annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

The Batman

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Secondo me la trilogia di Nolan è invecchiata male male, e praticamente in 3 film c'è solo una e dico una scena d'azione fatta bene (l'inseguimento di TDK che avviene a metà film). In TDK nel finale c'è quella specie di "visione notturna"/triangolazione che ha Batman quando va a salvare gli ostaggi che è bruttissima.
    Penso di essere uno dei pochi ma la ritengo molto, molto sopravvalutata.

    Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio

    Il Padrino II ad esempio ha una cronologia degli avvenimenti un po' sballata o Rocco che in stile kamikaze suicida uccide Roth etc... eppure giustamente nessuno lo contesta per questo perché la costruzione cinematografica sovrasta i problemi di sceneggiatura.
    Approfondisci.
    Spoiler! Mostra

    Commenta


    • Originariamente inviato da Massi Visualizza il messaggio

      Per me non è un thriller investigativo, certamente c’è quella componente ma tutto è affogato in un concentrato di atmosfere che lo rende quasi metafisico. In altre parole è quanto di più vicino possa essere a un fumetto. E quanto di più lontano possa essere da un qualsiasi film della trilogia di Nolan.
      Bingo in poche parole l'essenza di The Batman

      Commenta


      • Originariamente inviato da The Fool Visualizza il messaggio

        Prospettiva interessante e condivisibile, ma se la componente investigativa (che costituisce l'ossatura principale del film) e la scrittura in generale sono di medio livello, questo non va a detrimento del lavoro sulle atmosfere (quelle sì bellissime)?
        Pensando a tempi recenti, mi verrebbe da dire che il "gioco" sia riuscito meglio a Villeneuve con BR 2049.
        Interessante questo accostamento a BR 2049, mi sono piaciuti entrambi parecchio e quindi non saprei dire quale è riuscito meglio però in effetti sono due film in cui la componente investigativa non è predominante rispetto alla forma. Spero che Reeves nel prossimo non commetta lo stesso errore fatto da Villeneuve con Dune, in altre parole non esageri.

        Commenta


        • Originariamente inviato da Cooper96 Visualizza il messaggio
          TDK nel finale c'è quella specie di "visione notturna"/triangolazione che ha Batman quando va a salvare gli ostaggi che è bruttissima.
          Penso di essere uno dei pochi ma la ritengo molto, molto sopravvalutata.
          Sempre odiata quella parte, che mi fa decisamente rivalutare verso il basso il giudizio complessivo sul film
          http://img7.imageshack.us/img7/4629/batmanvsbane.jpg
          http://jhonillustratore.altervista.org/
          "Anche in questo mondo piove, quando il tuo cuore è turbato il cielo si rannuvola, quando sei triste la pioggia si mette subito a scendere...per me è straziante... chissà se anche tu lo sai quant'è terrificante venire colpiti dalla pioggia in un mondo solitario come questo" Zangetsu


          ***FIRMA MODIFICATA DAL MODERATORE***

          Commenta


          • Buonasera, finalmente sono riuscito a vedere il film, dopo quattro settimane di reclusione causa Covid. Vi ho seguito giorno per giorno, evitando spoiler e leggendo commenti positivi e meno entusiasti.

            Spettacolo delle 17:00, sala piena a metà, famiglie, coppie e gruppi di amici. Bella atmosfera in generale.
            Veniamo al sodo. Il film mi è piaciuto, decisamente. Come immaginavo non è esente da difetti, e le tre ore si sentono. Rivederlo in home video non sarà proprio una passeggiata ma per Batman questo e altro.
            The Batman è il film che mi auguravo venisse fuori dopo la trilogia nolaniana, così da evitare paragoni superflui. Tra gli aspetti migliori sicuramente la Gotham City che viene mostrata, l'atmosfera molto Batman tas anni '90, i personaggi non ancora compiuti, il rapporto Bat-Cat. Ho apprezzato davvero i seguaci/follower dell'enigmista del tutto simili a lui, in stile cartoon. Ci sono bell citazioni a film che ho visto in questi giorni, da the killing joke a The long halloween...
            Quello che manca è un po' di sprint alla fine, la scena che cambia volto a Gotham poteva essere resa meglio, più in grande. Bocciati i personaggi di Falcone e Enigmista, nel senso che gli attori non ce li vedevo proprio in quei ruoli.

            Mi piacerebbe che nei sequel venissero introdotti villain mai visti sul grande schermo (Fireflay, Clayface, Hush, Cappellaio matto) o varianti di altri già visti ma più fedeli ai fumetti/anime come Poison Ivy, Spaventapasseri (stile Arkham).

