annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Batman

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Agganciandomi alla dura analisi di MrCarrey , vi ricordate quando si discuteva del rating R e di come fosse più o meno auspicabile in un film del genere? Ecco io ero uno di quelli che non lo riteneva necessario ma vedendo il film mi sono reso conto invece che gli avrebbe fatto davvero bene.

    In fin dei conti questo Batman, nonostante la confezione dark e sporca, è nell'anima molto più vicino al Batman della serie animata che a un personaggio uscito da un film di Fincher o dal Corvo di Proyas.

    Originariamente inviato da Bone Machine Visualizza il messaggio
    Spero almeno che, come promette il trailer, nel film piova tanto, tanta pioggia grassa e scrosciante, almeno lì dentro al cinema ché qua fuori è da due mesi che il dio apollo domina e pare non avere intenzione di scansarsi dal cazzo.
    Ce n'è a pacchi. Per altro ho pensato la stessa identica cosa durante la visione, visto che qui in Piemonte abbiamo passato l'inverno a prendere la tintarella e a fare i gavettoni.

    Originariamente inviato da Sebastian Wilder Visualizza il messaggio
    Ps: purtroppo ormai è un difetto generalizzato delle grosse produzioni ma mi chiedo: perché neanche ci provano più a scrivere dialoghi?. Veri dialoghi dico. I personaggi dicono per 3/4 di film solo robe esplicative di cosa succede in scena, paiono i famosi doppiaggi russi.

    Batman e Gordon non hanno alchimia perché fanno 3 mila cosa insieme in 3 ore di film non si dicono nulla se non spiegarsi cosa sta succedendo, qualcosa che sia direttamente funzionale all'azione scenica. Ah se penso ai film di Burton.

    PSS: non ho mai letto un fumetto di Batman. Do per buono che questo Batman sia il vero batman dei fumetti. Che sto Bruce Wayne emo moscio di Pattinson sia il vero Bruce Wayne dei fumetti invece non ci credo proprio.
    Super d'accordo, il livello dei dialoghi è veramente veramente basic. E' l'ennesimo caso di un regista che ci crede talmente tanto da voler essere anche sceneggiatore, quando invece sarebbe auspicabile far scrivere i film a gente con un tocco un po' più interessante.

    No il Bruce Wayne così deflagrato di Pattinson è abbastanza inedito. Per me un bel tocco, un guscio vuoto che acquisisce vitalità solo quando indossa la maschera.

    Commenta


    • Comunque dai sottolineiamo i difetti giusto per "abbassare un po' i toni" ma ce ne fossero
      . Non è un film che indica una strada o mette in tavola niente di nuovo ma le sue idee ce l'ha e il cinema c'è. Ce ne fossero di più di produzioni così non ci sarebbe da lamentarsi.
      Per i fan di Batman può essere una esperienza ancora più accattivante.

      Commenta


      • Solo io l’ho trovato molto metacinematografico?




        SPOILER

        Inizia con uno spettatore, l’Enigmista, che osserva la famiglia del politico, continua con Wayne che studia su vari schermi ciò che hanno catturato i suoi occhi finti, prosegue con il disvelamento di Catwoman visto attraverso il binocolo di Batman, quindi lo stesso Enigmista che per tutto il tempo spiava e studiava l’ingresso del locale notturno dal suo schermo-finestra, ecc.

        Commenta


        • Invece come facevo notare nel mio primo messaggio io ho notato vari rimandi alla

          Spoiler! Mostra



          Originariamente inviato da fiordocanadese Visualizza il messaggio
          Spoiler! Mostra
          Spoiler! Mostra



          Scusa ma da buon amante delle parole mi ha incuriosito che tu abbia usato quell'espressione e l'ho messa in grassetto, non mi interessa che c'é dietro (mi faccio i cavoli mia) ma scommetto che c'é un motivo perché tu l'abbia usata.

          Cioè ti chiede se era il mio fidanzato? Ma no, lo avrei scritto, che uso sinonimi da quotidiano Libero? .

          Sono andato con un collega di lavoro, che conosco poco fuori dall'ambiente di lavoro (capatina al cinema programmata poche ore prima) , quindi d'istinto non mi è venuto da scrivere "un mio amico".
          Ultima modifica di Sebastian Wilder; 05 marzo 22, 09:43.

