annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Justice League

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Atlantide Visualizza il messaggio
    quindi la scena in cui
    Spoiler! Mostra
    No, quella scena è Snyder (a parte la battuta "Pet cemetery" di Flash e la battuta sul sangue di Batman). Infatti non mi sembra che Kal porti il costume in quella sequenza.
    La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

    Commenta


    • Ma già siete andati tutti al cinema? Stima.

      Io di solito alla prima riesco molto raramente.

      Commenta


      • Io sinceramente ripeto che al netto dei difetti che ci sono e sono evidenti, non lo trovo peggiore del 90% dei film di supereroi usciti. Se dovessi mettermi a cercare scene stupide, incongruenze, fesserie e quant'altro non so quanti e quali film salverei. Entro in sala, vedo il film, esco dalla sala, e non provo sensazioni diverse dagli ultimi film di questo genere che ho visto. Ho passato due orette leggere, ho visto un paio di personaggi dei fumetti lottare uniti contro il cattivone di turno e fine. I film seri e fatti bene sono iniziati e finiti con la trilogia di Nolan, di cui guarda caso, a molte persone che conosco non è piaciuto molto il primo e l'ultimo poiché "troppo lenti". A dirla tutta a me dà più fastidio la piega esagerata che hanno preso alla Marvel di doverci infilare una cazzata ogni 20 secondi, che Affleck con la pancia o qualche evidente mancanza in termini di scrittura dovuta anche al cambio di regista. Alla fine della fiera ritengo siano stati buttati più i soldi per Thor 3 tanto per capirci. Anche se poi non li ritengo buttati, perché tanto sapevo cosa andavo a vedere. Sicuramente è un peccato che in generale, e mi riferisco sia ai Marvel che ai DC, non siano capaci di tirare fuori dei film di un altro spessore, ma la gente vuole film così e quindi pace.
        Duemila anni di storia di Hokuto hanno decretato la vittoria dello spirito sulla materia

        Commenta


        • Però come lo racconta Dwight sembra che tutta la merda è causata da Whedon mentre le cose buone son di Snyder, ma io mi ricordo che BvS faceva schifissimo e lì c'era solo Snyder

          Commenta


          • Più li fanno brutti e più ci fiondiamo al cinema a vederli.
            Mezzo forum lo ha già visto e recensito (compreso Sensei!).
            Ce li meritiamo 'sti cosi!

            Commenta


            • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
              Più li fanno brutti e più ci fiondiamo al cinema a vederli.
              Mezzo forum lo ha già visto e recensito (compreso Sensei!).
              Ce li meritiamo 'sti cosi!

              A mio scusante ci metto che nella mia città - Sassari - siamo rimasti senza cinema due anni. Hanno aperto il multisala tipo due settimane fa e ora devo recuperare, andrei a vedere anche un film con Nino D'Angelo e Mario Merola
              Duemila anni di storia di Hokuto hanno decretato la vittoria dello spirito sulla materia

              Commenta


              • Io salterò pure questo, invece
                Luminous beings are we, not this crude matter.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                  Io salterò pure questo, invece
                  Io invece se trovo come ha fatto Spiderman 1,50 pizza più cinema potrei anche pensarci, magari se mi allungano anche una birra.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da trust Visualizza il messaggio
                    Però come lo racconta Dwight sembra che tutta la merda è causata da Whedon mentre le cose buone son di Snyder, ma io mi ricordo che BvS faceva schifissimo e lì c'era solo Snyder
                    Guarda, in tutta onestà sarebbe da puntualizzare una cosa. JL non è un film di Snyder, sebbene ci raccontino il contrario. La prova è il film stesso. Stare qui a discutere di "quello che sarebbe stato se l'avesse finito Snyder" è superfluo e insensato in quanto non verificabile. Ci sono scene nel film che sono state girate da Snyder al 100% e sono brutte (vedi WW che salva gli ostaggi). L'unica certezza è che negli ultimi sei mesi il film è stato modificato talmente tanto che il risultato è un pasticcio senza identità, senza arte ne parte. Fine.

                    Se l'avesse finito Zack sarebbe stato migliore? Può darsi, perchè tra un film diretto da un'unica persona e un film diretto da due persone di cui una pilotata dallo studio se devo scegliere di che morte morire scelgo la prima. Ma non ha senso nemmeno parlarne, comunque. Poi a me Snyder come regista piace, ma qui in JL anche sotto un punto di vista di messa in scena (che è il suo forte) l'ho trovato decisamente più spompato, misurato e impersonale del solito.

