annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Il Signore degli Anelli (libro): quale edizione?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Il Signore degli Anelli (libro): quale edizione?

    Credo potrebbe essere utile condividere le nostre impressioni riguardanti le diverse edizioni pubblicate, nel corso degli anni, del libro Il Signore degli Anelli, quelle in nostro possesso oppure che abbiamo unicamente avuto occasione di esaminare. Ovviamente con un occhio di riguardo per l'Italia, ma senza disdegnare eventuali contributi in merito all'estero, soprattutto per quanto riguarda i testi in inglese, la lingua originale in cui le opere di J.R.R. Tolkien sono scritte.

    Vorrei iniziare segnalando un problema che affligge la (quasi) totalità degli ultimi volumi italiani e che forse non tutti conoscono.

    Nell'ottobre 2003 uscì la famosa versione con traduzione riveduta e corretta dalla Società Tolkieniana Italiana. Purtroppo, per qualche ragione, il testo risultava privo di una ventina di righe:

    Condusse Frodo nella propria piccola stanza che dava sui giardini guardando verso sud, al di là del burrone ove scorreva il Bruinen. Rimasero a lungo seduti, ammirando dalla finestra le stelle luminose in cima ai ripidi declivi boscosi, e parlando dolcemente. Dimenticate le piccole novità e notizie della Contea, dimenticati i pericoli che li minacciavano e le ombre scure e malvagie, parlarono di tutte le cose meravigliose che avevano visto vagabondando assieme per il mondo: degli Elfi, delle stelle, degli alberi, e del tempo dolce e silenzioso in cui un anno luminoso moriva nei boschi.
    Infine udirono bussare alla porta. “Chiedo scusa”, disse Sam, facendo capolino, “ma volevo soltanto sapere se lorsignori avevano bisogno di qualcosa”.
    “Sono io che ti chiedo scusa, Sam Gamgee”, rispose Bilbo. “Suppongo tu intenda dire che è ora per il tuo padrone di andare a letto”.
    “Signore, c’è un Consiglio domattina presto, a quanto pare, e voi oggi vi siete alzato per la prima volta”.
    “Giustissimo, Sam”, disse ridendo Bilbo. “Puoi correre da Gandalf e dirgli che si sta coricando. Buona notte, Frodo! Sai che mi ha fatto proprio piacere rivederti? Dopo tutto, nessuno vale uno Hobbit per una buona chiacchierata. Sto invecchiando, e incomincio a domandarmi se vivrò abbastanza per vedere i tuoi capitoli della nostra storia. Buona notte! Credo che farò quattro passi in giardino per guardare le stelle di Elbereth. Dormi bene!”.

    [Da Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello, Libro II, Capitolo I, Molti incontri]
    e il capitolo Molti incontri dunque si concludeva semplicemente con:

    Condusse Frodo nella propria piccola stanza che dava sui giardini guardando verso sud, al di là del burrone ove scorreva il Bruinen.
    Da allora tutte le successive pubblicazioni, e ristampe delle stesse, presentano tale difetto di omissione, pure la più costosa, ovvero quella illustrata da Alan Lee!

    Al momento so di un'eccezione (ma in tutto sono tre, come testimonio qui) che posso confermare personalmente: la prima edizione (datata settembre 2007) Libri Oro Bompiani è completa. Si tratta di una di quelle economiche, divise in tre volumi. Per la cronaca, è questa: Il Signore degli Anelli in edizione "Libri Oro".
    La mappa è inclusa, solo che è stampata in due pagine interne. In effetti, chiunque non fosse dotato di una buona vista, potrebbe essere costretto a ricorrere ad una lente d'ingrandimento, per apprezzare le scritte sulla Terra di Mezzo, dato il formato tascabile del libro. E fra le didascalie campeggia inspiegabilmente, nella traduzione precedente, l'aberrazione «Questo era anticamente il Reame degli Stregoni di Angmar».

