annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Star Wars VIII: Gli ultimi Jedi (Rian Johnson)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Sì infatti, non l'ho capita questa polemica, anche perché nei cartoni i personaggi hanno tutti (o quasi) voci diverse dalla loro versione in carne e ossa. Tra l'altro c'è un motivo se Hamill non ha mai interpretato Joker in live-action pur essendo un doppiatore con i controcazzi, non è la stessa cosa.
    La polemica comunque ci sarebbe stata pure se avessero tenuto la doppiatrice di Ahsoka considerando che il personaggio (pur essendo aliena) non è che abbia tratti proprio caucasici.

    Commenta


    • diciamo che la polemica è sempre dietro l'angolo con questi progetti, difficile non averne qualsiasi scelta venga presa

      Commenta


      • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
        Apro una parentesi che ultimamente mi fa abbastanza sorridere e che, di riflesso coinvolge anche questo tizio.

        Ma perché si da tanta importanta a dei semplici doppiatori che prestano la loro voce ai personaggi? Mi è capitato di leggere di gente delusa che Rosario Dawson (cioè.. una figa pazzesca che almeno è un'attrice e sa recitare) possa interpretare Ahsoka in live action, perché volevano sentire ancora la doppiatrice in questo ruolo. WOT?

        E' follia pura. Per me questi doppiatori (che sono bravi nel loro lavoro di fare le voci) devono restare nei loro territori. Per il resto, dove c'è un attore (e Park con Maul non lo è, mentre la Dawson sì) è giusto che si mantenga sia il fisico che la sua voce. Altrimenti andiamo pure a ridoppiare Anakin e Kenobi o tutti i cloni, perché "ci si è affezionati alla voci della serie animata".
        C'è però un punto che, al di là dei desideri illusori fanatici che non serve nemmeno spiegare ovviamente, non consideri: quel che fanno in america in lavori come questo non è doppiaggio, ma voice acting. Il doppiaggio prevedere il replicare in un altra lingua quel che è stato fatto da un attore (non importa se in video o anch'esso in una sala di incisione), mentre il voice acting è l'attore che da forma al personaggio su cui poi gli animatori daranno vita seguendo l'inciso dell'attore. Quel che tu dici è sbagliato, ma anche svilente per gli interpreti stessi che hanno plasmato quel ruolo, specie quando dici che devono restare "nei loro territori" come se non fossero performer a 360° come lo sono quasi tutti in quel di hollywood. E non a caso te li ritrovi abitualmente in molte serie tv, ma anche in film al cinema. Questo perché, come detto, equivochi il lavoro, ma ti approcci al mondo del doppiaggio per come è qui in italia (che comunque, anche qui, gli attori che si prestano al doppiaggio, alcuni di essi, fanno anche tv e cinema perché appunto attori) che è settorializzato, come ogni cosa in sto paese. Sentire l'opinione di witwer non mi sembra una cosa strampalata: è un membro del cast di una cosa di star wars, che c'è di male se dice la sua su star wars? Poi, come ogni cosa, lascia il tempo che trova.
        Ultima modifica di Maddux Donner; 09 maggio 20, 02:16.
        "Vabbè camerata, beviti un po' quello che ti pare e torna su VKontakte a scrivere di come vorresti sparare ai politici e di quanto la Meloni sia la tua waifu, va benissimo". cit.

        Commenta


        • Conosco il mondo del doppiaggio e so che li non lo hanno, inteso come il nostro. Ma ho utilizzato per comodità un termine che tutti conosciamo come "doppiatori".

          I loro prefromer vocali sono comunque persone vincolate a fare quel tipo di lavoro, così come lo fanno molti nei videogiochi. Sono pochi quelli che poi hanno anche avuti ruoli in tv. Qui nella Disney giusto Latner che da la voce ad Anakin e Witwer (che rimangono attori "di serie b" se proprio vogliamo dirlo). Pretendere che la tizia che da la voce ad Ahsoka reciti anche nella parte live-action è ridicolo in primis perché fisicamente non c'azzecca nulla, o che una attrice rodata e attivissima come Rosario Dawson deve addirittura farsi doppiare e non utilizzare la sua voce, perché un gruppo di schizzati vuole la voce del cartone.

