annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Le musiche di Star Wars

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Originariamente inviato da Cosmo Visualizza il messaggio
    Te l'ho già detto, sono pezzi fatti apposta per andare bene su tutto, ma in modo generico, costruiti per totale sottrazione e mancanza di tratti caratteristici. Se ascolti i primi 30 secondi di un trailer a scelta ritroverai le stesse sonorità. O un qualsiasi spot o video emozional-motivazionale postato su FB del tipo "QUANDO sentirete le parole che ha pronunciato non crederete alle vostre orecchieh!!1!".
    ma in quella traccia non c'è nulla di generico, è semplicemente un arrangiamento elettronico-ambient del theme di Ahsoka, che solitamente nella serie, viene utilizzato così:



    qui chi ha postato il video ha "fuso" tutte le volte che il suo tema compare nella serie ed è un giro di note classicissimo per SW

    Kiner ha il tocco per fare grandi cose anche in altri ambiti starwarsiani, spero venga promosso anche per orchestrare qualche film della saga

    Un altro bel nome sarebbe McCreary e per mia personalissima curiosità vorrei sentire un Desplat
    "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
    And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
    That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


    # I am one with the Force and the Force is with me #

    -= If You Seek His Monument Look Around You =-

    Commenta


    • Originariamente inviato da A.Crowley Visualizza il messaggio
      non so se avete già discusso della cosa ma leggendo il titolo del topic mi è venuto in mente una cosa

      perchè levare le canzoni iconiche di Williams?? io capisco che bisogni rinnovarsi e non rimanere troppo attaccati al vecchio ma certe cose sono iconiche

      per me è come cambiare l'inno di una nazionale per dire

      poi i lavori svolti con quelle nuove non sono nemmeno così male ma se manca l'inno manca tutto
      I prodotti del nuovo corso hanno sempre presentato un mix fra tracce nuove e tracce vecchie, ad eccezione di The Mandalorian, che come si diceva è la serie più slegata da tutto il resto. Anche se ho l'impressione che alcune musiche già note si potrebbero risentire se qualche volto familiare dovesse dare capolino. Se i rumors sono veri direi
      Spoiler! Mostra


      Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
      Non vado pazzo per Kiner, anche se il suo lavoro nelle serie animate è funzionale.
      Neanche per le musiche dei giochi che, per quanto pregevoli, si limitano ad imitare JW senza aggiungerci personalità.

      Il lavoro migliore post-Williams per quanto mi riguarda per ora l'hanno di gran lunga fatto Goransson e Powell.
      Sì, anche per me il meglio del post-Williams l'hanno regalato loro. Kiner in TCW l'ho sempre trovato, appunto, funzionale (e i due temi che spiccano di più per me sono quello di Ahsoka e quello dei cloni, che infatti sono anche i più personali), però devo dire che con quest'ultimo ciclo di episodi ha sfornato il suo lavoro nettamente migliore, che imho non ha troppo da invidiare ai due sopra citati, raggiungendo tra l'altro un equilibrio perfetto fra tradizione e innovazione, e sperimentando una varietà notevole di tonalità e strumenti.
      Il sinfonismo l'ho sentito tanto in questa traccia, che accompagna una delle scene più spettacolari della serie (e della Saga):

      (tra l'altro il giro di note a 1:44 ricorda una parte del tema di Rey)
      Questo invece ha un sound decisamente sinistro, quasi da horror:

      Poi il pezzo della scena con Maul nella sala del trono, ancora una volta i cori sono associati ai Sith e al LO (questa traccia in particolare riporta alla mente il tema di Snoke, nel quale a sua volta riecheggiava quello della scena del teatro in Ep.3):

      La traccia pensata per la scena del duello fra Ahsoka e Maul è probabilmente una delle più originali, con una prima parte caratterizzata da un uso quasi tribale delle percussioni, seguita da un suono che ricorda quello di un martello su un incudine a 0:49, per poi chiudere con una sezione finale dalle sonorità più classiche ed epicheggianti (con i soliti cori):

      E infine un paio di concitati brani action con qualche tocco elettronico all'inizio, che fanno da sottofondo al climax del finale:


      Oltre, ovviamente, alle tracce già postate in precedenza
      Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio

      Per restare più classico ma rinnovando bisognerebbe chiamare compositori o della "vecchia guardia" tipo Newton Howard, Desplat o Giacchino (ecc.); o, per ammodernare ulteriormente, talenti più giovani come McCreary (per me la scelta più logica al momento tra le nuove voci), Korzeniowski o Hurwitz ecc.
      Lo stesso Goransson, se glielo chiedessero, potrebbe tranquillamente adottare uno stile molto più sinfonico.