    Degli altri libri, pare che nessuno sia scampato, manco fra i più recenti: né quello del novembre 2011 a volume unico per la Collana Vintage né la ristampa del 20 giugno scorso de Il Signore degli Anelli diviso in tre volumetti per la collana "Tascabili Narrativa", che ha in copertina i disegni originali di J.R.R. Tolkien (La Compagnia dell'Anello, Le Due Torri, Il Ritorno del Re).

    Nonostante le ripetute segnalazioni alla casa editrice Bompiani, da ormai dieci anni le copie fallate stanno continuando a circolare liberamente ed anzi ad aumentare in quantità, visto che l'errore non è mai stato corretto. Evidentemente il numero di lettori che hanno protestato si è finora mantenuto troppo esiguo per ottenere un cambiamento significativo in tal senso.
    Comunque, tutti gli utenti di Facebook interessati alla questione dovrebbero dare uno sguardo a Bompiani: ripristina le 20 righe mancanti da SdA... una recente iniziativa, che potrebbe rivelarsi utile e contribuire alla causa. O quantomeno nella diffusione della notizia, per quanti non ne fossero ancora consapevoli.

    P.S. Magari quello è lo svarione più vistoso, tuttavia su certi siti sono disponibili degli elenchi (come in questa pagina, oppure qui e qui) che davvero potrebbero indurre a leggersi The Lord of the Rings in inglese...

    Originariamente inviato da Lord Holy
    Assolutamente condivisibile, legittima e giusta è invece la "crociata" volta a rivendicare la correzione del problema delle venti righe mancanti in tutte le edizioni de Il Signore degli Anelli attualmente in commercio. Certo, sarebbe in realtà necessaria una revisione più approfondita del testo, per rimediare ad altri errori e sviste fino ad oggi sopravvissuti (ad esempio, restano alcune occorrenze di plurali inesistenti, come Re degli Stregoni di Angmar e mellon/amici... oppure quelli segnalati qui, qui e qui), ma comprendo l'utopia di una simile perfezione e mi accontenterei allora anche solo del ripristino di quella parte mutilata. Oltretutto si tratta di un banale errore tipografico di facile risoluzione, se solo vi fosse la volontà (le tre eccezioni lo testimoniano). E ancor più misterioso è il fatto che, con le ristampe più recenti dell'edizione illustrata da Alan Lee, si siano giustamente preoccupati di aggiornare la mappa (da Rifugi Oscuri a Porti Grigi... tralasciando Stregoni di Angmar - invece di Stregone - ma pazienza...) ma non di rimediare nel contempo pure alle righe perdute...

    Comunque, affinché l'operazione possa stavolta avere successo, sono del parere che lo strumento principe sia purtroppo (dato che non lo uso) Facebook. Questo perché tutte le battaglie del passato (fallite) furono appunto condotte via e-mail, che possono essere cestinate (e tutto muore lì). Al contrario, i post di pubblico dominio hanno maggiori possibilità, secondo me, di essere letti da altre persone (almeno finché non vengono cancellati) e contribuire così a diffondere consapevolezza e conoscenza.

    Ci si potrebbe allora muovere in due direzioni, ovvero sommergendo la Bompiani di richieste, anche sfruttando e segnalando sulla pagina della casa editrice l'esistenza di iniziative come questa, e nel contempo cercando di coinvolgere il maggior numero possibile di realtà (singole persone o comunità) che potrebbero sposare tale causa (magari scrivendo inoltre sui loro siti qualche articolo sull'argomento): Società Tolkieniana Italiana, HobbitFilm.it, FantasyMagazine, Associazione Romana Studi Tolkieniani, Sentieri Tolkieniani, Radio Brea, Eldalie.it, Il Fosso di Helm, Tolkien e dintorni, Bompiani: ripristina le 20 righe mancanti da SdA... e chissà quanti altri ne avrò dimenticati...