                    Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                    Più li fanno brutti e più ci fiondiamo al cinema a vederli.
                    Mezzo forum lo ha già visto e recensito (compreso Sensei!).
                    Ce li meritiamo 'sti cosi!

                    Ma guarda... io alla causa DC ho contribuito molto... al cinema ho visto 2 volte BB, 3 volte TDK, TDKR, MoS, BvS. Questo JL l'ho visto perchè andava visto, ma ho già convinto o consigliato a molte persone di bypassarlo. Al DCEU non darò più un euro per un bel pò. Cazzo, la prima visione di MoS m'è costata 32 euro. XD Però è stata un'esperienza pazzesca... il più grosso schermo IMAX del mondo (Sydney).
                    La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                    Commenta


                    • Sempre sul pezzo Sentieri Selvaggi:

                      "L’assoluta assenza della prospettiva umana allontana definitivamente Justice League dall’ambizione dell’affresco che era nella chiara idea originaria di Zack Snyder, e dello sceneggiatore affleckiano Chris Terrio che nell’episodio precedente aveva disseminato il racconto di ferite evidenti nell’orizzonte politico USA, di cui qui rimangono solo minimi segni a latere (il Paese virato a lutto per la morte di Superman…), normalizzati se non effettivamente neutralizzati dalla decisa cura-Whedon applicata a posteriori sull’opera (il cui disegno iniziale era ben più monumentale e temerario). L’autore degli Avengers piomba sulla materia dell’epica snyderiana con il dichiarato compito di alleggerirne la portata, e sospenderla per l’appunto verso l’innocuo spettacolo funambolico che si svolge sopra la nostra testa, senza più alcun appiglio o contatto se non quello degli immancabili rimandi interni, l’ennesima invasione del nostro pianeta a conti fatti senza conseguenze e danni collaterali del canone cinecomic recente.

                      Intuizioni straordinarie come il reattore nucleare spento, dentro cui ambientare la battaglia finale vista dagli occhi dell’unica famiglia rimasta ad abitare nella zona, ribadiscono quanto per Snyder fosse centrale il punto di vista degli esseri umani, un’ottica vicina ai suoi Watchmen (pensate a quanto proprio questo episodio avrebbe potuto avvicinarvisi…) ma in versione per tutti i pubblici. E invece, basterebbe guardare lo scempio operato sulla sequenza di resurrezione che è il punto nevralgico del film, in potenza una nuova vetta pronta a far brillare i rimandi tra il simbolismo cristologico che l’uomo d’acciaio abbraccia sin dalla sua prima apparizione (noli me tangere), incrociati con la mitologia working for the rising americana (il monumento commemorativo delle vittime della distruzione precedente di Metropolis). Vista così, assolve unicamente il compito di mandare avanti la macchina spettacolare, che pure perde molte delle trovate che Snyder aveva messo in campo nei primi due capitoli (le zoomate che non riuscivano a tenere il tracking di Superman, i suoi vertiginosi tableaux vivants da Antico Testamento supereroistico, qui tenuti decisamente a bada), limitate soprattutto, come già si intuiva in Batman V Superman, alle parentesi nelle dimensioni parallele, tra le Amazzoni o gli Atlantidei.

                      Ed è paradossale, perché per la prima volta la visione a doppia velocità di Flash avrebbe giustificato coerentemente la passione smodata di Snyder per ralenti e stop&go a scorrimento orizzontale. Quello che resta, allora, sono soprattutto gli istanti a seguire le storie personali dei nostri eroi tragici, Bruce Wayne sempre più stanco e acciaccato, Billy Crudup padre e voce morale di Flash che sembra quasi una metafora del ridimensionamento “dietro il vetro” di Snyder all’interno del progetto, la pubertà meccanica di Cyborg, più di tutto l’inaspettata e sorprendente fragilità di Gal Gadot/Wonder Woman e l’anima stoner rock di Aquaman, spot efficacissimo per il prossimo film tutto dedicato al personaggio di Jason Momoa (che non a caso viene dal cinema in cui si menano per davvero le mani, Sly e Walter Hill…), in arrivo per la regia di James Wan. Ha ragione chi mette a confronto Justice League con il Thor: Ragnarok della scuderia rivale: entrambi i film sembrano fatti unicamente di sequenze post credits, quelle nascoste alla fine dei titoli di coda per anticipare dove andranno a parare gli episodi successivi. Una sorta di versione a fumetti del prossimo villaggio di Kafka: ora, nel ricordo, questa saga mi si contrae a tal punto che, per esempio, non riesco quasi a comprendere come un giovane supereroe possa decidersi ad andare a cavallo sino al prossimo villaggio senza temere (prescindendo da una disgrazia) che perfino lo spazio di tempo, in cui si svolge felicemente e comunemente una vita, possa bastare anche lontanamente a una simile cavalcata.
                      "
                      La profonda mancanza di spiritualità di colui che non percepisce, ma giudica l’arte, il suo rifiuto e la sua mancanza di disponibilità a riflettere sul significato e sullo scopo della propria esistenza nel significato più alto del termine, assai sovente vengono mascherate con l’esclamazione primitiva fino alla volgarità: "Non mi piace!", "Non mi interessa!". Il bello è celato a coloro che non cercano la verità.

