annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Star Wars: The Mandalorian (Disney+)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    Si è raggiunto davvero un ottimo equilibrio tra effetti pratici e digitali, tant'è che a volte non riuscirei ad indovinare in che modo alcune cose siano state fatte.

    Lascia un commento:


  • Cosmo
    ha risposto
    I soliti bellissimi breakdown del Mandaloriano

    Quanto me piacciono quelle care, vecchie sbiellatine del motion control che si vedono nella prima inquadratura

    Lascia un commento:


  • Alex Murphy
    ha risposto
    Perfetta così

    Lascia un commento:


  • Alex Murphy
    ha risposto
    Originariamente inviato da Sonny Crockett Visualizza il messaggio
    Gina Carano licenziata.
    Non c'entra nulla, ma c'è da dire che in alcune scene appariva leggermente appesantita..

    Lascia un commento:


  • Naihir
    ha risposto
    Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    Cmq le cose che scrive sono davvero troppo plateali e provocatorie per pensare che non lo abbia fatto apposta, avrà le sue ragioni che noi (ancora) non conosciamo.
    Infatti è così. Ed ora le ragioni si conoscono pure, si era già organizzata. Aveva il culetto parato, prima di sparare sta cartuccia LOL

    Ha scritto una roba stupida e volutamente provocatoria. Sapeva benissimo a cosa andasse incontro e con questa mossa la Disney per certi versi le ha dato pure ragione nel contenuto delirante del suo post, reagendo così. Poi vabè che la disney si faccia paladina di ste robe, considerando i sotterfugi che creano in Cina e le leggende che girano intorno al suo fondatore, fa abbastanza sorridere.

    Nelle ultime ore, tanto per far capire i controsensi degli 'mmmuricani, in trend dopo il caso Gina Carano c'è l'hastag #canceldisneyplus

    La cosa che comunque mi fa più ridere di tutta sta storia è la gente che nel suo tweet ci ha trovato "incitamento al nazismo" e "disprezzo verso gli ebrei" e parla della notizia, in questa distorta percezione della realtà che va a braccietto con la distorta percezione da complottista della Carano stessa.

    Detto ciò, il personaggio spero che non subisca recasting (li odio) e che semplicemente la facciano morire offscreen con qualche banalità.

    p.s.
    non è stata "licenziata" comunque. non rinnovare un contratto non è un licenziamento.

    Lascia un commento:


  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    Direi che le ultime dichiarazioni e l'accordo con Ben Shapiro tolgono ogni dubbio sul personaggio:
    Poco più di 24 ore dopo l’annuncio del licenziamento da The Mandalorian, Gina Carano rompe il silenzio e annuncia di essere al lavoro su un film in collaborazione con il sito conservatore The Daily Wire.
    "The Daily Wire mi sta aiutando a realizzare uno dei miei sogni – sviluppare e produrre un film tutto mio. Ho gridato, e la mia preghiera è stata ascoltata. Sto mandando un messaggio diretto di speranza a chiunque tema di essere cancellato dalla mafia totalitaria. Ho appena iniziato a utilizzare la mia voce, che non è mai stata così libera, e spero di ispirare altre persone a fare la stessa cosa. Non possono cancellarci se non glielo permettiamo."
    L’attrice svilupperà, produrrà e sarà protagonista del film che verrà distribuito dal sito sulla propria piattaforma e prodotto in collaborazione con la Bonfire Legend di Dallas Sonnier (Bone Tomahawk).
    “Non potremmo essere più entusiasti di lavorare con Gina Carano, un talento incredibile licenziata da Disney e Lucasfilm per aver offeso la Sinistra Autoritaria di Hollywood. Esistiamo per questo motivo: fornire un’alternativa non solo ai consumatori, ma anche ai creatori che rifiutano di inchinarsi alla mafia,” ha commentato il co-fondatore del sito Ben Shapiro. “Non vediamo l’ora di mostrare agli americani che la amano il talento di Gina, e di mostrare a Hollywood che se vuole continuare a cancellare chi la pensa diversamente non farà altro che aiutarci a costruire l’Xwing che abbatterà la Morte Nera”.