    L'unica strada mai tentata, a quanto mi risulta, è quella di sottoporre tale questione proprio sulla pagina Facebook della casa editrice Bompiani. Perché per e-mail, almeno negli ultimi tempi, si è ottenuto sempre e solo il totale silenzio. Mentre, come riscontrato nel caso della raccolta The History of Middle-earth, sul celebre social network si è riusciti a ricevere una qualche risposta...

    Un esito ancor più radicale prevederebbe l'intervento della Tolkien Estate, la società che gestisce i diritti degli scritti di Tolkien per conto degli eredi dello scrittore inglese. A suo tempo, se non sbaglio, fu in grado d'imporre alla Bompiani la pubblicazione dell'edizione de La Leggenda di Sigurd e Gudrún con il testo inglese a fronte, in sostituzione di quella semplice originariamente prevista (poi ritirata dal mercato) con la sola traduzione italiana. Ma chi siamo noi per riuscire a "invocare" una simile risoluzione?

  • #2
    Io ho anche la Bompiani con le illustrazioni di Lee ....si potrebbe apporre la parte mancante coi trasferelli XD


    Qualcosa tipo Spielberg ,ma con le macchine al posto dei dinosauri

    Commenta


    • #3
      Pare che anche l'edizione de La Compagnia dell'Anello uscita il 13 luglio 2005, compresa nell'iniziativa "estate a colori" del Corriere della Sera per la collana Rosso Fantasy, avesse il testo (sempre nella nuova traduzione, ovviamente) completo della suddetta ventina di righe mancanti.

      Originariamente inviato da badge Visualizza il messaggio
      Io ho anche la Bompiani con le illustrazioni di Lee ....si potrebbe apporre la parte mancante coi trasferelli XD
      Sarebbe molto triste, però!

      Commenta


      • #4
        Pare che anche l'edizione de La Compagnia dell'Anello uscita il 13 luglio 2005, compresa nell'iniziativa "estate a colori" del Corriere della Sera per la collana Rosso Fantasy, avesse il testo (sempre nella nuova traduzione, ovviamente) completo della suddetta ventina di righe mancanti.

        Originariamente inviato da badge Visualizza il messaggio
        Io ho anche la Bompiani con le illustrazioni di Lee ....si potrebbe apporre la parte mancante coi trasferelli XD
        Sarebbe molto triste, però!


        Dopo una più attenta ricerca, urgono alcune precisazioni: a ottobre 2003 uscì il primo libro con la traduzione riveduta e aggiornata in collaborazione con la Società Tolkieniana Italiana. Era Il Signore degli Anelli integrato con la prefazione di J.R.R. Tolkien alla seconda edizione inglese e illustrato da Alan Lee (tutti l'avrete presente, ma segnalo i dettagli su soronel, tolkieniano, paperblog). E fu proprio allora che comparì il problema in oggetto del testo mancante.

        Al momento, tutte le edizioni (ripeto, stiamo parlando solo di quelle nella nuova traduzione italiana, pubblicate o ristampate a partire da quella citata, dell'ottobre 2003) sono "difettose", tranne le tre seguenti, che contengono il testo completo:

        [1] La IX edizione Bompiani rilegata e in cofanetto del gennaio 2005 (tolkieniano, tolkieniano, paperblog). Il Signore degli Anelli è qui in volume unico, con copertina rigida, e presenta una sovraccoperta color bronzo con illustrazione dell'Unico Anello. Il libro è conservato in un robusto cofanetto argentato. Sono inclusi due sottili segnalibri in tela. La mappa della Terra di Mezzo, in grande formato e allegata al termine del volume, è aggiornata nei nomi già rivisti nel corpo del testo (quale Porti Grigi in sostituzione di Rifugi Oscuri), al contrario per esempio della succitata edizione illustrata da Alan Lee (che riproponeva la vecchia). Permane Reame degli Stregoni di Angmar, evidentemente sfuggito ancora una volta ai curatori. ISBN-10: 88-452-3420-7 ISBN-13: 978-88-452-3420-0 dim. [hxl]: 225x145, pagine: 1376 (ill. b/n), prezzo: € 39,00

