un regista con queste IP è sapere muoversi in equilibrio tra le due dimensioni.

            Fermo restando che, alla luce della sua filmografia, dubito altamente che Reeves si possa mai essere sentito limitato dal rating nell'approccio del personaggi. Così come, con buona pace di cesarmanuel10 , se Nolan in TDK avesse cambiato qualche piccolo dettaglio per arrivare al restricted, non sarebbe cambiato quasi nulla, perché, per dire, questa scena



            va benissimo così com'è, e dubito che se avesse avuto l'ok per un Restricted avrebbe cambiato chissà cosa nel come sviluppare il film, le tematiche e il personaggio. Come giustamente ti hanno fatto notare gli altri con l'esempio di Dunkirk, non è che questi autori sono limitati da certe restrizioni, è che non si fanno problemi a muoversi all'interno di questi limiti e non sentono il bisogno di romperli. E alla maggior parte degli spettatori va bene così.


            E inoltre concordo con questo intervento

            Originariamente inviato da p t r l s Visualizza il messaggio

            Il tuo ragionamento parte da due concetti a mio avviso dati troppo per scontati:
            1. Associare automaticamente il rating R ai film per adulti e il PG-13 a quelli per bambini, quando nel primo caso possono rientrare idiozie come Deadpool e nel secondo opere più mature come Dunkirk;
            2. Associare al rating R questa sbandierata libertà artistica, considerato che negli esempi più pubblicizzati come “film per adulti” (Deadpool e Logan) la violenza verbale e grafica era esasperata per sottolineare la loro natura (“bambini state a casa”). Non ricordo di aver sentito dire “venite a vedere questo film maturo ed assolutamente non per bambini” a proposito di Millennium o, per restare in ambito cinecomic, Kick-Ass, cosa invece successa per quei film a cui si è voluto dare il vestito taglia R. Tra l’altro, a volte sono proprio questi paletti da rispettare a stimolare la creatività, vincoli che, ad esempio, hanno contribuito all’arcinota X simbolica di Scarface - Lo sfregiato, film che probabilmente oggi non sarebbe quello che è se fosse stato dato il lasciapassare a tutte le scene violente.

            E questo intervento

            Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio

            han fatto Il cavaliere Oscuro. Che cambio di passo vuoi?.

            Commenta


            • Originariamente inviato da p t r l s Visualizza il messaggio

              Il tuo ragionamento parte da due concetti a mio avviso dati troppo per scontati:
              1. Associare automaticamente il rating R ai film per adulti e il PG-13 a quelli per bambini, quando nel primo caso possono rientrare idiozie come Deadpool e nel secondo opere più mature come Dunkirk;
              2. Associare al rating R questa sbandierata libertà artistica, considerato che negli esempi più pubblicizzati come “film per adulti” (Deadpool e Logan) la violenza verbale e grafica era esasperata per sottolineare la loro natura (“bambini state a casa”). Non ricordo di aver sentito dire “venite a vedere questo film maturo ed assolutamente non per bambini” a proposito di Millennium o, per restare in ambito cinecomic, Kick-Ass, cosa invece successa per quei film a cui si è voluto dare il vestito taglia R. Tra l’altro, a volte sono proprio questi paletti da rispettare a stimolare la creatività, vincoli che, ad esempio, hanno contribuito all’arcinota X simbolica di Scarface - Lo sfregiato, film che probabilmente oggi non sarebbe quello che è se fosse stato dato il lasciapassare a tutte le scene violente.
              Non ho mai asserito che i film bollati come Rated-R sono film più adulti di altri targati pg-13. Ho scritto che un autore che vuole avere la libertà di trattare il linguaggio cinematografico come meglio crede ha più spazio di manovra entro quel grado di censura. Ovvio che dipende anche dal tipo di film che vuoi fare. Se l'intenzione è raccontare la pesca della trota nel Quebec non c'è bisogno.
              ​​​​​​
              Tra l'altro io e altri abbiamo posto l'accento sulla differenza tra contenuti espliciti più immediati come violenza visiva o turpiloqui e altri più sottili come le modalità di trattare determinate tematiche in un racconto per il cinema. Quindi trovo inutile questo continuo mettere a raffronto esempi di film che sono "adulti" per un motivo e altri. Tutti sanno intuire qual'è la differenza che intercorre tra la volgarità sboccata di un Superbad, la violenza grafica di un Hostel e il rating affidato a Schindler's List.

              Se ci teniamo tanto a fare dei confronti, visto che per due trailer è ormai pacifico che Reeves abbia attinto dal cinema di Fincher, portare Se7en e Zodiac mi sembra più idoneo. Ora vi chiedo: queste fonti sono opere che avrebbero funzionato ugualmente bene riadattate per un target differente dal Rated-R ?
              Ultima modifica di MrCarrey; 20 ottobre 21, 20:14.

              Commenta


              • Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio

                Se ci teniamo tanto a fare dei confronti, visto che per due trailer è ormai pacifico che Reeves abbia attinto dal cinema di Fincher, portare Se7en e Zodiac mi sembra più idoneo. Ora vi chiedo le fonti sono opere che avrebbero funzionato ugualmente bene riadattate per un target differente ?
                Perché quelle opere sono nate con uno scopo, un intento e una direzionalità diverse, semplicemente. Il discorso delle fonti mi sembra anche in questo caso irrilevante. Heat è la principale fonte di TDK ed è rating R. Un rating pg-13 lo avrebbe limitato? Sì. Il pg-13 ha limitato TDK? Per alcuni soloni come il fu Marv, che ha rotto i coglioni per mesi su ste cose, sì: per i 2.4. MILIONI di utenti che su Imdb gli hanno dato una media del 9, evidentemente no. Perché, ispirazioni a parte, non sono la stessa tipologia di film, la stessa tipologia di personaggio e la stessa tipologia di progetto.