          Commenta


          • ma la scena post titoli come l'avete intesa...

            Spoiler! Mostra


            ?

            "Il cinema è un arte soggettiva, quanto la musica, belli i 5 alti bello sentire pareri discordanti ai propri, ma alla fine sono io, uno schermo e tutto quello che ci passa di mezzo."

            "Le barbarie sono lo stato naturale dell'umanità, la civiltà è solo un capriccio dell'evoluzione e delle circostanze". cit.


            ~FREE BIRD~

            Commenta


            • The Batman, già svelato il villain del sequel? Il sito web dell'Enigmista fa spoiler! (everyeye.it)


              Spoiler! Mostra
              possibile villain the sequel?
              Luminous beings are we, not this crude matter.

              Commenta


              • Io vedrò il film lunedì. Intanto, già dal titolo, pare che qui la tocchino piano ...
                The Batman rappresenta una nuova versione dell'Uomo Pipistrello che parla direttamente alle nuove generazioni e costruisce un nuovo punto di riferimento.
                https://www.amazon.it/dp/B08P3JTVJC/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&dchild=1&keywords=mau rizio+nichetti+libri&qid=1606644608&sr=8-1 Il mio saggio sul cinema di Maurizio Nichetti.

                "Un Cinema che non pretende, semplicemente è" cit. Roy.E.Disney

                Commenta


                • THE BATMAN Director Names Hush As The Character He'd Most Like To Incorporate Into The Batverse (comicbookmovie.com)

                  Reeves cita Hush come il nuovo personaggio che vorrebbe usare più di tutti in futuro:

                  "There are so many, and, I dunno... I think Hush is a really interesting one to do. I'll say Hush. But that doesn't mean that the next one will be Hush!"
                  Luminous beings are we, not this crude matter.

                  Commenta


                  • Cosa svela The Batman sui genitori di Bruce Wayne, Martha e Thomas? Scopriamo cos'è che svela l'Enigmista al protagonista del film

                    Commenta


                    • La chiave di The Batman sta nella teen angst in tutti i comparti, dalla recitazione alla fotografia, dalla scrittura alla scenografia

                      Commenta


                      • Commenta


                        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                          THE BATMAN Director Names Hush As The Character He'd Most Like To Incorporate Into The Batverse (comicbookmovie.com)

                          Reeves cita Hush come il nuovo personaggio che vorrebbe usare più di tutti in futuro:

                          "There are so many, and, I dunno... I think Hush is a really interesting one to do. I'll say Hush. But that doesn't mean that the next one will be Hush!"
                          Visto il primo film il suo obbiettivo (e dei produttori) credo sia creare un universo sullo stile delle serie (animate e non) e immagino dei fumetti. Quindi non confini ben delineati tra i villain di questo o quel film (in questo già convivono catwoman che spero di non sbagliare nel dire almeno inizialmente può anche essere usata come villain, pinguino, falcone, enigmista) ma un qualcosa di più ampio con tante linee narrative di vari personaggi (villain e non) che convivono e si intersecano.

                          Commenta


                          • Aggiungo che se davvero il prossimo villain fosse collegato al
                            Spoiler! Mostra

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                              Nei fumetti quante volte è stato davvero data una versione completamente nuova con uno stacco netto paragonabile a quello Burton/Nolan?
                              Beh, se vogliamo dirci che dal lavoro di Miller negli anni '80 al Batman di Morrison e di Snyder abbiamo assistito a delle leggere variazioni sugli stessi elementi possiamo dircelo, ma non è vero.

