annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Justice League

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • A quanto mi hanno detto Jean Paul Valley marchia i criminali, è molto più violento di Bruce Wayne e quasi uccide i criminali passando, quasi, la linea di demarcazione finale che tiene Batman lontano dall'essere un criminale.

    E questo relativo alle saghe anni 90, credo, poi non so come si è sviluppato.

    Commenta


    • Originariamente inviato da HULK SPACCA 70 Visualizza il messaggio
      A proposito della presenza o meno di eroi in BvS....Superman lo è, controverso ma lo è, dato che viene invocato da più parti (incendi, inondanzioni, missili fuori controllo, etc)....Wonderwoman lo è, senza se e senza ma, mantiene un profilo basso ma lo è e non si tira indietro... L'unico che non lo è più è proprio Batman, proprio perché ha scelto di avere un immagine oscura dopo una lunga carriera evidentemente logorante e dopo le perdite subite. Non c'è nulla di decostruito, semmai c'è una visione soggettiva dei vari personaggi, estremizzata semmai, per rimarcarne le differenze e le contrapposizioni.
      Kal El era un Superman decostruito in MoS, qui è un essere che ha già compiuto la sua scelta, deve solo togliere i dubbi a chi lo teme, Batman in primis e i governanti che vedono sminuiti i loro poteri dinnanzi ad un essere del genere.
      Superman è ancora messo sotto processo nel secondo film. Il popolo lo riconosce come un "salvatore" (la parola eroe, è un po' fuori contesto qui) e lui si prodiga per fare tante cose, anche fuori il suo paese ma le istituzioni non lo accettano/tollerano, perché non lo possono controllare; pertanto dai media e dal proprio governo è dipinto come una minaccia. Elemento che Lex sfrutta appunto a suo favore, per orchestrare quel che abbiamo visto ed è chiarissimo, per chi non ha gli occhi ancora avvelenati.

      Un personaggio che è ancora in bilico tra questi due fronti, non può considerarsi un "eroe". Tantomeno una guest star (WW) che ha deciso di fare una vita nell'anonimato.

      In BvS non ci sono eroi, ma c'è una decostruzione sul personaggio di Bats (come c'era stata per Supes in MoS) e con l'occasione si racconta come l'alienazione e l'umanità possono risiedere in persone tanto distanti ma, in fondo uguali.

      Il resto sono pippe e menate di fumettari indignati che aspettandosi uno scontro fra due icone del genere, volevano che tutte le tavolte del fumetto che descrive questo incontro/scontro, si riversassero nel film. Ma a Snyder, tranne il tratteggio estetico di alcuni concetti dei fumetti, non mi pare gli interessi più di tanto il resto. Come è giusto che sia, perché ogni regista deve avere la possibilità di esprimere la propria idea su questi personaggi, così come l'ha fatto Burton e poi Nolan prima di lui e come farà Reeves con il prossimo.

      E' alla fine del film, dopo il sacrificio di Supes che tutto il popolo, compreso il governo, capisce cosa hanno perso: un nuovo messia

      e questa frase è abbastanza emblematica: if you seek his monument look around you
      "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
      And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
      That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


      # I am one with the Force and the Force is with me #

      -= If You Seek His Monument Look Around You =-

      Commenta


      • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

        Superman è ancora messo sotto processo nel secondo film. Il popolo lo riconosce come un "salvatore" (la parola eroe, è un po' fuori contesto qui) e lui si prodiga per fare tante cose, anche fuori il suo paese ma le istituzioni non lo accettano/tollerano, perché non lo possono controllare; pertanto dai media e dal proprio governo è dipinto come una minaccia. Elemento che Lex sfrutta appunto a suo favore, per orchestrare quel che abbiamo visto ed è chiarissimo, per chi non ha gli occhi ancora avvelenati.

        Un personaggio che è ancora in bilico tra questi due fronti, non può considerarsi un "eroe". Tantomeno una guest star (WW) che ha deciso di fare una vita nell'anonimato.