            Commenta


            • Noto che nessuno ha avuto la mia stessa sensazione che questo film può benissimo essere inquadrato nello stesso universo del Joker di Phoenix, non coincidono esattamente i particolari che riguardano la famiglia Wain, in particolare età e interprete di Thomas, ma per il resto le atmosfere e la drammaturgia, nonché il tipo di "realismo distopico" sono simili e in un certo senso consequenziali. L'evoluzione di quella Gotham 20 anni dopo coincide abbastanza, e c'è il collegamento dato dai tizi truccati, che possono essere intesi anch'essi come un evoluzione dei reazionari con la maschera da clown visti in Joker.
              Anche il ridanciano vicino di cella dell'enigmista può essere un pazzoide, emulo del primo Joker, che ne seguirà le orme con un enfasi criminale e sociopatica estremizzata.
              Attenzione, la mia non è un'esigenza di dover trovare per forza un collegamento, ma credo che piuttosto di fare parallelismi e confronti con la trilogia di Nolan, forse a livello cinematografico ha più senso guardare all'opera di Philips.

              Commenta


              • Mi sorprende la crescente rivalutazione negativa della trilogia di Nolan (tralasciando il terzo che è sempre stato quello più divisivo dei tre).
                Mi ricorda lo stessa tendenza che ci fu qualche tempo fa sugli Spider-Man di Raimi che erano giudicati da molti sopravvalutati, datati o addirittura ridicoli, nonché inferiori ai nuovi Spider-Man di turno (di Webb o Watts a seconda della situazione ) che avevano davvero compreso "lo spirito del personaggio" (anche se poi il trend si può dire si sia un po' invertito, complice l effetto nostagia).
                Un fenomeno molto curioso, devo dire...

                Commenta


                • Si, ma sono accuse ridicole e di poco conto, su internet come al solito ci si sofferma sulle cosette di scarsa rilevanza (sempre che difetti siano), perdendo di vista il quadro generale, che poi è quello che conta davvero.

                  Magari come dice Lord casco nero è solo un pessimo trend attuale che punta a demolire il vecchio per legittimare il nuovo, si spera che nel giro di qualche mese finita l'euforia, ci si renda conto di come sia poca robetta questo Batman di Reeves, specie poi se comparato alle precedenti versioni di Nolan e Burton.
                  Più ci penso sopra e più lo valuto ancor più in negativo questo Batman di Reeves, intrattenimento basico che vorrebbe nascondere qua e là dietro il formalismo monetario della produzione, il vuoto. Sembra che vi sia tutto, ma in realtà non c'è niente.
                  Ultima modifica di Sensei; 14 marzo 22, 11:44.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                    Si, ma sono accuse ridicole e di poco conto, su internet come al solito ci si sofferma sulle cosette di scarsa rilevanza (sempre che difetti siano), perdendo di vista il quadro generale, che poi è quello che conta davvero.

                    Magari come dice Lord casco nero è solo un pessimo trend attuale che punta a demolire il vecchio per legittimare il nuovo, si spera che nel giro di qualche mese finita l'euforia, ci si renda conto di come sia poca robetta questo Batman di Reeves, specie poi se comparato alle precedenti versioni di Nolan e Burton.
                    Più ci penso sopra e più lo valuto ancor più in negativo questo Batman di Reeves, intrattenimento basico che vorrebbe nascondere qua e là dietro il formalismo monetario della produzione, il vuoto. Sembra che vi sia tutto, ma in realtà non c'è niente.
                    Concordo solo in parte con quanto da te scritto. La tendenza di cui parli è un malcostume che oggigiorno va per la maggiore, sta a noi mantenere il focus su cosa sia rilevante e non.
                    ​​​​​​Parlando a titolo personale la trilogia di Nolan la trovo (per ora) inarrivabile, ma questo The Batman non è così scadente come lo dipinge. Assolutamente.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Sensei Visualizza il messaggio
                      Si, ma sono accuse ridicole e di poco conto, su internet come al solito ci si sofferma sulle cosette di scarsa rilevanza (sempre che difetti siano), perdendo di vista il quadro generale, che poi è quello che conta davvero.

                      Magari come dice Lord casco nero è solo un pessimo trend attuale che punta a demolire il vecchio per legittimare il nuovo, si spera che nel giro di qualche mese finita l'euforia, ci si renda conto di come sia poca robetta questo Batman di Reeves, specie poi se comparato alle precedenti versioni di Nolan e Burton.
                      Più ci penso sopra e più lo valuto ancor più in negativo questo Batman di Reeves, intrattenimento basico che vorrebbe nascondere qua e là dietro il formalismo monetario della produzione, il vuoto. Sembra che vi sia tutto, ma in realtà non c'è niente.
                      si potrebbe benissimo portare questo discorso al contrario eh, oggi siamo molto più scassapalle e fondamentalmente non ci va bene nulla valutando magari negativamente qualcosa che probabilmente 15 anni fa ci avrebbe fatto sbrodolare

                      e nessuno qui sta "demolendo" o rivalutando Nolan dai, non esasperate certe valutazioni

                      Commenta


                      • Il "ridimensionamento" della trilogia di Nolan non nasce oggi, Reeves e il suo Batman non c'entrano nulla se non nella misura in cui hanno portato all'attenzione di chi se l'era perse critiche vecchie di anni.

