annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Star Wars: Visions (Disney+)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • ReXe
    ha risposto
    https://www.animeclick.it/news/92074...ontana-lontana

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto

    Lascia un commento:


  • Cooper96
    ha risposto
    Mamma mia. Ne ho visti 3 (The Duel, The Ninth Jedi, The Twins) e non riesco ad andare avanti.
    Nel migliore dei casi li considero showreel degli animatori. E non è tanto per la storia elementare (dopotutto sono dei corti) ma sono veramente un coacervo di frasi fatte, stereotipi, fan fiction con zero inventiva. The Twins volevo bucarmi gli occhi per come riprende a cazzo robe della Sequel e le butta lì come vengono.
    Ed io 1 mese fa ero uno di quelli ben disposti verso l'operazione.
    Solo se mi pagassero riuscirei a vedere il resto.

    Lascia un commento:


  • Admiral Ackbar
    ha risposto
    Vabbè mi sembra ovvio che appena uscita sia stata più vista di The Mandalorian in questo periodo, considerando che quella è stata rilasciata l'anno scorso.

    Lascia un commento:


  • ReXe
    ha risposto
    https://www.starwarsnews.it/2021/10/...fSmnyRZYSsY9e0

    Lascia un commento:


  • ReXe
    ha risposto
    dalle reazioni che leggo in giro è diventato il nuovo trend insieme a The Mandalorian, quindi anche se non canon ispirerà molto probabilmente il futuro canon.

    Trovo ironico chi dice meglio della nuova trilogia, questi corti si portano dentro le stesse assurdità che sono state odiate nei nuovi film ma con più dosi, li stanno giustificando solo perchè sono anime, sticazzi il nome che porta.

    Lascia un commento:


  • Kyle Katarn
    ha risposto
    Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio

    Globalmente operazione bocciatissima, già mi puzzava dal trailer e dopo qualche episodio ho capito che più che guardarli per la speranza di trovare qualcosa di valido, ormai li stavo consumando con lo stesso morboso interesse con cui si visita in un freakshow (complice la durata irrisoria).

    Peccato, perché secondo me una serie anime di SW avrebbe senso di esistere, se ben fatta.
    Una bocciatura da parte di Sir Dan Fortesque non me l'aspettavo.

    Devo ancora vederli, ma secondo me hanno sbagliato nel portare Star Wars dentro gli anime, invece di portare gli anime nel mondo di Star Wars. Avremmo potuto avere delle storie che avevano senso nell'universo di Star Wars come lo conosciamo, ma senza le varie trovate eccessive e gli stereotipi degli anime.

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto
    4, La sposa del villaggio.

    Questo è l'episodio che più mi ha dato l'idea che ai realizzatori non fregasse davvero un tubo di raccontare una storia di SW, e abbiano preso qualche classica storiella fantasy che avevano da parte per qualche possibile corto random.

    Devo dire però che una cosa che mi è piaciuta in quasi tutti gli episodi sono le musiche, anche quando, come in quest'ultimo caso, non evocano minimamente nulla che faccia pensare al mondo di SW. Spero che escano gli album.


    Globalmente operazione bocciatissima, già mi puzzava dal trailer e dopo qualche episodio ho capito che più che guardarli per la speranza di trovare qualcosa di valido, ormai li stavo consumando con lo stesso morboso interesse con cui si visita in un freakshow (complice la durata irrisoria).

    Peccato, perché secondo me una serie anime di SW avrebbe senso di esistere, se ben fatta.
    Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 30 settembre 21, 22:45.

    Lascia un commento:


  • ReXe
    ha risposto

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto
    Episodio 3, I gemelli.

    Questo all'inizio aveva anche l'ambientazione "giusta", salvo poi far andare a spasso i personaggi nello spazio come se niente fosse e tutte le altre esagerazioni che vengono dopo (una delle quali sembra ispirata da un concept art di episodio VII dove Rey tagliava un astronava nemica sporgendosi dall'x-wing con la spada laser, o qualcosa del genere).
    Ho apprezzato l'omaggio, anche visivo, a ep. VIII con la manovra Holdo, anche se qua l'hanno estremizzata ai livelli dragonballiani che permeano le scene d'azione (tra l'altro mi ha ricordato un sacco Kill la Kill e infatti leggo che lo studio è lo stesso).
    Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 30 settembre 21, 14:30.

    Lascia un commento:


  • Naihir
    ha risposto
    Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
    Episodio 8, Lop e Ocho.

    Sull'episodio non ho nulla da dire, mi è scivolato addosso (anche se l'ambientazione vagamente miyazakiana mi è piaciuta).

