annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Leggendo Tolkien

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il mio timore è quello di abbandonare ogni tipo di lettura una volta che avrò terminato il Silmarllion asd
    Seriamente, più lo sfoglio e lo leggo e più mi sento davanti a un testo sacro (che in effetti… lo è asd). Nemmeno col Signore degli Anelli arrivavo a provare le emozioni che mi sta suscitando quest’opera.

    Ma nella letteratura fantasy vi è capitato di imbattervi in altre opere (lontanamente, of course) accostabili a un libro del genere?

    Commenta


    • Ciao Roy, brevemente: no.

      A dire il vero mi sono accostato al fantasy letterario solo abbastanza di recente (una decina di anni nemmeno) quindi non ho nel campo una cultura sconfinata, mi sono letto comunque (assieme a Tolkien) Moorcock, Shannara, Sapkowsky, Eddings e Martin tra i primi che mi vengono in mente ma no, nulla è avvicinabile a quanto creato col Silmarillion.

      Hai scoperto la "magia" che permea questa opera e che nel cuore di ogni tolkieniano ha un posto speciale, anche più in alto del SdA, un opera che poteva essere concepita solo da un persona culturalmente ricca come il professore, con il suo bagaglio di esperienza umana e spirituale ampio e articolato.

      Commenta


      • Originariamente inviato da Thorin1 Visualizza il messaggio
        Moorcock, Shannara, Eddings
        Ecco, questi me li segno. Non li conoscevo
        Martin e Sapwowsky voglio iniziarli appena termino il Silmarillion.

        Commenta


        • Rettifico: Shannara è il come del ciclo, l'autore è Terry Brooks - scusami! (Stasera parte in America il telefilm dedicato ad esso tra l'altro...)
          Questo ciclo è carino ma si rifà pesantemente al SdA, specie per i primi romanzi (poi acquisisce una caratterizzazione più originale e riconoscibile).

          Moorcock invece è un grande, il suo antieroe più famoso, Elric di Melniboné, è stato uno dei pochi a catturare la mia attenzione anche quando mi dedicavo ad altre letture, è autore fantasioso e originale ma non aspettarti una prosa raffinata come quella di Tolkien (che, postilla a parte, critica ferocemente...).

          Eddings è purtroppo semisconosciuto, specie in Italia, ma devo dire che amo molto il modo in cui scrive, specie per quel che riguarda la caratterizzazione dei personaggi della sua saga principale (Belgariad).

          PS Parlano bene anche di Eriksson ma ancora non ho letto nulla di lui.

          Ma ripeto - nulla è al livello di Tolkien, almeno nella mia esperienza e sensibilità, specie se apprezzi l'epica che il Silmarillion promana.

          Commenta


          • Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
            Il mio timore è quello di abbandonare ogni tipo di lettura una volta che avrò terminato il Silmarllion asd
            Seriamente, più lo sfoglio e lo leggo e più mi sento davanti a un testo sacro (che in effetti… lo è asd). Nemmeno col Signore degli Anelli arrivavo a provare le emozioni che mi sta suscitando quest’opera.

            Ma nella letteratura fantasy vi è capitato di imbattervi in altre opere (lontanamente, of course) accostabili a un libro del genere?
            No, nessun libro è ancora riuscito a darmi le emozioni che mi dà il silmarillion.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
              Ma nella letteratura fantasy vi è capitato di imbattervi in altre opere (lontanamente, of course) accostabili a un libro del genere?
              Ma che domande, ovviamente Christopher Paolini.

              Come Thorin anche a me mancano ancora delle opere chiave del genere fantasy per poter esprimere giudizi, ma no, fino ad ora, come Tolkien non c'è stato nessuno, né credo ci sarà. Per lui scrivere un romanzo fantasy non era sufficiente, no, lui doveva costruirci intorno un intero fottuto mythos.

              Per curiosità, di preciso cosa de Il Silmarillion ti sta colpendo così tanto?

              Commenta


              • però un momento, Il Silmarillion non ha eguali in quanto a portata, questo è verissimo, però è anche vero che nessun altro libro fantasy ha le sue ambizioni. Lo stesso SdA alla fine si "limita" a raccontare una storia mentre il Silmarillion crea una realtà autosufficente..per poter guardare a qualcosa di così vasto e completo bisognerebbe considerare l'opera intera di Omero
                non si può paragonare con nulla d'altro, neanche con gli altri scritti di Tolkien a dirla tutta. Questa è la sua unicità


                Honour to the 26s

                Commenta


                • In effetti ho pensato anch'io a qualcosa di vicino a Omero.