        In BvS non ci sono eroi, ma c'è una decostruzione sul personaggio di Bats (come c'era stata per Supes in MoS) e con l'occasione si racconta come l'alienazione e l'umanità possono risiedere in persone tanto distanti ma, in fondo uguali.

        Il resto sono pippe e menate di fumettari indignati che aspettandosi uno scontro fra due icone del genere, volevano che tutte le tavolte del fumetto che descrive questo incontro/scontro, si riversassero nel film. Ma a Snyder, tranne il tratteggio estetico di alcuni concetti dei fumetti, non mi pare gli interessi più di tanto il resto. Come è giusto che sia, perché ogni regista deve avere la possibilità di esprimere la propria idea su questi personaggi, così come l'ha fatto Burton e poi Nolan prima di lui e come farà Reeves con il prossimo.

        E' alla fine del film, dopo il sacrificio di Supes che tutto il popolo, compreso il governo, capisce cosa hanno perso: un nuovo messia

        e questa frase è abbastanza emblematica: if you seek his monument look around you
        Per dirlo con parole tue....queste sono tutte pippe mentali tue....eroe non è colui o colei che viene etichettato tale sui giornali o in TV, l'eroismo è una cosa che appartiene alle azioni e non all'immagine, si diventa eroi nel momento in cui si decide di sacrificare se stessi per il bene degli altri, non è una questione di superpoteri, eroe è anche l'uomo comune che nessuno conosce, eroe è il vigile del fuoco anche se non passa alla cronaca, per restare in ambito super...eroe è Spiderman anche se per JJJ è un delinquente e lo pubblica apertamente sul proprio giornale, si è eroi anche se metà del mondo non ti vede come tale.
        Infatti di Supes ho scritto "eroe controverso", di WW ho sottolineato la volontà di mantenere un "profilo basso", al di là della battaglia BvsS innescata da Lex, se il mostro fosse arrivato per cazzi sua da chissà dove, lo avrebbero affrontato lo stesso, con le stesse conseguenze, non è che sarebbero volati via dicendo "a noi che ce frega"....se non vedi questo, e vuoi per forza negare tutto ciò che scriviamo gli altri utenti di questo forum, rintuzzando qualsiasi opinione diversa dalla tua, sei tu che sprizzi veleno dai bulbi oculari.

        Commenta


        • Sono sempre più pesanti le accuse di Ray Fisher nei confronti di Joss Whedon e della dirigenza della Warner Bros sul set di Justice League
          "Austria, Polonia, Ungheria vi prendete i migranti? No. Ci pagate per mandare via quelli senza permesso di soggiorno? Sempre No. Fantastico! Eccovi dei fondi europei". cit. Alessandro Masala

          Commenta


          • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

            Superman è ancora messo sotto processo nel secondo film. Il popolo lo riconosce come un "salvatore" (la parola eroe, è un po' fuori contesto qui) e lui si prodiga per fare tante cose, anche fuori il suo paese ma le istituzioni non lo accettano/tollerano, perché non lo possono controllare; pertanto dai media e dal proprio governo è dipinto come una minaccia. Elemento che Lex sfrutta appunto a suo favore, per orchestrare quel che abbiamo visto ed è chiarissimo, per chi non ha gli occhi ancora avvelenati.

            Un personaggio che è ancora in bilico tra questi due fronti, non può considerarsi un "eroe". Tantomeno una guest star (WW) che ha deciso di fare una vita nell'anonimato.

            In BvS non ci sono eroi, ma c'è una decostruzione sul personaggio di Bats (come c'era stata per Supes in MoS) e con l'occasione si racconta come l'alienazione e l'umanità possono risiedere in persone tanto distanti ma, in fondo uguali.

            Il resto sono pippe e menate di fumettari indignati che aspettandosi uno scontro fra due icone del genere, volevano che tutte le tavolte del fumetto che descrive questo incontro/scontro, si riversassero nel film. Ma a Snyder, tranne il tratteggio estetico di alcuni concetti dei fumetti, non mi pare gli interessi più di tanto il resto. Come è giusto che sia, perché ogni regista deve avere la possibilità di esprimere la propria idea su questi personaggi, così come l'ha fatto Burton e poi Nolan prima di lui e come farà Reeves con il prossimo.

