annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Star Wars: Kenobi (Disney+)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Parlavo di continuity, comunque ok. Il bersaglio era non avere un Obi Wan che dice "questa è la spada di tuo padre, tuo padre voleva che tu l'avessi ma tuo zio non volle sapere" senza che il personaggio passi per in rincoglionito o un bugiardo.
    Wars not make one great

    Commenta


    • Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
      Se ne è parlato del perché Obi Wan non uccide Vader. Resto convinto che un jedi non uccide un avversario inerme.
      Vader invece per me non uccide Obi Wan quando può (e lo lascia visibilmente fuggire) perché Vader non cerca solo vendetta ma cerca una rivalsa nei confronti di Obi Wan. Vuole affrontarlo non da relitto ma da jedi. Nel pieno delle sue forze.
      In Ep VI Obi-Wan cerca di spronare Luke a uccidere il padre perché è convinto che solo così facendo il Male potrà essere sconfitto. Quindi non ha senso che qui decida di risparmiarlo.

      Vader nella terza puntata ordina agli stormtroopers "portatelo da me!" prima che arrivi il personaggio di Indira Varma e il droide a salvare il Jedi. Per cui lo vuole catturare.... salvo poi decidere di punto in bianco di lasciarlo andare "perché si", nonostante potesse spegnere le fiamme che lo separavano da Kenobi, come aveva fatto pochi istanti prima.

      Leia è una rivelazione. La principessa cazzuta che dovrebbe essere, in fieri. E il suo rapporto con Obi Wan è stupendo.
      Infatti come ho già detto lei in sé mi è piaciuta. La narrazione che la circonda... molto meno.

      Reva è quello che dici. Vuole uccidere Luke per vendicarsi di Vader ma mentre sta per ucciderlo capisce che non è colpevole di quello che è. Vi rivede sé stessa. E lo lascia andare.

      Lo sviluppo di Reva è un po' debole. Ma gli intenti sono evidenti.
      Ho capito che l intento era quello... ma l esecuzione è piattissima.
      A sto punto era meglio la redenzione di Kylo in Ep IX che, per quanto a tratti problematica, almeno traeva un po' di forza dal rimorso pregresso di aver ucciso il padre. Qui Luke deve ringraziare il cielo che a questa sono venute di colpo le allucinazioni da stress post-traumatico (ma di nuovo non si era fatta nessun problema nel voler torturare Leila).
      Ultima modifica di Lord casco nero; 01 luglio 22, 22:48.

      Commenta


      • Penso che Vader volesse un risveglio della forza in Obi Wan per poi potercisi confrontare. Quindi catturarlo e spaventarlo aveva senso, mentre ucciderlo no.

        Su Kylo, boh, come non abbiate capito fin dalle primissime scene di Ep7 che il suo percorso portava alla redenzione davvero non lo so. Tutti qui a dire che è stata repentina in episodio 9. Ma in realtà ogni singola scena in cui compare ti dicono che lui è tentato dal lato chiaro e il padre alla fine del primo film lo accarezza in volto. Gesto che lo avvicinerà al lato chiaro. In Ep8 Rey prova a convincerlo in tutti i modi a passare al lato chiaro e combattono fianco a fianco, non ha il coraggio di uccidere la madre e poi alla fine Luke gli dà una lezione importante per riuscire a convertirlo. In Ep9 tutto il suo arco è un arco di redenzione, dalla visione del padre fino al salvataggio di Rey. Dov' è lo stupore. Io sono rimasto deluso perché non hanno avuto il coraggio di completarne il percorso di redenzione lasciandolo vivere. Sarebbe stato bello.
        Ma veramente non ho mai capito perché la gente sia caduta dal pero quando lui è passato al lato chiaro. Era telefonatissimo fin da ep7.

        Commenta


        • Che si redimesse lo ritenevo molto probabile , ma non così scontato visto che per due film aveva rifiutato la redenzione ed era addirittura diventato il villain principale alla fine del secondo (questo prima che arrivasse Palpatine dal nulla , va beh...).

          ​​​Appurato che la redenzione fosse comunque un percorso valido ,in Ep IX è resa in modo frettoloso perché dopo aver passato quasi un ora e mezza a essere cattivo (senza neanche aver avuto particolari momenti di dubbio ed esitazione) cambia di fretta idea nell arco di un paio di scene... è sufficiente una parola di Rey e un dialogo immaginario con il padre a smuoverlo, due persone che in precedenza avevano entrambe fallito a portarlo alla luce...ok, è morta la madre , ma anche nel film precedente credeva fosse morta nell attacco con i caccia eppure...