    La Carano è stata “scaricata” anche dalla sua storica agenzia UTA, ma continua a essere rappresentata da Scott Karp presso l’agenzia The Syndication.

    Lascia un commento:


  • Variabile Ind.
    ha risposto
    Deve aver preso troppe botte in testa quando faceva mma...

    Lascia un commento:


  • Sensei
    ha risposto
    Troppo plateale e scoperta, cercava la provocazione più volte.

    Lascia un commento:


  • Maddux Donner
    ha risposto
    Nuovi sviluppi sul licenziamento di Gina Carano e sulla decisione presa dalla Lucasfilm in seguito ai suoi post "inaccettabili" sui social.

    Lascia un commento:


  • mr.fred
    ha risposto
    Cmq le cose che scrive sono davvero troppo plateali e provocatorie per pensare che non lo abbia fatto apposta, avrà le sue ragioni che noi (ancora) non conosciamo.

    Lascia un commento:


  • Tom Doniphon
    ha risposto
    Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    Premesso che parliamo di una celebrità milionaria quindi chi se ne frega del suo destino professionale, di fame non muore, è giusto licenziare una persona per il suo orientamento politico? La riposta è no e spero che nessuno sostenga il contrario.
    La stai facendo decisamente un po' facile. La Carano non è stata licenziata perché è repubblicana (nel qual caso sarebbe sbagliato e ovviamente lei avrebbe delle basi legali per chiedere la reintegrazione o un risarcimento), è stata licenziata perché da mesi sta usando un comportamento social assolutamente discutibile che può ledere l'immagine della Disney. Vediamola in maniera diversa: immaginiamo che nel firmare un contratto la Carano abbia firmato anche delle clausole di comportamento social. È giusto che la Disney l'abbia licenziata, dopo che lei per mesi ha violato una clausola contrattuale? Riposta: sì.

    Capisco che voi italiani, con la vostra accezione asssolutamente statalista del lavoro, facciate fatica a capire questo ragionamento. In Svizzera abbiamo lo stesso problema nel servizio pubblico, dove un dipendente può essere licenziato di fatto solo per comportamenti di rilevanza penale. Nel privato (e quindi, nel mondo reale, non iper-protetto del settore pubblico), se con il tuo comportamento danneggi l'azienda e soprattutto violi ripetutamente delle clausole contrattuali, vieni licenziato. Come è giusto che sia, e la cancel culture centra ben poco.

    Lascia un commento:


  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    A me delle sue idee non fregava nulla (o meglio, me la rendevano antipatica ma non ho problemi a distinguere attrice e personaggio), però c'è da dire che era comunque una dipendente e che è seguita da tante persone sui social, non può scrivere qualsiasi cosa senza aspettarsi conseguenze.
    La Disney può essere anche una società ipocrita ma rimane un'azienda che fa principalmente roba "per famiglie", se un dipendente rischia di lederne l'immagine ripetutamente può succedere questo. Gunn fu licenziato per battutacce vecchie di dieci anni, ma quando scoppiò il caso chiese scusa più di una volta e infatti dopo poco venne reintegrato. La Carano (che non è stata licenziata per il suo orientamento politico ma per i post inappropriati e complottisti) è da mesi al centro di questa polemica ma ha continuato a comportarsi nello stesso modo.

    Lascia un commento:


  • Maddux Donner
    ha risposto
    Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    Premesso che parliamo di una celebrità milionaria quindi chi se ne frega del suo destino professionale, di fame non muore, è giusto licenziare una persona per il suo orientamento politico? La riposta è no e spero che nessuno sostenga il contrario.
    No infatti.

    Lascia un commento:


  • mr.fred
    ha risposto
    Anche fosse quella della cancel culture è davvero una pessima deriva.

    Lascia un commento:


  • Det. Bullock
    ha risposto
    Originariamente inviato da mr.fred Visualizza il messaggio
    Premesso che parliamo di una celebrità milionaria quindi chi se ne frega del suo destino professionale, di fame non muore, è giusto licenziare una persona per il suo orientamento politico? La riposta è no e spero che nessuno sostenga il contrario.
    Kurt Russel e Chris Pratt ancora lavorano, però loro non diffondono sui social la prima stronzata che gli viene in mente.

    Lascia un commento:

In esecuzione...
X