      Poi, tolto Powell che fa testo a sé, a me basta che stiano lontani dalla Remote Control.
      Sì, ne avevamo già parlato, sono tutti nomi interessanti. Newton Howard è quello che mi stuzzica di più, soprattutto se dovesse lavorare ad un nuovo film/trilogia. Giacchino ha fatto un buon lavoro su Rogue One (con alcune vette nel finale), però inferiore ai lavori di Powell e Goransson. Poi ho da tempo il sogno un po' malato di Zimmer su uno Star Wars (purchè sia al livello dei suoi fasti)

      Commenta


      • Sì, le avevo già sentite ma per me resta sempre nel campo del mestierante funzionale ma senza stile, senza quel quid tale da farlo emergere per voce e bravura.
        Luminous beings are we, not this crude matter.

        Commenta


        • Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
          ...non so se il main theme potrebbe continuare ad restare il main theme se vogliono rendere lo stacco tra la saga degli Skywalker e quello che verrà dopo (lo stesso Williams già nella VT cominciò a usarlo sempre meno capitolo dopo capitolo).
          Quello però accadeva anche perché Luke passava dall'entusiasta ragazzotto zompafossi del primo episodio, sempre di avventura in avventura, al personaggio più introverso degli episodi seguenti, di conseguenza quel tema eroico era diventato meno adatto. Non a caso viene riproposto pari pari quando Luke torna a fare il vecchio Luke, cioè quando salta sul X-Wing e fa rotta per Bespin o nella sequenza del Sarlacc, altrove viene talvolta modulato in minore, in una forma più riflessiva (nel dialogo con Yoda sulla Forza, a esempio).

          Comunque io l'avrei conservato nei titoli di testa di qualunque altra produzione SW, perché al di là dell'associazione con Luke è una vera icona musicale, al pari del tema di Bond e del Gun Barrel iniziale.

          Per quanto riguarda i possibili candidati a reggere il testimone delle musiche (senza sporcarlo troppo), Powell o Goransson sono ok ma McCreary non lo reggo, lo trovo sgraziato come un metallaro e non vorrei vederlo alle prese con SW.

          Invece per me uno dei pochissimi autori di colonne sonore post Williams-Goldsmith-Barry-Bernstein, se non proprio l'unico, a lasciare il segno e a innalzare il livello dei film su cui mette le mani è Thomas Newman. A lui Star Wars lo affiderei al volo, e oltretutto IMDB lo dà pure come orchestratore non accreditato sul Ritorno dello Jedi, quindi c'è pure un bel precedente.

          Ma pure il caro vecchio Alan Silvestri eh, che avrà 70 anni ma non la manda a dire.

          Commenta


          • Newman è eccellente ma per me limitato e si è visto quando è arrivato a Bond che farlo misurare fuori dal campo drama/comedy (i due non-generi, diciamo) raramente porta a risultati di rilievo. E' uno che per quasi tutta la sua carriera non è uscito dalla comfort zone.

            Su McCreary (tra l'altro allievo proprio di Bernstein) non concordo, anzi, è uno dei compositori giovani che sa davvero cosa vuol dire narrare per musica e farlo ogni volta su misura per ciascuna storia. Concordo sulla "grazia metallara" di alcuni suoi lavori, ma non so neanche cosa di lui tu abbia sentito.
            Cmq per come si sta affermando sempre di più, il rischio che prima o poi finisca su uno SW è alto.

            Altri nomi che mi vengono in mente su due piedi che mi piacerebbero sono Joe Kraemer (tra i più raffinati e allo stesso tempo sottofruttati nuovi compositori), Don Davis (che non succederà mai perché per lavorare deve andarsene in Giappone), Christopher Willis (che però ha fatto ancora poco ma ha già una sensibilità orchestrale sopra la media).

            Una volta citai anche Jane Antonia Cornish, ma lei come sound forse sarebbe davvero troppo williamsana (e in ogni caso non lavora molto come compositore).