          Fortuna che quantomeno Driver è un ottimo attore e un po' risolleva la baracca...almeno fino alla gestione a dir poco anti-climatica del suo personaggio nella battaglia finale contro Palpatine....
          Ultima modifica di Lord casco nero; 01 luglio 22, 23:13.

          Commenta


          • Non sono d'accordo con te.
            Qualunque esperienza io abbia avuto nella vita con i cambiamenti hanno sempre avuto la forma di una lunghissima sedimentazione interiore seguita da un trigger che fa scattare la presa di consapevolezza. Chiamala folgorazione sulla via di Damasco. Chiamala epifania. Ma il processo attraverso cui passa Kylo Ren è esattamente quello che succede nella vita reale. Si oppone una resistenza fortissima al cambiamento e ci si cristallizza in maniera sempre più cieca sulle proprie posizioni per poi cedere di fronte ad una rivelazione. Nel caso di Kylo sono i sentimenti per Rey, la paura di vederla morta. Ma il processo per tappe della sua redenzione è stata descritta accuratamente nel corso della trilogia, attraverso numerosissimi e importantissimi passaggi, piccole tappe che hanno logorato le sue certezze. Anticipate addirittura da Lor San Tekka nelle primissime battute del primo film, a dare subito la direzione dell'intera trilogia. È una redenzione perfetta per essere un prodotto pop. Dispiace solo che Disney abbia ritenuto che uno con le colpe di Ren dovesse pagare con la morte, in pieno allineamento con la cultura moralista americana. Mentre una piena redenzione, se solo si avesse avuto il coraggio di osare, lo avrebbe visto sopravvivere. Quello si che sarebbe stato rivoluzionario per un blockbuster.

            Mentre la caduta di Anakin vista nella prequel è esattamente come non deve essere gestita una trasformazione. Per i motivi detti mille volte.

            Commenta


            • Originariamente inviato da Yalun Visualizza il messaggio
              Naihir & Lord. Per forza si sta parlando della prequel, questo Kenobi è un racconto diretto e un seguito agli avvenimenti di ep3. Vi dirò, se prequel e Kenobi fossero storie inedite, la serie mi sarebbe anche piaciuta. Purtroppo, portando avanti il discorso narrativo della prequel, non fa altro che incasinare e rendere ridicole le situazioni dopo.

              ​ Tiro in mezzo Abrams perchè lo cosidero un emule paraculo dell'approccio di Lucas. Infatti, se notate, l'unico film su 9 che risponde a tutte le questioni (le risposte possono non piacere ma le da) è il film del regista che ha avuto un approccio totalmente diverso dal suo creatore e dall'allievo del creatore. Gli altri 8 film fanno a gara per avere il mistero più misterioso degli altri. Chiaramente per poi non dare risposte, far cadere delle situazioni, o demandare a media esterni.
              Esempi sparsi di questioni e snodi fondamentali senza risposte o approssimate:
              ep1, chi sono i Sith e perchè sono sempre e soltanto due?
              Ep2.... Vabbè tutto il film... Ma più che altro, chi minchia era Sifo Dias?
              Ep3... Anche qua da mani nei capelli..... Come fanno la tizia incinta e il padre a non sapere che stanno aspettado 2 gemelli? Come mai ne i jedi ne i sith percepiscono ste due forme di vita, progenie addirittura dell'essere concepito dai midoclorian? Bo. Vabbè lasciamo perdere...
              Ep4 come cazzo fa Luke a mantenere l'anonimato sul pianeta natale del padre con lo stesso cognome? Perchè gli zii non gli hanno dato il cognome Lars?
              Ep5 qua funziona tutto. Film di passaggio.
              ​​​​​​Ep6 ma perchè cazzo Vader porta il figlio all'imperatore, se sa che per linea di successione Sith, probabilmente verrà ucciso dal figlio o dall'imperatore?
              Ep7 perchè Luke è in esilio? Come ha ottenuto Maz la spada?
              Ep8 un film che si propone di essere un film, senza preoccuparsi troppo di stronzate come i "bad feeling". Parte dai presupposti pietosi del film prima e cerca di imbastire una storia con un senso. E niente, i fan lo considerano una merda.
              Ep 9..... Niente, mi è crepato il neurone.

              Un casual che vede sti 9 film e non ci capisce un cazzo poi, è il metecatto che non coglie lo spirito di SW. Sto diventando casual da ex fan.
              Se qualcuno che guarda "Star Wars" si sofferma a farsi certe domande, per me fa prima a passare a guardare altro

              Siamo ai livelli di Sensei quando una volta qui dentro scrisse "ma poi perché le navi hanno i suoni nello spazio??"