                      Commenta


                      • Per me invece il confronto con Thor Ragnarok non calza... ma non in termini di qualità, bensì di intenti, il primo è l'emblema del "lo faccio come cazzo me pare e me ne fotto delka continuity" per essere accostato a quello che invece dovrebbe essere l'inizio del DC Universe, uno follemente indipendente e l'altro completamente assoggettato al volere degli studios. Possono non piacere entrambi, ma non basta questo a renderli uguali.

                        Commenta


                        • Veduto. Un convinto pollice in su. Divertente, vario, piacevole, scorrevole, perfino emozionante in un paio di scene.

                          Il paragone con SS è da mentecatti.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
                            Più li fanno brutti e più ci fiondiamo al cinema a vederli.
                            Mezzo forum lo ha già visto e recensito (compreso Sensei!).
                            Ce li meritiamo 'sti cosi!

                            Io ci sono andato con biglietti gratis, ergo non ho contrubuito di un centesimo ad un eventuale successo finanziario dell'operazione.
                            Mi spiace per i soldi buttati con Homecoming quello si.

                            Comunque diciamo che ho scelto di stabilire una quota di 3-4 blockbuster l'anno al cinema (che non siano di registi di livello tipo Nolan o Cameron) giusto per restare collegato alla realtà e sapere un po' che stada sta percorrendo il mainstream. Quest'anno é toccato a JL, Homecoming e FF 8.

                            Il resto dei blockbusteroni poi uno se li vede 2 anni dopo quando passeranno in TV... sempre che abbia voglia di vederli molti di essi... però non vedo l'ora di vedere nel 2019 Natale ad Asgard in TV.
                            Ultima modifica di Sensei; 17 novembre 17, 19:59.

                            Commenta


                            • Justice-League-Success-Future-Dc-Movie-Release-Slate.jpg

                              JUSTICE LEAGUE

                              Superman è morto e il mondo ora ha di nuovo paura, la violenza è ritornata a dilagare per le strade e la gente è afflitta. Non sono: da un altro mondo un'antica minaccia, che era stata già scacciata in passato dall’alleanza tra popoli guerrieri, sembra aver ritrovato l’energia per attaccare la terra e riconquistare alcuni oggetti perduti, capaci di un enorme quanto misterioso potere. Tocca a Bruce Wayne, che si sente parzialmente colpevole per il sacrificio dell’uomo d’acciaio, chiedere l’aiuto dei metaumani sparsi per il globo al fine di bloccare l’imminente catastrofe.

                              La farò brevissima.

                              Justice League pare la copia carbone di quello che fu Avengers, almeno per quel che riguarda la trama, ma risulta molto diverso soprattutto nello stile visivo e narrativo. Il film Marvel mi piacque di più, obiettivamente, ma questo della DC ne è quasi la versione alternativa, e non sfigura eccessivamente al confronto. I manierismi, le immagini desaturate nonché splendidamente illuminate, che caratterizzavano BvS, ci sono anche qua, ma spariscono completamente i simbolismi, le cartoline pseudo-religiose, le pesantezze allegoriche.
                              La storia prende aria, è più caciarona, più baraccona, ma anche più fluida e meno arrancante, più esplosiva. Ci sono anche qui i laboratori bui, le grotte misteriose, gli edifici abbandonati ed in rovina, ma sono presenti anche le alte e splendenti scogliere, le accecanti praterie, i campi di granturco sferzati dalla luce del tramonto. Ci sono quindi i contrasti, ma poche note stonate.
                              È tutto più superficiale e leggero, ma mai stupido. Si percepisce qualche salto repentino, qualche sforbiciata nel montaggio, ma questa sensazione non incrina la tenuta dell’insieme, come invece succedeva nella versione theatrical di BvS.
                              Il design dei costumi, dei mostri, delle tecnologie in uso all'uomo pipistrello sono fantastici. Le scene alla "signore degli anelli" troppo belle e troppo brevi.
                              È un film d’azione (in alcuni momenti trattasi di grande azione, mai troppo confusa o annegata nella nebbia di pixel del terzo atto di MOS) che non manca di divertire e perfino emozionare in certi frangenti. Ci sono un paio di sorprese (c’è un cameo ad un certo punto che è fantastico), c’è un Superman mai così invincibile, potente e divino, e due scene dopo i titoli di coda che finalmente valgono l’attesa. L'ultima in particolare anticipa quello che sarà JL2.