        [2] L'edizione in brossura RCS Quotidiani in tre volumi del luglio 2005 (La Compagnia dell'Anello uscì il 13), prevista all'interno dell'iniziativa "estate a colori" del Corriere della Sera, per la collana Rosso Fantasy (tolkieniano). Non comprende la mappa della Terra di Mezzo. Specifiche comuni per i tre libri: dim. [hxl]: 200x130, pagine: (I)523 (II)409 (III)492 (ill. b/n), prezzo: € 4,90 l'uno (abbinamento editoriale). La Compagnia dell'Anello (soronel, tolkieniano), Le due Torri (soronel, tolkieniano), Il ritorno del Re (soronel, tolkieniano).

        [3] L'edizione rilegata in tre volumi Libri Oro RCS del settembre 2007 (collana Libri Oro Bompiani) (tolkieniano). Hanno copertine rigide bianche, con lucide sovraccoperte argentate che al centro presentano una piccola illustrazione di Alan Lee. La mappa della Terra di Mezzo è come in [1], ma è stampata su due pagine interne, trattandosi di un formato economico. Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello ISBN-10: 88-486-0368-8 ISBN-13: 978-88-486-0368-3 dim. [hxl]: 185x115, pagine: 530 (ill. b/n), prezzo: € 6,00 (soronel, tolkieniano). Il Signore degli Anelli - Le due Torri ISBN-10: 88-486-0370-X ISBN-13: 978-88-486-0370-6 dim. [hxl]: 185x115, pagine: 418, prezzo: € 6,00 (soronel, tolkieniano). Il Signore degli Anelli - Il ritorno del Re ISBN-10: 88-486-0372-6 ISBN-13: 978-88-486-0372-0 dim. [hxl]: 185x115, pagine: 496 (ill. b/n), prezzo: € 6,00 (soronel, tolkieniano).


        Ovviamente se riscontrate qualche errore in quanto ho scritto, oppure se avete altre segnalazioni da fare al riguardo, ovvero altre copie corrette in vostro possesso, sarò ben lieto di aggiungerle alla lista.

        Commenta


        • #5
          permettetemi di aggiungere.......... quale edizione migliore per Lo Hobbit?? ...perchè questo non l'ho ancora letto e vorrei farlo prima dell'uscita in sala...

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da Dirk Pitt Visualizza il messaggio
            permettetemi di aggiungere.......... quale edizione migliore per Lo Hobbit?? ...perchè questo non l'ho ancora letto e vorrei farlo prima dell'uscita in sala...
            In realtà esiste già un'altra discussione dedicata precisamente al tuo quesito, che dovrebbe essere stata approfondita abbastanza, credo. Vi avevo pure scritto un mio contributo, aggiornandola dunque con l'ultima pubblicazione dello scorso giugno. Comunque, nel caso tu avessi ancora qualche dubbio, non esitare a chiedere.
            Con Il Signore degli Anelli deduco tu sia a posto.

            Commenta


            • #7
              grazie! si si con ISDA sono a posto dal '97...

              Commenta


              • #8
                ed eccomi alla terza rilettura de "Il Signore degli Anelli" ed eccomi appunto arrivato al termine di questo capitolo... tra l'altro non ne sapevo nulla della suddetta omissione, per cui ringrazio Lord Holy per aver aperto il topic così da farmi scoprire questa grave mancanza!!
                incredibile (e imperdonabile) la negligenza della Bompiani nel non correggere questa amputazione imperdonabile, presente da ormai 9 anni!!

                ps. leggere un qualunque scritto di Tolkien con affianco "L'atlante della Terra di Mezzo" è un'esperienza decisamente unica... un'opera magistrale per rigore e precisione.
                direi a questo punto che è un mezzo FONDAMENTALE per cogliere a pieno ogni aspetto degli scritti questo illuminato scrittore...