    Più che altro mi chiedo se quest'insitenza sugli elementi giapponesi espliciti sia stata una scelta delle case di produzione o un mandato della Disney.
    Perché normalmente gli anime non hanno bisogno di esibire la loro giapponesità per essere giapponesi nell'animo, possono anche essere ambientati in mondi all'occidentale, avere personaggi con nomi inventati e con pochi o nessun riferimento alla cultura nipponica.

    Qua invece quasi sempre hanno spinto molto su quell'aspetto, al punto di realizzare ambientazione, vestiario, scritte e nomi tipici del Sol Levante.
    Francamente avrei trovato più interessante vedere un'interpretazione anime di SW piuttosto che "robe giapponesi" con appiccicate su due o tre cose di SW.

    Non penso che autori (cito a caso sia dei manga che dell'animazione) come Togashi, la Arakawa, Watanabe o Otomo avrebbero avuto bisogno di affermare così la giapponesità per raccontare delle storie in questo universo.
    è esattamente questo il problema che io ho avuto con questo Visions, esasperare le contaminazioni, quando bastava fare roba come The Ninth Jedi.. ovvero uno stile anime al servizio di SW e non SW al servizio di tutti i cliché possibili sul mondo anime e sulla cultura giapponese.

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto
    Visto il 5°, Il nono Jedi.

    Ecco, ci voleva molto? L'unico episodio fin'ora che sembra davvero un anime di Star Wars.

    Mentre lo guardavo ho scommesso che fosse proprio questo quello realizzato da Kamiyama e ai titoli di coda ne ho avuto conferma, chissà l'episodio che spicca di più tra quelli che ho visto (ma, a leggere in giro, anche quello che sta piacendo di più) è anche l'unico scritto e diretto da un veterano dell'animazione, giusto per ribadire che l'ideale per progetti simili sarebbe affidarsi in primis alle personalità, non alle case di produzione.
    Che non vuol dire avere la certezza che non escano fuori cagate, ma almeno assottiglia le probabilità che accada.

    Detto questo, l'episodio non è neanche chissà che, ma messo a confronto col resto è grasso che cola.
    Inizia con delle atmosfere vagamente alla Agatha Christie (che però non vengono approfondite ma sarebbe interessante se un giorno lo facessero), poi si affida a una prosecuzione classica non lontana da quanto visto nei film recenti (specie ep. VII e RO) e chiude tutto col solito duello.
    Figo il momento in cui la protagonista guida a marcia indietro nel bosco e anche l'idea della spada che si allunga e si accorcia, potrebbe essere usata per dare vita a degli sconti interessanti.

    Certo alla fine non mancano le cazzate, tipo il "Sith" che si redime in 0.5 secondi perché sì.

    Bella l'immagine finale e belle le musiche, forse le migliori tra tutti i corti che ho visto (a memoria).

    Se da questi progetti deve nascere una serie, forse questa è la più sensata da sviluppare, soprattutto se a gestirla ci fosse Kamiyama, con la sua pluri-decennale esperienza.

    Tra l'altro sembra essere l'autore più richiesto in occidente al momento, visto che si è occupato anche della serie animata di prossima uscita su Blade Runner e del film animato in lavorazione sui Rohirrim de Il Signore degli anelli.

    Lascia un commento:


  • The Fool
    ha risposto
    Secondo me è anche una questione relativa alla natura episodica di questo progetto e all'idea di affidare a case di produzione diverse una loro interpretazione, liberi dai vincoli del canon. Sono d'accordo sul coinvolgimento di autori di livello, forse però associati ad una serie o un film ufficiale che li obbligasse a muoversi entro determinati confini.

    Lascia un commento:


  • Sir Dan Fortesque
    ha risposto
    Lucas si è solo ispirato ai samurai e a qualche film giapponese, come a mille altre cose, ma se la vogliono vedere come appropriazione culturale

    Poi non sappiamo se sia un aspetto caldeggiato dalla stessa Disney, oppure qualche fisima delle case di produzione.
    Io sono quasi convinto che se avessero coinvolto in primis degli autori di un certo livello, il risultato sarebbe stato diverso anche negli intenti (e faccio nuovamente l'esempio di Animatrix).

    Lascia un commento:


  • ReXe
    ha risposto
    A molti fan giapponesi non è piaciuto questo insistere di roba giapponese, 5 episodi su 9 sono così.
    Spero di sbagliarmi, non è che forse SW e considerato appropriazione culturale visto le ispirazioni di Lucas e il troppo giappo nasce da questo?
    Di questi tempi che tutti devono fare revisione su tutto e chiedere scusa per tutto, un pensiero allarmante viene.
    Ultima modifica di ReXe; 29 settembre 21, 08:15.

    Lascia un commento:

In esecuzione...
X