          Tu invece dimentichi che il più delle volte a hollywood farsi doppiare in un film equivale ad essere tipo un cane a recitare o di non essere un attore ma un prestavolto. Ray Park non è mai stato un attore e difatti anche in Ep1 fu doppiato per quel breve tempo che parla. Fare una cosa del genere su un attore professionista è sminuire il suo lavoro
          "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
          And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
          That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


          # I am one with the Force and the Force is with me #

          -= If You Seek His Monument Look Around You =-

          Commenta


          • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
            Conosco il mondo del doppiaggio e so che li non lo hanno, inteso come il nostro. Ma ho utilizzato per comodità un termine che tutti conosciamo come "doppiatori".

            I loro prefromer vocali sono comunque persone vincolate a fare quel tipo di lavoro, così come lo fanno molti nei videogiochi. Sono pochi quelli che poi hanno anche avuti ruoli in tv. Qui nella Disney giusto Latner che da la voce ad Anakin e Witwer (che rimangono attori "di serie b" se proprio vogliamo dirlo). Pretendere che la tizia che da la voce ad Ahsoka reciti anche nella parte live-action è ridicolo in primis perché fisicamente non c'azzecca nulla, o che una attrice rodata e attivissima come Rosario Dawson deve addirittura farsi doppiare e non utilizzare la sua voce, perché un gruppo di schizzati vuole la voce del cartone.

            Tu invece dimentichi che il più delle volte a hollywood farsi doppiare in un film equivale ad essere tipo un cane a recitare o di non essere un attore ma un prestavolto. Ray Park non è mai stato un attore e difatti anche in Ep1 fu doppiato per quel breve tempo che parla. Fare una cosa del genere su un attore professionista è sminuire il suo lavoro
            mi hai fatto venire in mente un fatto sulla questione videogiochi
            chi da la voce ai personaggi di GTA5 e RDR2 vive di rendita con le convention e non sono mai apparsi! solo doppiaggio

            Commenta


            • Originariamente inviato da A.Crowley Visualizza il messaggio

              mi hai fatto venire in mente un fatto sulla questione videogiochi
              chi da la voce ai personaggi di GTA5 e RDR2 vive di rendita con le convention e non sono mai apparsi! solo doppiaggio
              L'attore che fa Trevor in GTA5 ha avuto dei piccoli ruoli in tv, ad esempio in Westworld e in Better Call Saul. Però quella è una cosa diversa, il personaggio è modellato su di lui anche fisicamente quindi in caso di una trasposizione live-action sarebbe naturale pensare a lui come prima scelta.

              Commenta


              • Originariamente inviato da Admiral Ackbar Visualizza il messaggio
                L'attore che fa Trevor in GTA5 ha avuto dei piccoli ruoli in tv, ad esempio in Westworld e in Better Call Saul. Però quella è una cosa diversa, il personaggio è modellato su di lui anche fisicamente quindi in caso di una trasposizione live-action sarebbe naturale pensare a lui come prima scelta.
                effettivamente hai ragione, non viene presa tutta la fisionomia ma gran parte si

                Commenta


                • Nei giochi i modelli 3d o vengono generati da modelli/e veri oppure hanno la fisionomia simile agli attori che prestano la voce

                  In SW ad esempio in Battlefront 2 nella modalità single player c'è il personaggio di Iden Versio che è praticamente l'attrice Janina Gavankar. Questa sì che potrebbero tranquillamente chiamarlase il suo personaggio finisce in live-action
                  "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                  And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                  That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                  # I am one with the Force and the Force is with me #

                  -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                  Commenta


                  • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio

                    Beh trovare argomenti di cui parlare su una cosa così stupida, dovresti apprezzarla invece di lamentartene.

                    Io il personaggio in questione lo conosco, quindi ti ho fornito un po' di elementi in più per considerare se il suo è stato un intervento utile o un mero sfogo. Poi sei libero di pensare quello che vuoi sui film, su di lui e su di me.