                        Poi chiaro che certe posizioni tipo "TDK merda tenuta a galla da Ledger" sono estreme.
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta


                        • L'esagerazione in negativo verso la trilogia di Nolan non mi stupisce, del resto non si è proprio capaci di reagire alle critiche (in parte anche legittime) a questo film senza sminuire per forza quello che, con buona pace degli utenti, è stato un fenomeno cult del cinema di intrattenimento, e sempre con buona pace di certi utenti a ragion veduta.

                          I limiti del Batman di Nolan sono noti a tutti, a parte i nolabani ovviamente, ma quelli come ha detto mr.fred il più delle volte sono dei disagiati, quindi manco vale la pena di tenerli in considerazione. L'azione tutto sommato scarsa, il completo ridimensionamento della componente fumettistica (a volte a torto, a volte a ragione), la mancanza di costruzione di un'atmosfera particolare, se si esclude un minimo di lavoro in BB (e questo è anche, ma non solo, per via del dop: solo un cieco non vede quanto siano diventati più caratteristici e più spiccanti visivamente i film di Nolan da quando è passato da Pfister a Van Hoytema). Tutte cose in cui questo The Batman è complessivamente superiore (a parte la componente action, che comunque in questo film è fondamentalmente assente).

                          Al di fuori di ogni confronto con la trilogia nolaniana, quel che è certo è che il film è estremamente sbilanciato in termini narrativi, è ABNORMEMENTE lungo e ha un terzo atto non all'altezza dei primi due. Il paragone con i film MS non c'entra un fico secco, e poi torniamo sempre al solito discorso (per me sacrosanto) che è normale essere più "indulgenti" verso film che si presentano come semplici pop-corn movie rispetto ai film che invece vogliono essere considerati qualcosa di diverso.

                          Evidentemente qui qualcuno si è dimenticato (o forse non c'era ancora) come ai Bats di Nolan qui dentro sia stato fatto il pelo e il contropelo, in particolare TDKR, che è stato - col senno di poi giustamente - passato al setaccio per tutte le stronzate e le brutture registiche e di script (ma anche di recitazione, visto che è passata alla storia dei meme la ridicola prova attoriale della Cotillard alla dipartita del suo personaggio) che quel film mostrava

                          Resta il fatto che si può essere mediamente contenti verso questo e contemporaneamente mostrarne i limiti, senza che si tiri fuori il gomblotto, il 5G, o la solita "eh ma sempre meglio dei film MS".


                          Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                          Il "ridimensionamento" della trilogia di Nolan non nasce oggi, Reeves e il suo Batman non c'entrano nulla se non nella misura in cui hanno portato all'attenzione di chi se l'era perse critiche vecchie di anni.

                          Poi chiaro che certe posizioni tipo "TDK merda tenuta a galla da Ledger" sono estreme.
                          Esattamente!
                          Ultima modifica di Tom Doniphon; 14 marzo 22, 12:04.

                          Commenta


                          • il meme è un'altra stronzata da internet, che dovrebbe essere bandita nel giudicare un film, se ci si basa su quelli buonanotte.

                            Questo The Batman dura 3 ore e praticamente non dice nulla di nuovo sul personaggio, con una marea di deja vu, che complici 10 film cinematografici sul personaggio, dà troppo la sensazione di saturazione, complice pure i tanti riferimenti decantati dal regista. Inoltre da dopo l'inseguimento in macchina, il film cala tanto, sino ad un terzo atto frettoloso e compassato, dal climax mediocre rispetto a ciò che viene creato, nonostante l'abnorme durata.

                            Che poi le critiche ai Batman di Nolan da parte di chi vengono? Da finto alternativi che hanno riesumato i Batman di Burton, che denigravano fino a poco prima (Returns era oggetto di molte critiche negative a torto, poi è divenuto opera d'arte dopo l'uscita di TDK) o da Cronenberghiani falliti, dalle idee confuse su cosa debba essere vero cinema d'autore e cosa no; come se i Cahiers du Cinema con le loro battaglie degli anni 50' non fossero mai esistiti.
                            Ultima modifica di Sensei; 14 marzo 22, 12:16.

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da MartyMcFly Visualizza il messaggio

                              si potrebbe benissimo portare questo discorso al contrario eh, oggi siamo molto più scassapalle e fondamentalmente non ci va bene nulla valutando magari negativamente qualcosa che probabilmente 15 anni fa ci avrebbe fatto sbrodolare

                              e nessuno qui sta "demolendo" o rivalutando Nolan dai, non esasperate certe valutazioni
                              Tu c'eri all'epoca di TDKR, non mi sembra proprio che si fosse meno scassapalle di adesso, quello che si è letto in questo topic è all'acqua di rose rispetto a quello che si è detto su quel film. Dai su.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Tom Doniphon Visualizza il messaggio

                                Tu c'eri all'epoca di TDKR, non mi sembra proprio che si fosse meno scassapalle di adesso, quello che si è letto in questo topic è all'acqua di rose rispetto a quello che si è detto su quel film. Dai su.
                                su questo hai ragione

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X