                              Il DC universe è partito e ha ingranato decisamente la quarta.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da gas74 Visualizza il messaggio
                                Justice-League-Success-Future-Dc-Movie-Release-Slate.jpg

                                JUSTICE LEAGUE

                                Superman è morto e il mondo ora ha di nuovo paura, la violenza è ritornata a dilagare per le strade e la gente è afflitta. Non sono: da un altro mondo un'antica minaccia, che era stata già scacciata in passato dall’alleanza tra popoli guerrieri, sembra aver ritrovato l’energia per attaccare la terra e riconquistare alcuni oggetti perduti, capaci di un enorme quanto misterioso potere. Tocca a Bruce Wayne, che si sente parzialmente colpevole per il sacrificio dell’uomo d’acciaio, chiedere l’aiuto dei metaumani sparsi per il globo al fine di bloccare l’imminente catastrofe.

                                La farò brevissima.

                                Justice League pare la copia carbone di quello che fu Avengers, almeno per quel che riguarda la trama, ma risulta molto diverso soprattutto nello stile visivo e narrativo. Il film Marvel mi piacque di più, obiettivamente, ma questo della DC ne è quasi la versione alternativa, e non sfigura eccessivamente al confronto. I manierismi, le immagini desaturate nonché splendidamente illuminate, che caratterizzavano BvS, ci sono anche qua, ma spariscono completamente i simbolismi, le cartoline pseudo-religiose, le pesantezze allegoriche.
                                La storia prende aria, è più caciarona, più baraccona, ma anche più fluida e meno arrancante, più esplosiva. Ci sono anche qui i laboratori bui, le grotte misteriose, gli edifici abbandonati ed in rovina, ma sono presenti anche le alte e splendenti scogliere, le accecanti praterie, i campi di granturco sferzati dalla luce del tramonto. Ci sono quindi i contrasti, ma poche note stonate.
                                È tutto più superficiale e leggero, ma mai stupido. Si percepisce qualche salto repentino, qualche sforbiciata nel montaggio, ma questa sensazione non incrina la tenuta dell’insieme, come invece succedeva nella versione theatrical di BvS.
                                Il design dei costumi, dei mostri, delle tecnologie in uso all'uomo pipistrello sono fantastici. Le scene alla "signore degli anelli" troppo belle e troppo brevi.
                                È un film d’azione (in alcuni momenti trattasi di grande azione, mai troppo confusa o annegata nella nebbia di pixel del terzo atto di MOS) che non manca di divertire e perfino emozionare in certi frangenti. Ci sono un paio di sorprese (c’è un cameo ad un certo punto che è fantastico), c’è un Superman mai così invincibile, potente e divino, e due scene dopo i titoli di coda che finalmente valgono l’attesa. L'ultima in particolare anticipa quello che sarà JL2.

                                Il DC universe è partito e ha ingranato decisamente la quarta.
                                Finalmente qualcuno non di parte, capisco che non ci troviamo di fronte ad un capolavoro ma ad un film di super eroi divertentente e appassionato che svolge il suo lavoro in maniera meno allegorica e piu' semplice rispetto a Mos e BvS (modalità che io preferivo tra l'altro)ma di sicuro lo fa meglio di Ragnarok o di altra roba sparata dai Marvel Studios ultimamente roba glorificata solo per partito preso da recensori e fan boy che ribadisco non manderanno mai giu il fatto che anche la Dc sta macinando l'universo condiviso.
                                Ultima modifica di Stephentheking; 17 novembre 17, 21:52.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X