                    Io ho scritto per quasi un anno e mezzo su Ep8 senza scadere nel fanboysmo o per sostenere uno schieramento. Ho sempre portato esempi concreti e non "sfoghi" fine a se stessi. Parlo di elementi tangibili che trattano non solo la passione per la saga ma anche lo stile registico del suddetto regista e dell'altro chiamato in causa.

                    Ti sfugge poi una cosa essenziale, a me non entra nulla a parlar male di un prodotto che teoricamente amo e apprezzo. Sarei stato il primo a voler esultare per un Ep9 di Abrams stupefacente e che mi appagasse. Se così non è stato, mica è colpa mia, tra l'altro non avevo nemmeno aspettative garguantesche, quindi sarebbe stato pure abbastanza facile sorpendermi in positivo, invece Abrams è riuscito pure qui a dare il peggio di se.

                    Per quanto riguarda RJ, non sono un suo fan, ho solo apprezzato che il suo stile registico, ha saputo catturare meglio l'essenza di SW. Il suo intervento, nel bene o nel male ha innalzato la posta in gioco della sequel, ha alzato l'asticella, che fino ad Ep7 sembrava proporsi sempre con la stessa formuletta. Lui aveva il compito difficile di portare avanti i personaggi nuovi e di fornirci info su Luke Skywalker, che ricordo sempre, nell'altro film è stato trattato come un mcguffin.

                    Per quanto mi riguarda, RJ ha centrato l'obiettivo che si era prefissato, Ep8 non è un film perfetto, perché di cappellate ne ha pure quella pellicola (l'incipit con la gag di Poe, la subquest di Holdo e la "non" battaglia di Crait che è un coito interrotto) ma ha anche i punti di forza più riusciti della sequel come la costruzione sul personaggio di Luke e la connessione tra Ben e Rey. Elementi che A ME sembrano decisamente più importanti, rispetto alle lamentele stupide su Leia Poppins, Luke che beve dalla mammella o Canto Bight.

                    Da te onestamente di info sul perché non ti piaccia Ep8, non vedo nulla che tendi a costruire una discussione interessante (se ne hai, disponibile a leggerle). Hai livore verso il regista perché ti ha cambiato la prospettiva che avevi nell'altro film (ovvero che Snoke fosse il villain principale e non un personaggio in funzione degli altri) come se fosse un male, sovvertire un pensiero e costruirci altro. Tu ti aspettavi una storia che procedesse col pilota automatico, Ep8 ha reso il percorso un po' diverso, più ostico ma non è mica una novità che il capitolo di mezzo di una storia, si proponga come il più rivoluzionario e che faccia discutere.

                    Ma fammi capire, che t'aspettavi da Ep8 per non considerarlo "apocrifo"? Speravi che Snoke si trasformasse in Thanos? Che Luke e Rey facessero sfere energetiche contro il Primo Ordine? Che si copiasse tutto L'Impero Colpisce Ancora? Davvero non mi è chiaro cosa t'immaginavi. Quindi da quel poco che hai detto, mi sembra solo che non ti sia piaciuta la direzione che non ha rispettato le idee (stravite e riviste) di Ep7.

                    Chi doveva arrivare alla fine della strada, mettendo insieme tutti i tasselli per costruire una storia funzionale, non doveva essere l'episodio di mezzo (che è normale che rivoluzioni o evolva le dinamiche tra i personaggi) ma l'ultimo. Ep9 semplicemente non si attiene al suo ruolo: chiudere una saga intera. Nessuno qui dice che quel film sia privo di momenti emozionanti (mi sono emozionato in almeno due situazioni, fai tu), di una buona qualità di efx speciali, di prove attoriali buone o di ambientazioni superlative (quella di Exegol è superba), ciò di cui è privo quel film è il giusto ritmo per permettere allo spettatore di digerire tutti i cambiamenti fatti, del fatto che si percepisca la voglia quasi impellente di evitare tutti gli spunti dell'altro episodio. Aggiungere elementi di trama, così importanti come l'origine di Rey o tutto il piano del First Order/Final Order non trovano il giusto respiro in un film che dovrebbe essere l'atto finale della storia. Narrativamente, l'inserimento di Exegol e dei Sith Eternal è imbarazzante, perché non inserire piccoli elementi negli altri due film? Semplice, perché non esisteva nessuna idea di Exegol e Sith Eternal prima di Ep9.. e quando lo spettatore percepisce la costruzione a braccio e vaga della storia, significa che non hai fatto bene il tuo lavoro.