                Commenta


                • Tom Doniphon poi ti rispondo, ora non ho tempo di leggere il lungo post.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio

                    Perché quelle opere sono nate con uno scopo, un intento e una direzionalità diverse, semplicemente. Il discorso delle fonti mi sembra anche in questo caso irrilevante. Heat è la principale fonte di TDK ed è rating R. Un rating pg-13 lo avrebbe limitato? Sì. Il pg-13 ha limitato TDK? Per alcuni soloni come il fu Marv, che ha rotto i coglioni per mesi su ste cose, sì: per i 2.4. MILIONI di utenti che su Imdb gli hanno dato una media del 9, evidentemente no. Perché, ispirazioni a parte, non sono la stessa tipologia di film, la stessa tipologia di personaggio e la stessa tipologia di progetto.
                    Concordo. Questo non esclude che magari Reeves aveva come obiettivo a monte fare un The Batman rating R. A meno che non si metta a dirlo in giro non lo sapremo mai quali erano gli obiettivi a monte. Quindi non sapremo mai se il PG-13 lo ha davvero limitato.
                    Poi che il PG-13 non sia così tanto limitante e anzi costringa gli autori ad ingegnarsi e da qui possono nascere belle idee di messinscena sono d'accordo.
                    Spoiler! Mostra

                    Commenta


                    • Leggiucchiando i commenti su YT (che peraltro sono strapositivi, il trailer è piaciuto un botto) ho letto uno spunto interessante, un utente ha scritto: "Batman prima di Robin era senza morale e senza scrupoli". Ora, al di là dell'inesattezza di quest'affermazione, devo dire che l'idea di un Robin come elemento riequilibrante della psiche di Batman mi piace molto.

                      Sono l'unico a cui piacerebbe un casino rivedere Robin in un film di Bats?

                      Commenta


                      • Vista l'età di Pattinson e il suo aspetto giovanile non m'interesserebbe (al di là del fatto che a me la Bat-family in generale non mi dice granché).

                        Altro discorso col Bats di Keaton.
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                          Vista l'età di Pattinson e il suo aspetto giovanile non m'interesserebbe (al di là del fatto che a me la Bat-family in generale non mi dice granché).
                          Sai che ero convinto di si?

                          Commenta


                          • Anche io non sono un gran fan della batfamily, ho sempre preferito le storie di Bats in solitario.

                            Devo dire che però l'inserimento di un Robin in ottica "Una morte in famiglia" potrebbe dare qualche sferzata interessante alla saga di Pattinson. I risvolti sarebbero estremamente deprimenti, ma al contempo anche molto potenti.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio
                              Sai che ero convinto di si?
                              Nei fumetti apprezzo quello che Morrison ha fatto con Damian (che, tra l'altro, è davvero figlio di Bruce), ma è una dinamica che funziona sulla pagina disegnata ma che per me non funzionerebbe altrettanto bene in live action (in quel caso ancora di più, vista l'età di Damian che lo porterebbe in un ambito simile a Kick-Ass).

                              In generale a me la tendenza della DC di tirare fuori i vari kid Bats e kid Supes non piace, meglio con Flash perché lì c'è un vero e proprio passaggio di testimone.

                              Come già dissi, l'unico altro Batman che apprezzerei sarebbe Azrael.
                              Se proprio dev'esserci un Robin lo gradirei in ottica di usarlo per Red Hood.
                              Luminous beings are we, not this crude matter.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da MrCarrey Visualizza il messaggio

                                Non ho mai asserito che i film bollati come Rated-R sono film più adulti di altri targati pg-13. Ho scritto che un autore che vuole avere la libertà di trattare il linguaggio cinematografico come meglio crede ha più spazio di manovra entro quel grado di censura. Ovvio che dipende anche dal tipo di film che vuoi fare. Se l'intenzione è raccontare la pesca della trota nel Quebec non c'è bisogno.
                                ​​​​​​
                                Tra l'altro io e altri abbiamo posto l'accento sulla differenza tra contenuti espliciti più immediati come violenza visiva o turpiloqui e altri più sottili come le modalità di trattare determinate tematiche in un racconto per il cinema. Quindi trovo inutile questo continuo mettere a raffronto esempi di film che sono "adulti" per un motivo e altri. Tutti sanno intuire qual'è la differenza che intercorre tra la volgarità sboccata di un Superbad, la violenza grafica di un Hostel e il rating affidato a Schindler's List.

                                Se ci teniamo tanto a fare dei confronti, visto che per due trailer è ormai pacifico che Reeves abbia attinto dal cinema di Fincher, portare Se7en e Zodiac mi sembra più idoneo. Ora vi chiedo: queste fonti sono opere che avrebbero funzionato ugualmente bene riadattate per un target differente dal Rated-R ?
                                Quelle sono opere il cui tema portante è violento alla base, quindi edulcorarle ne avrebbe smorzato l’efficacia. Ma a questo punto ti rigiro la domanda: se Reeves voleva fare un film alla Fincher, scegliere Batman come soggetto e doversi quindi attenere ai dettami del personaggio non è un limite alla sua libertà artistica?
                                'They play it safe, are quick to assassinate what they do not understand. They move in packs ingesting more and more fear with every act of hate on one another. They feel most comfortable in groups, less guilt to swallow. They are us. This is what we have become. Afraid to respect the individual. A single person within a circumstance can move one to change. To love herself. To evolve.'

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X