            E' alla fine del film, dopo il sacrificio di Supes che tutto il popolo, compreso il governo, capisce cosa hanno perso: un nuovo messia

            e questa frase è abbastanza emblematica: if you seek his monument look around you
            Quindi chi non la pensa come te è semplicemente uno che si fa le pippe mentali ? E poi dove l'hai vista l'umanità in Batman ? Persino quando salva Martha Kent ammazza tutti i criminali senza problemi. Mi chiedo se anche loro non abbiano una madre. Capisci perchè non ha senso la scrittura di questo Batman ? Decostruire non significa incoerenza.

            Commenta


            • Originariamente inviato da John Doe Visualizza il messaggio

              Quindi chi non la pensa come te è semplicemente uno che si fa le pippe mentali ? E poi dove l'hai vista l'umanità in Batman ? Persino quando salva Martha Kent ammazza tutti i criminali senza problemi. Mi chiedo se anche loro non abbiano una madre. Capisci perchè non ha senso la scrittura di questo Batman ? Decostruire non significa incoerenza.
              Ma è seria questa risposta? Cioè se un tuo parente è legato e lo stanno per uccidere, tu ti faresti tutti questi problemi morali? Ma siete seri o state trollando?

              Quindi voi per un stupidissimo rispetto verso i fumetti, avreste voluto vedere Bats che in quella scena, invece di picchiare ferire e magari uccidere il proprio avversario, fosse li a pensare ad un piano per non uccidere nessuno e poi salvare Martha, perché così potevate farvi i gomitini a vicenda e dire "eheh come nel fumetto!". Fa ridere solo a scriverla sta roba, figuriamoci a vederla in scena.

              Qui il problema è che sono appunto vostre pippe mentali. Allo spettatore che vede il film e non ha letto nemmeno un albo, non interessa la questione "uccidere o non uccidere", è abituato al Batman cinematografico ed è aperto ad ogni possibile cambiamento narrativo che non gli faccia rivedere sempre la stessa pappa trita.

              Ergo se Bats uccide o meno i tizi, mentre salva Martha non comporta nessun problema. L'importante in quella situazione è agire il prima possibile per salvarla.

              Poi tutta sta problematica che non ti fa andare giù il film cade proprio nella scena finale dove Bats decide di non uccidere Lex e di non marchiarlo. A testimoniare che ha di nuovo cambiato i metodi e dalla decostruzione sul personaggio è tornata una morale, il senso di giustizia e un cambiamento psicologico non indifferente. Tutti elementi che servivano (e ora servono) per costruire un personaggio migliore nella sua umanità per la JL.

              Anche in MoS quando Supes decide di uccidere Zod è il momento in cui capisce il valore della vita. Il fatto che vi mostrino degli errori dei personaggi in un contesto narrativo, non siginifca che è sbagliato presentare i personaggi così. Supes non era ancora Superman e Bats aveva perso la voglia di essere quel Batman.


              HULK SPACCA 70 stiamo davvero facendo le pulci alla parola "eroe"? a me non interessa dibattere sul suo significato ma il mio messaggio voleva sottolineare come nel film non è questo l'argomento di punta della storia. BvS non è un film che parla di EROI ma parla di alienazione e umanità, ponendo Bats come portatore di una umanità che in realtà ha perso, perché credeva che l'alieno che aveva di fronte non fosse un bene né per l'umanità né per lui. Il momento "martha" serve proprio a sbloccare Bruce Wayne, a farlo rinsavire e fargli capire che in tutta questa storia, si stava trasformando lui nell'alieno, non riconoscendo che di fronte avesse un "umano" quanto lui, che soffre ed ha sentimenti pari se non anche più pesanti, ai suoi.

              quindi il racconto dell'eroe dentro quel film non è il fulcro della storia, è solo un momento che arriva nel finale, quando ormai la popolazione ha perso il suo messia e lo rimpiange.

              per Snyder c'è sempre stato un accostamente platealmente dichiarato nel tratteggiare Supes non come un semplice eroe, ma come un nuovo messia al pari della figura di Gesù, compiendo di fatto gli stessi passi. dove lui qui faceva salvataggi, Cristo faceva miracoli. Entrambe le figure amate dal popolo e disprezzate dai poteri. né più né meno
              "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
              And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
              That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


              # I am one with the Force and the Force is with me #

              -= If You Seek His Monument Look Around You =-

              Commenta


              • Pure il Batman di Burton uccideva però stanno tutti a farsi le seghe che tornerà in Flash.