                    Ecco perché, incredibilmente ho trovato più interessanti alcuni spunti di Trevorrow rispetto a quelli di Terrio e Abrams. Perché quegli spunti davano la sensazione di continuità con tutti e tre i film, mentre invece con Abrams, anche per piccoli dettagli (come il solito citazionismo, il ritorno della maschera o dialoghi che tornano identici, così come la dinamica delle origini nobili) mi è sembrato più che il film volesse riallacciarsi a una questione lasciata in sospeso con Ep7, più che con Ep8.

                    Ed è per questo che se, alla fine per quanto mi riguarda la sequel non funziona non è di certo per colpa dell'episodio di mezzo, ma più che altro per l'inizio (che getta le basi) e la conclusione (che non riesce nella missione di creare una storia di 9 film coesi) che sembrano viaggiare con una loro logica, fottendosene del passato e addirittura degli unici spunti narrativi che avrebbero potuto rendere l'epilogo, meno dejavu del solito. Tu stai a pensare a Ep8 e RJ, io sto pensando invece che la sequel nella sua totalità di storia e aggiunta ai 6 film, m'ha deluso.
                    Mi accingo a scrivere qualche riga, dal telefonino quindi la formattazione farà schifo.Ancora una volta permetto che, all'epoca della sua uscita, avevo "sospeso il giudizio" poiché mancavano troppi elementi e lo ritenevo, già allora, fuori contesto ma il mio pensiero sui primi due film ancorché positivo, era piuttosto freddino. Il primo lo avevo gradito per il semplice fatto che avevano giocato con i desideri reconditi dell'io fan che scoprì SW da fanciullo forse asilo\prima elementare. Ciononostante, ero ben consapevole che si trattava di un artefatto il cui unico scopo era quello, ben palesando i limiti di una costruzione stile JJ (remake, mistery box a go-go, nessuna big picture). Ma questo è argomento trito e ritrito. (infatti, in altri post, li ho sempre classificati non così in alto nella mia personalissima graduatoria di gradimento).
                    Capitolo TLJ. Non discutevo, e non ho mai discusso, fino ad ora, il Luke mostrato nel film. Ma mi sbagliavo. E lo spiegherò in seguito.
                    L'inizio del film è già un scivolone, con una gag indegna. Il risultato è stato quello di ridicolizzare un personaggio (Hux) che già alla base era poco credibile di suo, al quale si aggiunge anche il comportamento di Snoke che tratta in quella maniera il numero 3 del primo ordine (Infatti una cosa del genere non la trovi nel primo film). Tutto questo si riflette sugli altri personaggi che, nonostante tutto, lo seguono e sembrano rispettarlo. Eh si. Anche Kylo Ren, che quando può ucciderlo decide di lasciarlo in vita (per quale motivo?)...