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da martino Visualizza il messaggio
                  tra l'altro non ne sapevo nulla della suddetta omissione, per cui ringrazio Lord Holy per aver aperto il topic così da farmi scoprire questa grave mancanza!!
                  Prego! Lieto di essere stato utile. Di quale edizione e ristampa (importante è anche la data di quest'ultima) si tratta, se non sono indiscreto?

                  incredibile (e imperdonabile) la negligenza della Bompiani nel non correggere questa amputazione imperdonabile, presente da ormai 9 anni!!
                  Il mistero è che solo le tre suddette edizioni sono corrette, mentre tutte le altre no. :brrr:

                  ps. leggere un qualunque scritto di Tolkien con affianco "L'atlante della Terra di Mezzo" è un'esperienza decisamente unica... un'opera magistrale per rigore e precisione.
                  direi a questo punto che è un mezzo FONDAMENTALE per cogliere a pieno ogni aspetto degli scritti questo illuminato scrittore...
                  Concordo. Io dell'opera di Karen Wynn Fonstad possiedo l'edizione in lingua inglese, perché preferivo essere sicuro di avere conformità fra testo e immagini. Per curiosità, nella versione italiana hanno tradotto le scritte e i nomi sulle mappe?

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Lord Holy Visualizza il messaggio
                    Concordo. Io dell'opera di Karen Wynn Fonstad possiedo l'edizione in lingua inglese, perché preferivo essere sicuro di avere conformità fra testo e immagini. Per curiosità, nella versione italiana hanno tradotto le scritte e i nomi sulle mappe?
                    guarda il testo è tradotto molto bene e non noto discrepanze..o per lo meno sicuramente non ve ne sopno di eclatanti!
                    i nomi sulle mappe non sono tradotti, ma lo sono nelle varie descrizioni, in cui fra parentesi c'è anche il nome originale in modo da trovare subito il riferimento nella mappa
                    diciamo che i "disagi" maggiori sono nella contea, dove la traduzione è stata massiccia! ma l'edizione italiana mi sembra molto valida!

                    EDIT: la mia edizione è la 22esima, dell'aprile 2007

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da martino Visualizza il messaggio
                      guarda il testo è tradotto molto bene e non noto discrepanze..o per lo meno sicuramente non ve ne sopno di eclatanti!
                      i nomi sulle mappe non sono tradotti, ma lo sono nelle varie descrizioni, in cui fra parentesi c'è anche il nome originale in modo da trovare subito il riferimento nella mappa
                      diciamo che i "disagi" maggiori sono nella contea, dove la traduzione è stata massiccia! ma l'edizione italiana mi sembra molto valida!
                      Buono a sapersi, grazie! Ma tornando a Il Signore degli Anelli...

                      EDIT: la mia edizione è la 22esima, dell'aprile 2007
                      A riprova che la Bompiani è recidiva nel suo errore. Per caso è una ristampa di questa? Ma almeno la mappa della Terra di Mezzo è "aggiornata" (pur con la svista degli "Stregoni" da me segnalata sopra) oppure no? La verifica è semplice e rapida, controllando se Porti Grigi ha sostituito Rifugi Oscuri, come già avviene nel corpo del testo con la nuova traduzione.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Lord Holy Visualizza il messaggio
                        A riprova che la Bompiani è recidiva nel suo errore. Per caso è una ristampa di questa? Ma almeno la mappa della Terra di Mezzo è "aggiornata" (pur con la svista degli "Stregoni" da me segnalata sopra) oppure no? La verifica è semplice e rapida, controllando se Porti Grigi ha sostituito Rifugi Oscuri, come già avviene nel corpo del testo con la nuova traduzione.
                        sì l'edizione è quella da te linkata
                        e sulla mappa appare Porti Grigi e non Rifugi Oscuri. mentre sì, vi è ancora la stonatissima scritta "questo era anticamente il reame degli stregoni di ANGMAR"... mi ha sempre fatto ridere, anche se in realtà non è molto professionale!