            In ogni caso, senza farsi troppe pippe, i nomi più realistici al momento si sa quali sono: Giacchino, forse Desplat, Newton Howard, Powell e pochi altri, i soliti. Gente che in diversi casi in passato ha già raccolto il testimone di Williams, che hanno successo, che musicano blockbuster da anni.

            Per dire, già che c'è Waititi su un prossimo SW e che ha collaborato con Giacchino a Jojo Rabbit, mi fa sospettare che lo richiamerà e via.
            Luminous beings are we, not this crude matter.

            Commenta


            • McCreary lo conosco poco, ma da quel che ho ascoltato della sua produzione (God of War, Agents of Shield, Black Sails) mi dà l'impressione del solido mestierante tipo Kiner. Poi dipende molto dai territori in cui vorranno spingersi; se, come sembra, nell'immediato punteranno molto sulle serie per lo streaming, è probabile che vadano a pescare talenti emergenti come lui e Goransson. Waititi potrebbe anche richiamare Mothersbaugh, dipende anche dal tipo di film che farà

              Commenta


              • Originariamente inviato da Lord Vell Visualizza il messaggio
                McCreary lo conosco poco, ma da quel che ho ascoltato della sua produzione (God of War, Agents of Shield, Black Sails) mi dà l'impressione del solido mestierante tipo Kiner.
                Kiner non gli pulisce manco le scarpe
                Piaccia o non piaccia, McCreary è uno che porta il suo marchio alle cose che fa, Kiner è uno che si deve nascondere dietro il marchio delle cose che musica.
                Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 26 maggio 20, 14:57.
                Luminous beings are we, not this crude matter.

                Commenta


                • Ma davvero per voi Powell ha fatto un buon lavoro su SOLO? Mah.

                  A me è parso tutto davvero sottotono. Ritmi sempre identici, frenetici e con sto andamento tamburato in quasi tutti i brani.

                  Gli unici guizzi in quello score sono dipesi dal tema portante che non è stato scritto da lui ma da JW.

                  Dove ha potuto sperimentare (il tema di Enfys Nest e co.) è uscita una roba lontanissima da Star Wars.

                  Giacchino ha fatto un lavoro decisamente più interessante e conforme, lasciando l'impronta con due o tre pezzi che ti rimangono in testa (il main theme del film e sicuramente il tema dei due guardiani whills) a differenza di Powell che ha creato tutta una sinfonia d'accompagnamento e nulla di più.

                  Questo è un po' il problema anche di Williams alle prese con Ep7 e 9. Dove i ritmi dei film non lasciano respiro, i temi musicali sono appannati e sembrano quasi "rincorrere" la scena. Non c'è l'eleganza o la raffinatezza del momento, la musica non arriva mai ad intensificare la scena impreziosendola di pathos. L'unico momento in cui Williams mi è sembrato più ispirato è in TLJ, dove il tema di Rey, Ach-To, Kylo Ren ma anche quelli nuovi di Rose e di Canto Bight, trovano spazio e arrangiamenti migliori degli altri due film.

                  Lord Vell di McCreary è anche il tema di The Walking Dead, uno dei più iconici degli ultimi anni nel panorama seriale. Sicuramente è un ottimo compositore per la TV (io lo seguo dai tempi di Battlestar Galactica) e sa creare il "pezzone" che ti rimane in testa ma effettivamente non ha mai avuto l'occasione di partecipare a grossi kolossal e blockbuster (Godzilla II non lo considero), quindi io un'occasione glie la darei in Star Wars, anche perché con la tematica dello spazio, potrebbe tirar fuori qualcosa di ispirato

                  Stavo pensando anche a un Howard Shore. Se gli dessero la possibilità di lavorare in modo intenso alla costruzione di un mondo sinfonico di SW, come fece per ISDA, io me lo prenderei tipo subito.

                  Io resto dell'idea che se vogliono creare un equilibrio tra musica e sperimentazione, l'approccio va fatto attraverso i periodi storici. Tipo in una ambientazione più antica, prima dei prequel, oserei su orchestrazioni più tradizionali, quasi cavalleresche, medievaleggianti o anche con quel tocco da epoca samurai. Per il futuro andrei invece più di sperimentazioni, con qualche inserimento più elettronico e sci-fi, non esagerato ovviamente (non chiedo mica la synthwave eheh).

                  a proposito di metal.. grazie a Jedi Fallen Order ho conosciuto i The HU un gruppo della Mongolia che si diletta a fare metal. Sono pazzeschi
                  "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                  And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                  That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                  # I am one with the Force and the Force is with me #

                  -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                  Commenta


                  • Powell per me ha fatto un gran lavoro, non valorizzato dal film.