                    Snoke. Snoke era il villain. Poco importa se aggiunto alla fine. Così presentato in Ep VII, così presentato da tutti i prodotti correlati. Viene fatto fuori da Kylo Ren, perché questi si deve elevare a nuovo indiscusso leader supremo? Ma quando è avvenuta questa trasformazione? Lo spettatore non sa ancora nulla. Non sa perché è passato al lato oscuro, salvo un flashback che comunque non chiarisce nulla, non sa come è diventato maestro dei cavalieri di Ren, non sa come è entrato nel primo ordine, non sa come ha conosciuto Snoke, etc. L'unica cosa che sa, è che quello è un ragazzo con seri problemi di anger management.
                    Si voleva Kylo Ren come villain? Ciò che si è visto in Ep VIII doveva essere nel VII, pulito dalle cazzate figlie della visione egocentrica RJ. (mary Poppins Leila.... Mamma mia... E hai ragione. Questa è una inezia.)
                    La mossa di KR nel capitolo mediano, per trovare una giustificazione anche in termini di credibilità e pathos, doveva essere il frutto di un piano superiore. Io ero convinto si trattasse di Plagueis, il saggio che aveva predetto la propria morte e magari sconfitta non una ma bensì più volte, la cui ultima morte serviva a far precipitare Ren, definitivamente, nell'oblio del Lato Oscuro. Cosi non è stato, JJ ha tirato fuori Palpatine, cosa che molto probabilmente aveva già pensato durante epVII (pensato non significa programmato), scelta che ho gradito tantissimo (così come la frase iniziale dello scroll). Col materiale scarsissimo lasciatogli da RJ, ha fatto il suo.
                    Ma arriviamo a Luke. Come già detto, non ero pregiudizievolmente contro a come è stato rappresentato. Se contestualizzato e spiegato, poteva in effetti funzionare, ma nel primo capitolo della ST, perché anche lui vittima del piano superiore.
                    Senza contestualizzazione, Luke è quello di "Avete fallito altezza. Sono uno Jedi, come mio padre prima di me" il suo gesto di gettare la spada, è di repulsione alla violenza fine a se stessa, alla spada come simbolo di offesa figlia dell'ira. Questo è Luke. RJ, non solo dimostra di non aver capito nulla di SW, ma che la sua visione è irrimediabilmente impregnata da un malsano egocentrismo. Tutte le valutazioni su Luke sono ulteriormente rafforzate dal Filoni pensiero. Il Luke che getta la spada che Rey le porge, non è nulla di tutto ciò. Quello è solo un ingiustificato gesto di disprezzo. Potremmo anche soffermarci su quanto quella scena sia stata una mancanza di rispetto per lo spettatore, che in quella maniera vede risolto un cliffhanger di due anni, ma evito per non togliere peso all'analisi precedente.
                    RJ, nelle sue interviste, ha candidamente ammesso che il suo film nasceva con l'idea di voler sconvolgere e rovesciare le idee dello spettatore. E ahimè, ci è riuscito.
                    Poco importa se tutto quello che ha mostrato non avesse alcun collegamento con i 7 capitoli precedenti. Purtroppo, tutto questo può capitare se il tuo unico mantra è "fa qualcosa di inaspettato".
                    Ci sarebbero tantissime altre cose da analizzare. Tutta la parte di Holdo e come si comporta con le info non ha alcun senso, per non parlare della parte su Canto Bight. Tanto bella come messa in scena, quanto inutile per la storia. Sulla battaglia di Crait ti sei già espresso e credo non ci sia da aggiungere altro.
                    Bene, arriviamo al finale. Sto bimbo che guarda l'orizzonte. Ai fini della storia che significa? Tempo fa, credo tu stesso ma non ricordo di preciso quindi non metto la mano sul fuoco, qualcuno aveva detto più o meno (mi prendo sicuramente qualche licenza nel riportare la frase): "quello è il bambino dentro di noi che vorrebbe essere sensibile alla forza e guarda il futuro." il problema è proprio questo. Alla base ci sarebbe la scelta consapevole di inserire una scena che per la storia del film, e della saga, non serve a nulla, dedicando il momento finale a un figurante solo per soddisfare il proprio ego. Un film di sw, in questo caso, è diventato orpello di una singola persona. Ed in questo senso riconosco lo sforzo di Abrams, colmo di limiti e problemi, nel ricondurre SW su binari più corretti. Certo, la figura del prescelto è in qualche maniera diminuita e sicuramente perde di potenza ma non era facile fare un film dopo quell'episodio (l'VIII) così distruttivo e mal costruito.

                    Sia ben chiaro, le responsabilità maggiori sono di KK, che a quanto pare ha messo il.becco su qualsiasi cosa tranne che su ep VIII.
                    Quanto agli apprezzamenti di Lucas su Ep VIII mi sembrano il frutto di una persona che ha deciso di fare il bastian contrario dopo il tradimento della Disney. Pure io mi comporterei cosi, pur consapevole che alla firma, in cambio di 2 mld di dollari e 2 mld stock, avrei perso il controllo di tutto.
                    Credo che tutti, cmq, possiamo concordare sul definire questa prima gestione Disney più simile ad una gestione alla italica maniera fondata sul "chi vivrà vedrà", piuttosto che tipica di una grande corporation abituata a programmare qualsiasi cosa.