              Ho testimonianze di ragazzetti che si sono approcciati alla saga che nemmeno hanno sentito lo stacco di età tra un film e l'altro (giusto per ANH) e che hanno apprezzato moltissimo la storia di Anakin/Vader + figli diluita in 6 film. Anzi... spesso a molti piacciono di più parti singole prese da 1-2-3 che da 4-5-6 (tranne ovviamente LA scena madre nel 5).

              Davvero se per te i problemi son questo elenco qui, alzo le mani, non so che dirti.

              Mi dispiace che ti rovini i film con domande leggermente inutili che tra l'altro, applicate ad una qualsiasi altra saga, ti farebbero vivere male la qualunque.

              Gli esempi riportati da SirDan con Sauron, sono abbastanza emblematici.

              Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
              Rispondo a Nahir

              Arricchiscono la lore, semmai. La storia è invece il percorso di Luke nella trilogia originale, il percorso di Anakin nel contesto dei primi 6 film e il percorso degli Skywalker considerando i 9 film.

              La lore è qualcosa che interessa a te e al fandom. Per chi guarda un film è importante la storia e la lore, che è giusto che ci sia, dovrebbe però essere il contesto su cui costruire la storia.

              E' su questo punto critico che parliamo due lingue diverse. A me Kenobi ha intrattenuto perché ha una storia, un po' stanca, un po' ripetitiva, ma che si lascia seguire. Il rapporto fra Obi Wan e Leia, il rapporto fra Vader e Obi Wan e infine il rapporto fra Vader e Reva, con i loro intrecci, è quello che determina la storia. Che mi intrattiene. Rovina la lore? Non la rispetta? Fa emergere incongruenze? A me importa poco. A te tantissimo. A te importa più della lore.
              Poi, ribadisco ancora, ci sono delle sciocchezze (tipo il cappotto di Obi Wan o la barriera laser), si. Ma ci sono in tutta la saga. Non bastano a rovinare tutto, per me. Ma per te sono fattori mega-importanti. Semplicemente cerchiamo cose diverse in un film.

              E questa diversa visione spiega pure perché tu ami alla follia la prequel, che per me è un documentario pure scritto male (perché il percorso di Anakin che a te sembra così tragico a me fa ridere per come si sviluppa), e io gli ho preferito la sequel, che sarà anche la rielaborazione della trilogia originale, che sarà anche confusa perché è ondivaga nella struttura, ma che presenta una buona avventura, con personaggi intensi (e attori ben diretti) e una storia (quella della diade) che si è sviluppata con una certa coerenza all'interno dei tre film.

              L'ho già scritto mille volte. Lo rifaccio ancora! Per me, che non sono orfano di nessuna trilogia originale, una prequel e una sequel veramente valide avrebbero dovuto racchiudere il meglio delle due trilogie: la contestualizzazione solida della prequel e una storia avventurosa come nella sequel. Purtroppo così come sono restano due mezze trilogie, entrambe sotto la sufficienza. Preferisco la sequel solo perché almeno è divertente.

              Però diciamolo proprio francamente: Star Wars è una saga che ha mostrato davvero pochissimi alti. Quindi boh... spaccare il capello su OWK mi sembra davvero voler essere pignoli. Star Wars è sta roba qua.
              Ragazzi a me pare di rispondere ad un covegno surrealista

              Ma il concetto di "saga" si basa proprio sulla lore... se non interessa la continuity né che determinati eventi risultino canonici tra loro, di cosa stiamo parlando?

              Certo che a me preme la lore.. Star Wars si basa su quello e io non faccio nemmeno le distinzioni di cui parli tu... non è che amo alla follia la prequel, per me stai parlando di 3 capitoli che compongono una Esalogia. Quando mi rivolgo a Star Wars non lo penso mai diviso, o come un singolo film. Per me Star Wars = Esalogia. Poi ci sono tutti i contenuti extra, come i due spinoff (Rogue One, The Last Jedi), le serie animate e le serie tv.

              Se poi esiste quello che si rivolge ancora ad Ep4 come "Guerre Stellari del '77" buon per lui, ma la storia è andata fortunatamente avanti con altri 5 film... è lui ad essere rimasto indietro.

              L'Esalogia è una "storia" raccontata in 6 parti, non è solo un mero esercizio documentaristico. Poi oh, libero di pensarla diversamente, ci mancherebbe. Capisco che provieni da un concetto di film alla Star Trek, dove ognuno di essi era una storia a se e che aveva flebili accenni alle serie tv. Ma qui è diverso, non siamo certo ai livelli della Marvel che se ti perdi un film, non ci capisci nulla ma.. l'aderenza al canon è roba estremamente importante per non far collassare su se stessa tutta la macchina.