                Luminous beings are we, not this crude matter.

                Commenta


                • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                  Ma è seria questa risposta? Cioè se un tuo parente è legato e lo stanno per uccidere, tu ti faresti tutti questi problemi morali? Ma siete seri o state trollando?

                  Quindi voi per un stupidissimo rispetto verso i fumetti, avreste voluto vedere Bats che in quella scena, invece di picchiare ferire e magari uccidere il proprio avversario, fosse li a pensare ad un piano per non uccidere nessuno e poi salvare Martha, perché così potevate farvi i gomitini a vicenda e dire "eheh come nel fumetto!". Fa ridere solo a scriverla sta roba, figuriamoci a vederla in scena.

                  Qui il problema è che sono appunto vostre pippe mentali. Allo spettatore che vede il film e non ha letto nemmeno un albo, non interessa la questione "uccidere o non uccidere", è abituato al Batman cinematografico ed è aperto ad ogni possibile cambiamento narrativo che non gli faccia rivedere sempre la stessa pappa trita.

                  Ergo se Bats uccide o meno i tizi, mentre salva Martha non comporta nessun problema. L'importante in quella situazione è agire il prima possibile per salvarla.

                  Poi tutta sta problematica che non ti fa andare giù il film cade proprio nella scena finale dove Bats decide di non uccidere Lex e di non marchiarlo. A testimoniare che ha di nuovo cambiato i metodi e dalla decostruzione sul personaggio è tornata una morale, il senso di giustizia e un cambiamento psicologico non indifferente. Tutti elementi che servivano (e ora servono) per costruire un personaggio migliore nella sua umanità per la JL.

                  Anche in MoS quando Supes decide di uccidere Zod è il momento in cui capisce il valore della vita. Il fatto che vi mostrino degli errori dei personaggi in un contesto narrativo, non siginifca che è sbagliato presentare i personaggi così. Supes non era ancora Superman e Bats aveva perso la voglia di essere quel Batman.


                  HULK SPACCA 70 stiamo davvero facendo le pulci alla parola "eroe"? a me non interessa dibattere sul suo significato ma il mio messaggio voleva sottolineare come nel film non è questo l'argomento di punta della storia. BvS non è un film che parla di EROI ma parla di alienazione e umanità, ponendo Bats come portatore di una umanità che in realtà ha perso, perché credeva che l'alieno che aveva di fronte non fosse un bene né per l'umanità né per lui. Il momento "martha" serve proprio a sbloccare Bruce Wayne, a farlo rinsavire e fargli capire che in tutta questa storia, si stava trasformando lui nell'alieno, non riconoscendo che di fronte avesse un "umano" quanto lui, che soffre ed ha sentimenti pari se non anche più pesanti, ai suoi.

                  quindi il racconto dell'eroe dentro quel film non è il fulcro della storia, è solo un momento che arriva nel finale, quando ormai la popolazione ha perso il suo messia e lo rimpiange.

                  per Snyder c'è sempre stato un accostamente platealmente dichiarato nel tratteggiare Supes non come un semplice eroe, ma come un nuovo messia al pari della figura di Gesù, compiendo di fatto gli stessi passi. dove lui qui faceva salvataggi, Cristo faceva miracoli. Entrambe le figure amate dal popolo e disprezzate dai poteri. né più né meno
                  Complimenti , hai ufficialmente dimostrato di non aver capito nulla del personaggio. Sono proprio i problemi morali che rendono interessanti gli eroi . La grandezza di Batman sta nell' affrontare il peggio di Gotham senza mai tradire i suoi principi. Se tu e Snyder non siete d'accordo , potete benissimo guardarvi la serie Netflix sul Punitore. Così siete più appagati. E non mi parlare poi di situazioni plausibili, perchè i film sono prodotti di finzione e lo sceneggiatore può benissimo farmi credere che l'eroe possa salvare un ostaggio senza ammazzare nessuno. La stessa scena c'è nel fumetto di Miller, e no, non lo uccide . Era indispensabile ammazzare quei tizi al porto solo per piazzare un segnalatore ? Era necessario far esplodere i tizi fuori dal magazzino ? No. Sono tutte scene gratuite.