                    Per finire, questo video sul finale di Clone Wars in stile EP VIII è semplicemente geniale.

                    https://youtu.be/ic8gWVB6fsA



                    Commenta


                    • Apprezzo che hai speso del tempo per far capire cosa non ti è piaciuto.

                      Da quel che hai esposto mi pare abbastanza chiaro che sei rimasto deluso dal ruolo di Snoke e dalla moltitudini di domande che Ep7 lasciava in sospeso e che probabilmente credevi/speravi che Ep8 risolvesse tutte.

                      Però è qui che non riesco a capire perché dai tutta la colpa a RJ, quando il primo ad aver posto tutte quelle domande a cui rispondere è stato Abrams. Tra l'altro rendendolo la vita a Johnson ancora più difficile, visto che il primo film glie lo aveva fatto concludere con un cliffhanger. Non era implicito che Ep8 dovesse rispondere a tutte quelle domande, altrimenti non sarebbe più stato un film che andava avanti, ma un film "spiegazione" delle cose non spiegate nel primo.

                      Il problema maggiore per me è stato proprio questo finale. Abrams e Kasdan hanno riscritto la sceneggiatura di Arndt, facendo in modo che tutto quello che c'era nel vecchio script (quindi Luke che ha una accademia, i due nipoti come allievi e uno di essi che passa al LO palgiato da una figura misteriosa) si trasformasse nella "storia fantasma" di questo scenario, trasfomando quindi l'incipit di Ep7 in media res. Come se lo spettatore già conoscesse queste sorti, alla stregua degli accadimenti successi 30 anni prima.

                      Capisci invece che lo spettatore/fan, dopo tutti questi anni aveva bisogno che certi scenari fossero scalfiti nella pellicola? Prova a vederti la trilgoia classica e poi fai partire Ep7. Noterai subito che la sensazione maggiore è quella che i nostri vecchi eroi, che hanno combattuto per degli ideali (far tornare la rep. e far tornare i jedi), si ritrovano da punto a capo.

                      L'assenza quindi di una figura come Luke Skywalker (e Mark Hamill conferma che inizialmente gli fu promesso di presenziare nel primo film, per poi trovarsi ad essere un cameo) dal primo film e renderlo un assurdo mcguffin della storia, ha generato questo enorme buco narrativo. Il cliffhanger è stata la pietra tombale, ma solo che tutti noi, speranzosi di un progetto ancora al suo inizio, ancora non ce ne rendevamo conto.

                      RJ in Ep8 risponde ad alcune domande e si concentra sulle più essenziali. Ovvero Luke e il motivo per cui si è autoesiliato e cosa ha creato "Kylo Ren". Oltre questo, RJ aggiunge una dinamica che tenta di mandare avanti la storia che è il Force Bond tra Rey e Ben, ponendo quest ultimo quasi come il vero protagonista della storia, che poi era un po' quello che ci si sarebbe aspettato, considerando che era ufficialmente l'unico erede degli Skywalker. Tutto questo costretto a narrarlo in jump time limitatissimo, per colpa del cliffhanger.

                      Il fatto che abbia interpretato a modo suo la figura di Snoke, non è per "soprendere" e basta, ma non avendo nessuna linea guida da Abrams e co, (del tipo "non ucciderlo perché è il villain di tutta la storia") ha reputato giusto che il personaggio avesse una funzionalità nei confronti di Kylo Ren. Funziona questa cosa nel film? Beh sì.

                      Poi possiamo lamentarci che prima della sua dipartita, non abbiamo avuto chissà quali info sul personaggio e su come sia arrivato a plagiare Ben Solo ma capiamo che se doveva anche risolvere questo problema ad Abrams, il film sarebbe dovuto durare tipo 1 ora in più. Tra l'altro il fatto che non ci fossero queste spiegazioni in Ep8, non privava ad Ep9 di dargli una spiegazione.