                              A parte che c'è un abisso di distanza tra il Batman di Anno Uno e quello che viaggia tra le trame del tempo per colpa di Darkseid, a parte che il fumetto si può permettere di combinare molti più elementi perché oltre ai villain può costruire delle variazioni sui comprimari, che il cinema per ora si rifiuta di sfruttare (trann Batman Forever, il cui Robin è uno dei pochi motivi di "interesse"), a parte questo, il discorso qui però è che tu Matt Reeves sei un regista che sta proponendo una nuova versione cinematografica di un personaggio di cui una delle precedenti versioni è diventata un cult ed è entrata di peso nell'immaginario collettivo. In un film in cui ti prendi la briga di volere impostare almeno visivamente e nei toni il personaggio in modo molto diverso dalla versione di Nolan, il fatto poi che da un punto di vista narrativo l'unico climax che ti viene in mente tra il secondo e il terzo atto sia molto simile a quello di quel film non depone a tuo favore. Non a caso non sono certo l'unico che si sta lamentando di questa cosa qui dentro. Non aiuta neanche che ciò che avvia il climax sia un "confronto" tra i due in prigione (quello che si intravvede nei trailer) che anche in quel caso sembra voler giocare di rimando al famoso confronto tra Bats e Joker con TDK, e il punto che non c'è proprio paragone, anche a livello di tensione narrativa. Del resto, siccome al di là di tutte le cazzatine la sceneggiatura di TDK è coi controcoglioni, il fatto che ovviamente il Joker sia anche una minaccia per una persona cara al protagonista rende il tutto narrativamente più interessante.

                              E qui siamo ai motivi per cui l'Enigmista è un personaggio interessante, ma tutto sommato debole (infatti lo ribadisco, per me la vera sorpresa di questo film è il Pinguino): non costituisce mai una minaccia per Batman. Mai. Fortunatamente il film non gira solo intorno a questo e l'Enigmista è un tassello in più all'interno della trama e degli intrighi legata alla malavita. Ma il villain è debole in primis perché non costituisce una minaccia per il protagonista: di fatto, non ha nessuna funzione antagonista. Non c'è nessuno scontro tra i due.

                              Le osservazioni degli utenti sono tutt'altro che fuori luogo e peregrine in questo caso. E del resto, concordo con Sebastian Wilder quando dice che nonostante tutto non mette gran che voglia di attendere un sequel. E sai perché? Perché non si è preso la briga abbastanza di costruire qualcosa di narrativamente interessante.

                              Lasciando perdere la qualità intrinseca dei film, sia lo Spidey di Webb che quello MS cercavano di non puntare sempre sulle solite solfe narrative per dare un po' di linfa alle nuove versioni. Poi Far From Home fa schifo al qazzo, ma perché c'è dietro una mano incompetente, non perché non cercasse di trovare la sua strada per il personaggio.

                              A conti fatti, questo è un film che si salva grazie ad una forma prodigiosa e al sapere settare dei toni che comunque piacciono al pubblico. Nel prossimo sicuramente devono sforzarsi di più.

                              @TheFool rispetto alla questione rating, non sarebbe cambiato proprio niente. Che il film duri tre ore e nonostante questo sia frettoloso nella gestione del climax del terzo atto, alcuni dialoghi da mettersi le mani nei capelli, la scarsa minaccia dell'Enigmista verso Bats sono del tutto indipendenti alla questione rating e hanno a che fare con la scrittura che ci sta dietro.

                              Dopo averci pensato su, credo che l'accoglienza critica su metacritic sia abbastanza corretta per questo film: per quanto conta, è un film tra il 7 e il 7.5.
                              Ultima modifica di Tom Doniphon; 05 marzo 22, 12:19.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio


                                @TheFool rispetto alla questione rating, non sarebbe cambiato proprio niente. Che il film duri tre ore e nonostante questo sia frettoloso nella gestione del climax del terzo atto, alcuni dialoghi da mettersi le mani nei capelli, la scarsa minaccia dell'Enigmista verso Bats sono del tutto indipendenti alla questione rating e hanno a che fare con la scrittura che ci sta dietro.

                                D
                                Ah chiaro quello rimane. Però sai credo che il rating R avrebbe giovato nel delineare i giusti spigoli che qua si vede che sono stati un po' smussati per rimanere sul pg13. Visto il tipo di storia, il tono, l'ambientazione, i villain, lo stesso Batman, credo che senza determinati vincoli (autoimposti eh, lo stesso Reeves ha detto che non aveva intenzione di fare un film vietato ai minori) avrebbero avuto modo di delineare una storia più sporca ed intensa.

                                Non che mi abbia dato in realtà particolare fastidio la cosa eh, in realtà credo che una volta superate certe aspettative e messi davanti all'opera in sé non si può far altro che prendere atto della cosa e godersi quello che viene mostrato. Però mi è effettivamente capitato diverse volte durante la visione di dire "toh qua ci sarebbe stato il rating R".

                                ps: chiaramente è un discorso puramente artistico, lo sanno anche i muri che Batman lo devi vendere anche ai pargoli

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X