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                    Pure il Batman di Burton uccideva però stanno tutti a farsi le seghe che tornerà in Flash.
                    Per caso hai mai sentito Burton rompere le palle come Snyder ?

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                      Pure il Batman di Burton uccideva però stanno tutti a farsi le seghe che tornerà in Flash.
                      Non tutti, a me l'idea di multiverso sta preoccupando sia come progetto singolo sia come macrofilone del genere in questo nuovo decennio.

                      Per Batman non sono un fan fumettistico ma rispetto i fumettari che lo leggono, anche perché senza quelli oggi al cinema invece di Batman ci sarebbe Geraldo mascherato. Si chiama Batman perché per quasi un secolo gente (sicuramente spregevole come me) si è comprata i fumetti.
                      Ultima modifica di StoneAngel; 30 October 20, 17:48.

                      Commenta


                      • Originariamente inviato da John Doe Visualizza il messaggio

                        Complimenti , hai ufficialmente dimostrato di non aver capito nulla del personaggio. Sono proprio i problemi morali che rendono interessanti gli eroi . La grandezza di Batman sta nell' affrontare il peggio di Gotham senza mai tradire i suoi principi. Se tu e Snyder non siete d'accordo , potete benissimo guardarvi la serie Netflix sul Punitore. Così siete più appagati. E non mi parlare poi di situazioni plausibili, perchè i film sono prodotti di finzione e lo sceneggiatore può benissimo farmi credere che l'eroe possa salvare un ostaggio senza ammazzare nessuno. La stessa scena c'è nel fumetto di Miller, e no, non lo uccide . Era indispensabile ammazzare quei tizi al porto solo per piazzare un segnalatore ? Era necessario far esplodere i tizi fuori dal magazzino ? No. Sono tutte scene gratuite.
                        Ti sei risposto da solo in questi punti che ho sottolineato. A testimoniare che volevi semplicemente quel che tu hai letto nei fumetti, perché sì.

                        In questi film si trasformano icone da sempre positive, per farne un racconto più al passo con i tempi, dove vige la costruzione di personaggi anti-eroici, pieni di chiari scuri e inseriti in contesti semi-realistici.

                        Un personaggio come Superman che per la massa è poco attrattivo, perché perfettino e sempre altruista, aveva bisogno di una rinfrescata e di una rilettura del personaggio che partisse da origini diverse. Tutto quello che hai visto in quei due film non parlano di eroi già formati, ma in divenire. Quindi quel che tu desideri ardentemente non lo puoi di certo avere in un contesto dove la storia è volutamente costruita per metterli in discussione, decostruirli e solo dopo, in base a quel che hanno passato/vissuto, trovarci la moralità che tu desideravi già dalle prime battute.

                        Superman risorgerà nella JL di Snyder, proprio per aspirare a diventare quel Supes che tutti conoscono. Batman in questo contesto, deve perdere invece la sua aura di "vigilante oscuro", per trovare la sua predisposizione alla leadership e alla collaborazione di gruppo. Continuano ad essere film di formazione che vogliono raccontarci i personaggi sotto altri punti di vista.

                        Se poi tu vuoi che ti fanno la copia carbone del fumetto di Miller, è un tuo problema.

                        Detto ciò, ho esaurito quel che dovevo dire e non voglio sporcare il topic di futili flame.

                        Ti lascio ai tuoi capricci e spero che la nuova formula della JL che uscirà, ti farà ritrovare il piacere di vedere questi personaggi raccontati.
                        Sennò ci sono sempre le serie CW e i giocattoloni della marvel per ritrovare la serenità.