                      Anche qua il fatto che per te (e per molti altri) fosse Darth Plagueis, ammetterai che è una cosa che vi ha plagiato moltissimo. Quando RJ stava scrivendo lo script di Ep8, non c'erano fan theory su Darth Plagueis e affini e lui per primo non ci ha visto nessuna connessione. Questa connessione l'hanno forzata i fan e s'era talmente scalfita nella testolina di tutti, che non vedersi questa rivelazione on screen, ha pregiudicato di molto il giudizio sul film. Ma se ci ragioniamo un po', non avrebbe avuto alcun senso per Rey, Kylo Ren o chiunque altro sentirsi dire "Io sono Darth Plagueis", perché è un personaggio che narrativamente non ha alcun legame con nessuno. Sarebbe stato un mero fanservice per il pubblico.

                      Alla luce di Ep9 invece, avrebbe avuto più senso se Snoke dicesse di essere la reincarnazione di Palpatine o che Rey avesse dentro di se il LO essendo una creazione dell'Imperatore. Mettendo sin dall'ep8 i semi di una qualche connessione di lei con l'imperatore.

                      Questo sì che avrebbe generato in Rey lo stesso identico effetto di sentirsi dire "non sei nessuno". Ma non essendoci nessun piano sul ritorno di Palpatine e nessuna linea guida da seguire, RJ ha agito per inserire la cosa che più avrebbe toccato Rey. Sentirsi dire "sei la figlia di Skywalker" le avrebbe risolto il suo dilemma, mentre "non sei nessuno" glie lo ha alimentato. Così come per Luke sentirsi dire "tuo padre è il cattivo" ha avuto la stessa identica forza.

                      Ep6 della rivelazione che Vader è il padre di Luke, ne fa la missione personale e principale del ragazzo e della storia. Se prima l'unico leitmotiv dei film era "sconfinggere l'impero e i suoi scagnozzi" qui si aggiunge "voglio far redimere mio padre" che convergono nella stessa identica soluzione: la fine di Palpatine.

                      In Ep9, mi sai dire invece cos'è che si porta avanti della rivelazione che Rey ha su se stessa in quella pellicola? Nulla. Perché Abrams decide che quella rivelazione, nell'ultimo capitolo, va reinterpretata e quindi nuovamente, invece di andare avanti si torna indietro. la parola "nessuno" non ha più una forza narrativa e si trasforma solo in un "nessuno per loro scelta". Un cambiamento abbastanza spicciolo, non trovi?

                      Concludo: è questo il vero problema della sequel, si sono sempre fatti piccoli passi in avanti, poi 10 indietro, senza una reale consistenza narrativa. io ad esempio non sono deluso da ep9 perchè non mi hanno messo anakin skywalker, questa mancanza la reputo solo una conseguenza di tanti altri problemi, quello che realmente mi dispiace è che di "capitolo finale" non ha nulla e sembra essere più un continuo di ep7, perchè si torna indietro a dare spiegazioni ad argomenti che già erano stati presi in considerazione nell'altro film, si spera che il pubblico sia così recettivo da poter assimilare in poco tempo tutte queste nuove info, il più delle quali campano di "perché sì".

                      Nel frattempo, non ci siamo resi conto che alla fine di Snoke continuamo a non sapere un piffero, idem dei KoR e della costruzione di Kylo Ren avuto in Ep8, perdiamo tutto. In definitiva non esiste nessuna "unione di 9 film", considerando che Ep9 assume più l'aspetto di una storia che tratta la battaglia personale di Rey e della sua scoperta di essere una Palpatine. Tant'è che paradossalmente pure a Luke fanno dire "questa è la tua battaglia". In effetti rimane questa sensazione, che è la sua battaglia, non la nostra né di una saga intera.
                      Ultima modifica di Naihir; 12 maggio 20, 17:28.
                      "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                      And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                      That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                      # I am one with the Force and the Force is with me #

                      -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                      Commenta


                      • https://www.comicbookmovie.com/anime...6585#gs.9luuha

                        Lo dicevo che la fauna aliena del film mi faceva pensare ai Pokemon
                        Luminous beings are we, not this crude matter.

                        Commenta

                        In esecuzione...
                        X