                        a proposito di edizioni del signore degli anelli...
                        la prima volta lo lessi in un'edizione di un mio amico, non ricordo ora qual era la casa editrice.. era in copertina rigida e incredibilmente non era provvista di mappa!! infatti la lettura fu per metà incompresa a causa di questa mancanza..
                        purtroppo non saprei risalire all'edizione, ma mi sembra che l'anno di pubblicazione fosse il 2000, e sicuramente non era Bompiani.

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da martino Visualizza il messaggio
                          sì l'edizione è quella da te linkata
                          e sulla mappa appare Porti Grigi e non Rifugi Oscuri.
                          Menomale.

                          mentre sì, vi è ancora la stonatissima scritta "questo era anticamente il reame degli stregoni di ANGMAR"... mi ha sempre fatto ridere, anche se in realtà non è molto professionale!
                          «Here was of old the Witch-realm of Angmar» fu reso con «Questo era anticamente il Reame degli Stregoni di Angmar» perché nella prima traduzione italiana, per qualche misterioso motivo che non ho mai capito, il Re Stregone (Witch-King) divenne Re degli Stregoni... a parte l'infelice scelta di utilizzare Stregone anche per Wizard (se ripenso alla confusione che avevo in testa alla mia prima lettura... ero stato indotto a credere che un tempo Angmar fosse il reame di Saruman, Gandalf, Radagast ecc. e che il Signore dei Nazgûl fosse il loro Re... ^^' in inglese non avrei mai avuto questi problemi!), proprio non vi era ragione di moltiplicare quello che era l'unico e il solo Stregone di Angmar, passando da un singolare a un inesistente plurale.

                          Con la seconda traduzione italiana del 2003 cercarono di rimediare a questo errore e, infatti, quello che era divenuto il Re degli Stregoni tornò ad essere il corretto e giusto Re Stregone. Tuttavia lasciarono purtroppo inspiegabilmente immutate alcune occorrenze, fra cui il testo nella mappa (Reame Stregato, oppure anche Reame dello Stregone sarebbe stato accettabile... tutto tranne la versione che abbiamo!).

                          la prima volta lo lessi in un'edizione di un mio amico, non ricordo ora qual era la casa editrice.. era in copertina rigida e incredibilmente non era provvista di mappa!! infatti la lettura fu per metà incompresa a causa di questa mancanza..
                          purtroppo non saprei risalire all'edizione, ma mi sembra che l'anno di pubblicazione fosse il 2000, e sicuramente non era Bompiani.
                          Prima di Bompiani i diritti appartenevano a Rusconi. Vi sarebbero anche tutte le edizioni Euroclub, Mondolibri e Club degli Editori, concesse in licenza da Rusconi (prima) o Bompiani (poi). Con così poche informazioni è difficile risalire all'edizione. Ma, ad ogni modo, non mi risulta alcun volume unico che fosse sprovvisto di mappa, stampata nelle pagine interne oppure allegata al libro. Potrei sempre sbagliarmi, ma, secondo me, il tuo amico o si dimenticò di dartela o l'aveva smarrita egli stesso...

                          Commenta


                          • #14
                            Lord Holy Rules! ;D

                            Commenta


                            • #15
                              io ho la XII edizione Bompiani del 2002 (con tutti e 3 i libri in un volume) e la falla delle 20 righe non c'è alla fine del Capitolo "Molti Incontri". Ma frose c'è quella de gli "Stregoni"..

                              questa per intenderci:
                              "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                              And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                              That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                              # I am one with the Force and the Force is with me #

                              -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                              Commenta

                              In esecuzione...
                              X