                    Il confronto col lavoro di Giacchino (inferiore) di base lo eviterei perché sarebbe ingiusto nei confronti di Giacchino che ha dovuto fare tutto in fretta e furia, ma il solo tema romantico di Solo si mangia in scioltezza qualsiasi cosa fatta da Gia per RO.

                    Il motivo vocale di Enfys Nest, molto alla Avatar, è perfetto per quel gruppo di personaggi che davano l'idea di una tribù esotica del deserto, com'è perfettoo il tema d'amicizia tra Han e Chuwie, powelliano al 100%, o la fuga (in senso musicale XD) nella scena delle miniere, la parte più williamsiana del lavoro.
                    Poi sulle innumerevoli partiture d'azione è stato il solito asso.
                    Luminous beings are we, not this crude matter.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                      Lord Vell di McCreary è anche il tema di The Walking Dead, uno dei più iconici degli ultimi anni nel panorama seriale. Sicuramente è un ottimo compositore per la TV (io lo seguo dai tempi di Battlestar Galactica) e sa creare il "pezzone" che ti rimane in testa ma effettivamente non ha mai avuto l'occasione di partecipare a grossi kolossal e blockbuster (Godzilla II non lo considero), quindi io un'occasione glie la darei in Star Wars, anche perché con la tematica dello spazio, potrebbe tirar fuori qualcosa di ispirato
                      Ah, già. Dimenticavo Battlestar Galactica TWD non l'ho mai seguito, così come mi manca ancora Godzilla II. Comunque per una delle prossime serie (tipo quella di Cassian) sarebbe sicuramente una scelta interessante
                      Ma davvero per voi Powell ha fatto un buon lavoro su SOLO? Mah.
                      A me oltre al main theme è piaciuto molto anche il tema di Han e Ciube (che è puro Powell), soprattutto quando viene usato nella scena della rotta di Kessel. Belli anche il love theme e il la marcetta della droide attivista (a prescindere dal personaggio a cui è associato). Il tema di Enfys Nest per me non è male, ma abbastanza blando e meno incisivo rispetto alle tracce sopra citate (idem il pezzo dell'ultima scena con Lando e la nuova "Cantina band")
                      Io resto dell'idea che se vogliono creare un equilibrio tra musica e sperimentazione, l'approccio va fatto attraverso i periodi storici. Tipo in una ambientazione più antica, prima dei prequel, oserei su orchestrazioni più tradizionali, quasi cavalleresche, medievaleggianti o anche con quel tocco da epoca samurai. Per il futuro andrei invece più di sperimentazioni, con qualche inserimento più elettronico e sci-fi, non esagerato ovviamente (non chiedo mica la synthwave eheh).
                      Perfettamente d'accordo. Un veterano come Shore lo vedrei benissimo in un contesto antico (ma anche i già citati Silvestri e Newton Howard)
                      a proposito di metal.. grazie a Jedi Fallen Order ho conosciuto i The HU un gruppo della Mongolia che si diletta a fare metal. Sono pazzeschi
                      Vero!

                      Commenta


                      • Su Powell che si mangia Giacchino di RO non so.

                        A me i due temi musicali portanti di RO mi sono rimasti di più, rispetto al lavoro di Powell. L'unico brano degno di SW li in mezzo non è composto da lui oltretutto.

                        Credo che Giacchino sia il perfetto erede di JW se solo avesse a disposizione lo stesso tempo che hanno dato al Maestro per lo score dei tre film
                        "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
                        And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
                        That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


                        # I am one with the Force and the Force is with me #

                        -= If You Seek His Monument Look Around You =-

                        Commenta


                        • Comunque a me piacerebbe molto sentire cosa tirerebbe fuori Justin Hurwitz.

                          E' che ha detto che al momento vuole lavorare solo con Damien Chazelle, per avere il tempo e la libertà di gestire lo score, quindi una produzione come SW sarebbe tutta l'opposto.
                          Luminous beings are we, not this crude matter.