                        "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                        And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                        That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                        # I am one with the Force and the Force is with me #

                        -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                          Ti sei risposto da solo in questi punti che ho sottolineato. A testimoniare che volevi semplicemente quel che tu hai letto nei fumetti, perché sì.

                          In questi film si trasformano icone da sempre positive, per farne un racconto più al passo con i tempi, dove vige la costruzione di personaggi anti-eroici, pieni di chiari scuri e inseriti in contesti semi-realistici.

                          Un personaggio come Superman che per la massa è poco attrattivo, perché perfettino e sempre altruista, aveva bisogno di una rinfrescata e di una rilettura del personaggio che partisse da origini diverse. Tutto quello che hai visto in quei due film non parlano di eroi già formati, ma in divenire. Quindi quel che tu desideri ardentemente non lo puoi di certo avere in un contesto dove la storia è volutamente costruita per metterli in discussione, decostruirli e solo dopo, in base a quel che hanno passato/vissuto, trovarci la moralità che tu desideravi già dalle prime battute.

                          Superman risorgerà nella JL di Snyder, proprio per aspirare a diventare quel Supes che tutti conoscono. Batman in questo contesto, deve perdere invece la sua aura di "vigilante oscuro", per trovare la sua predisposizione alla leadership e alla collaborazione di gruppo. Continuano ad essere film di formazione che vogliono raccontarci i personaggi sotto altri punti di vista.

                          Se poi tu vuoi che ti fanno la copia carbone del fumetto di Miller, è un tuo problema.

                          Detto ciò, ho esaurito quel che dovevo dire e non voglio sporcare il topic di futili flame.

                          Ti lascio ai tuoi capricci e spero che la nuova formula della JL che uscirà, ti farà ritrovare il piacere di vedere questi personaggi raccontati.
                          Sennò ci sono sempre le serie CW e i giocattoloni della marvel per ritrovare la serenità.
                          Ma sei in grado di argomentare un pensiero senza affibbiarmi certe etichette stupide ? Scusa tanto , non te lo tocco più il tuo filmetto.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da John Doe Visualizza il messaggio

                            Ma sei in grado di argomentare un pensiero senza affibbiarmi certe etichette stupide ? Scusa tanto , non te lo tocco più il tuo filmetto.
                            non so di quali etichette parli, mi baso su quanto scrivi. il tutto si può riassumere con "dovevano seguire il fumetto di Miller" e "Batman non uccide" e se su pensieri così, che sbolognano qualsiasi tipo di intervento che cerca una chiave di lettura che magari è sfuggita o che andrebbe ricondiserata, cosa devo pensare?

                            mi pare di aver argomentato abbastanza quelli che secondo me, sono i punti di forza del film e soprattutto qual è lo scopo nel raccontarci di questi personaggi sotto una luce diversa. continuare, significherebbe fare flame, tra l'altro sul topic sbagliato.

                            mi fa sempre sorridere che dopo tutti sti anni dall'uscita di BvS c'è ancora gente indignata per una questione che tocca solo i fumettari incalliti e non mina assolutamente il valore della pellicola. ci saranno sicuramente altri problemi nel film e quello del "batman non uccide" è un mero capriccio, per quanto mi riguarda, sopratutto perché chiunque ha portato avanti sta tesi, non è andato mai oltre il "eh però nel fumetto succede che...".

                            per il resto sei libero di toccare e distruggere il film come meglio credi, a me non tange.. continuo ad apprezzarlo e guardarlo lo stesso
                            "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                            And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                            That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                            # I am one with the Force and the Force is with me #

                            -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                            Commenta


                            • Originariamente inviato da John Doe Visualizza il messaggio
                              Per caso hai mai sentito Burton rompere le palle come Snyder?
                              Quindi se Snyder "rompesse meno le palle", come Burton, il fatto che il suo Batman uccida non sarebbe un problema, come con Burton.
                              Luminous beings are we, not this crude matter.

                              Commenta


                              • Burton non ha mai letto un fumetto e non ha mai dato giustificazioni arroganti come quelle di Snyder. E nonostante mi piacciano i suoi due film, trovo comunque inappropriato i metodi del suo Batman.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X