                  Del Silmarillion, al momento, mi colpisce soprattutto la descrizione talmente minuziosa di un mondo che sembra quasi fosse esistito davvero.

                  Inoltre mi piace come Melkor ricami quasi la figura di Lucifero.

                  Commenta


                  • Possiamo paragonarlo alla Bibbia. Non me ne vengono in mente altre, forse anche tutta la mitologia greca.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Roy E. Disney Visualizza il messaggio
                      In effetti ho pensato anch'io a qualcosa di vicino a Omero.

                      Del Silmarillion, al momento, mi colpisce soprattutto la descrizione talmente minuziosa di un mondo che sembra quasi fosse esistito davvero.

                      Inoltre mi piace come Melkor ricami quasi la figura di Lucifero.
                      non è un segreto che il Silmarillion sia stato la risposta appunto alla tradizione mitologica greca con forti influenze di quella norrena
                      la differenza è che queste sono frutto di decenni di storie raccontate e modificate mentre il Silmarillion è raccolto tutto il 300 paginette


                      Honour to the 26s

                      Commenta


                      • Non per nulla si parla di cosmogonia.

                        Intendiamoci, ci sono altri scrittori che nei loro mondi immaginari hanno tentato di fare ciò (e molto più modestamente la cosa si ravvede anche in certe ambientazioni di gdr ecc), non ultimo Howard col suo Conan (per il quale però scrisse un breve pamphlet di poche pagine) anche se in questo caso siamo di fronte solo ad una traccia.
                        Uncle Scrooge ha ragione, Tolkien invidiava la tradizione mitologica norrena e quella greca, lamentando il fatto che la cultura inglese non avesse nulla del genere.

                        Si tratta comunque dell'opera di un uomo che ha dedicato quasi la sua intera vita alla creazione di questo mito. Servirebbe forse un impegno di pari portata (ed altrettanta cultura, cosa non da poco) per sfornare qualcosa di paragonabile al Silmarillion.

                        Commenta


                        • Originariamente inviato da Thorin1 Visualizza il messaggio
                          Si tratta comunque dell'opera di un uomo che ha dedicato quasi la sua intera vita alla creazione di questo mito. Servirebbe forse un impegno di pari portata (ed altrettanta cultura, cosa non da poco) per sfornare qualcosa di paragonabile al Silmarillion.
                          Ecco, secondo me più che altro questo.
                          Tolkien rispetto allo scrittore fantasy medio aveva una ben più vasta preparazione (basta pensare ai suoi studi di linguistica, storia, etc.) da riversare nella sua opera, quindi è ovvio che anche i risultati del suo lavoro non potevano che essere... diversi.

                          Commenta


                          • io nell'ultimo periodo ho bruciato un po' di asimov...sicuramente non c'è un libro paragonabile al silmarillion però dopo aver letto asimov (per ora ho finito) mi sono detto...ecco uno grandissimo che accosterei a tolkien seppur totalmente differente...

                            P.S. ma qualcuno sa che fine ha fatto lord holy???????

                            Commenta


                            • Nei suoi ultimi post tirava namarië a destra e a sinistra, è probabile che abbia semplicemente smesso di frequentare (almeno regolarmente) il forum.

                              La sezione in cui postava principalmente era questa e mi pare evidente che, a meno che la WB non annunci qualche altro blasfemo progetto basato sui libri di Tolkien, essa sia sul suo personale viale del tramonto.

                              Come sono poetico. Nello scrivere stron*ate almeno.

                              Commenta


                              • suvvia...non voglio pensare che ci si avvicini tolkien solo per i film anche se sicuramente un forte contributo lo ha effettivamente dato...ad ogni modo...non penso che lord smetta di frequentare il forum o questa sezione...sarebbe come abbandonare una passione...spero che non gli sia capitato niente di male nel real visto che non ha risposto nemmeno al mio messaggio privato...a proposito...buon anno a tutti...in ritardissimo...:P

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X