                          Commenta


                          • Originariamente inviato da Naihir Visualizza il messaggio
                            Su Powell che si mangia Giacchino di RO non so.

                            A me i due temi musicali portanti di RO mi sono rimasti di più, rispetto al lavoro di Powell. L'unico brano degno di SW li in mezzo non è composto da lui oltretutto.

                            Credo che Giacchino sia il perfetto erede di JW se solo avesse a disposizione lo stesso tempo che hanno dato al Maestro per lo score dei tre film
                            È vero, sarà che Solo non lo rivedo da un bel po' ma l'unica traccia della colonna sonora che mi è rimasta in mente è il tema di Enfys Nest (quella che sembra fatta dal Coro delle voci bulgare). La colonna sonora di Rogue One inizialmente mi aveva lasciato freddino ma il tema principale, quello dell'Impero e ovviamente la traccia del massacro di Vader mi sono rimaste impresse dopo non molto.

                            Commenta


                            • Che Powell in Solo si mangi Giacchino in RO non è vero nemmeno secondo me. Comunque di RO ho trovato carini il tema principale, quello di Jyn, quello dei Guardiani e quello dell'Impero+Krennic. Il meglio comunque per me Giacchino l'ha dato con questa traccia:

                              E con quella della scena con Vader immediatamente successiva. Poi dovrei rivedermi il film, ma mi pare di rammentare che anche lì come nei film di Abrams lo score non venisse sempre valorizzato al meglio (tranne che in alcuni frangenti, tipo il finale)
                              Originariamente inviato da Sir Dan Fortesque Visualizza il messaggio
                              Comunque a me piacerebbe molto sentire cosa tirerebbe fuori Justin Hurwitz.

                              E' che ha detto che al momento vuole lavorare solo con Damien Chazelle, per avere il tempo e la libertà di gestire lo score, quindi una produzione come SW sarebbe tutta l'opposto.
                              Quindi bisogna aspettare che Chazelle diriga uno Star Wars, magari un film sulla Cantina Band

                              Commenta


                              • Il tema della speranza/resistenza me lo ricordo più perché è un coito interrotto che aggancia con le prime due note del main theme storico e poi si sgonfia in quello nuovo.

                                Quello dei Whill ripete continuamente l'aggancio alla Across the Stars ma poi diventa altro, gradevole ma più blando.

                                Quello di Jyn era piacevole nella misura in cui era un riciclo meno bello del tema di Yorktown di Star Trek Beyond, uscito lo stesso anno.



                                Quando li sento mi fanno sempre l'effetto di farmi pensare più a quanto siano meglio le "versioni originali" che altro.

                                Poi presi di per sé sono piacevoli, e come score non è certo brutto, si sente lo stile riconoscibile di Gia, ovviamente. Ma suona più come una specie di colonna sonora 2.0, l'equivalente musicale di quello che l'amico JJ ha fatto con Episodio VII (e sono sicurissimo che Desplat non sarebbe mai stato così derivativo).

                                Magari avesse avuto più tempo magari sarebbe riuscito a fare qualcosa di più vicino ai Jurassic World, dove s'inseriva nello stile originale della saga (sperimentando anche con musicalità quasi da film di Godzilla nel sequel) ma con del materiale che era inedito al 100%, non strani ibridi citazionisti o riciclati.


                                Powell per me è riuscito a comporre musiche più originali e integrate nel contesto, omaggiando e citando, ma creando anche qualcosa che si regge sulle proprie gambe e avrebbe potuto tranquillamente rappresentare l'identità musicale dll'intera potenziale serie di film a se stanti legati a Solo.
                                Ad esempio, il già citato love theme che ha il respiro dello stesso cinema classico larger than life che ispirava Williams all'epoca della OT (ma mi viene in mente anche il coevo John Barry), ma non è un mero aggiornamento dei romanticheggianti tema di Leia o Across the Stars, anche se s'inserisce in quello stesso solco.



                                E le poche volte che punta più all'omaggio stilistico (non citazione) più spinto per me gli esce pure parecchio bene:





                                Poi entrambi giocano sicuramente in un campionato diverso rispetto al buon Kiner, visto che si parlava pure di lui.
                                Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 27 maggio 20, 12:35.
                                Luminous beings are we, not this crude matter.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X