              La serie Obi-Wan Kenobi nasce per incastonarsi in una continuity, sarebbe assurdo non considerare gli errori e gli orrori presenti all'interno che generano conflitto con la fonte madre.. e purtroppo è questa serie che trasforma quelle che prima erano leggere cazzatine, in insormontabili problemi dove la gente purtroppo si domanda perché in soli 9 anni Ben invecchia, perché a Luke con una come Reva in giro, gli si mantiene Skywalker, perché Vader non rapisce di nuovo Leia per far uscire allo scoperto Kenobi... eccecc.

              Per me non sono nemmeno questi i problemi è che la serie è proprio inutile
              "So the son saves the father and the father saves the son and it works out perfectly.
              And I draw that line all the way from Phantom Menace to Return of the Jedi.
              That’s the story of Star Wars." - Dave Filoni


              # I am one with the Force and the Force is with me #

              -= If You Seek His Monument Look Around You =-

              Commenta


              • Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
                Non sono d'accordo con te.
                Qualunque esperienza io abbia avuto nella vita con i cambiamenti hanno sempre avuto la forma di una lunghissima sedimentazione interiore seguita da un trigger che fa scattare la presa di consapevolezza. Chiamala folgorazione sulla via di Damasco. Chiamala epifania. Ma il processo attraverso cui passa Kylo Ren è esattamente quello che succede nella vita reale. Si oppone una resistenza fortissima al cambiamento e ci si cristallizza in maniera sempre più cieca sulle proprie posizioni per poi cedere di fronte ad una rivelazione. Nel caso di Kylo sono i sentimenti per Rey, la paura di vederla morta. Ma il processo per tappe della sua redenzione è stata descritta accuratamente nel corso della trilogia, attraverso numerosissimi e importantissimi passaggi, piccole tappe che hanno logorato le sue certezze. Anticipate addirittura da Lor San Tekka nelle primissime battute del primo film, a dare subito la direzione dell'intera trilogia. È una redenzione perfetta per essere un prodotto pop. Dispiace solo che Disney abbia ritenuto che uno con le colpe di Ren dovesse pagare con la morte, in pieno allineamento con la cultura moralista americana. Mentre una piena redenzione, se solo si avesse avuto il coraggio di osare, lo avrebbe visto sopravvivere. Quello si che sarebbe stato rivoluzionario per un blockbuster.
                La trilogia Sequel è sempre stata vaga e fumosa su tante cose...per come avevano impostato le cose il pubblico poteva tranquillamente pensare che stessero tentando di invertire il percorso di Vader nella trilogia classica ...ovvero presentare un cattivo in divenire, che parte incerto nel primo capitolo per poi invece diventare via via più risoluto e votato al male.

                La cosa buffa è che a mandare in crisi questa ipotesi e conferire maggiore certezza sul fatto che si sarebbe infine redento ci hanno pensato non tanto i film, quanto la campagna marketing di Ep IX, con la rivelazione che Palpatine sarebbe tornato e che quindi di riflesso Kylo non sarebbe stato il cattivo principale, a dispetto di come invece era finito Ep VIII.

                In ogni caso in Ep IX avrebbe fatto tanto inserire un paio di dialoghi con Rey come quelli che avevano nel capitolo precedente , in cui i due personaggi empatizzavano l uno con l altro...o anche solo mostrare un confronto con Chewie (ricordiamoci che è suo amico d infanzia) quando quest' ultimo viene catturato, incontro che lo lasciasse turbato (infatti una scena simile è stata girata ma eliminata poi nel montaggio definitivo).
                Era necessario per me arrivare al punto di cedimento di Kylo in modo più impattante, dopo che per due episodi di fila aveva rifiutato la redenzione... ma l impostazione narrativa del terzo capitolo lo limita per gran parte del tempo a scagnozzo che insegue i nostri eroi e cerca di portare Rey al lato oscuro...e alle due brevi scene sui resti della Morte Nera è affidato tutto il carico narrativo del suo ritorno al bene.

                Poi intendiamoci, non è quella la cosa che per me rovina Ep IX, paradossalmente in un film mal riuscito su più fronti, la redenzione del personaggio è una delle cose più accettabili.

                Sono d accordo sul fatto che lasciarlo in vita, magari vedendolo sacrificare i suoi poteri , poteva essere una variazione sul tema più interessante... purtroppo più che la morale americana qui è mancato ancora una volta il coraggio di fare qualcosa di diverso da quanto già fatto nella trilogia originale...

                Commenta


                • Naihirforse non è chiaro la storia di Anakin/Vader preq piace anche a me, dico da anni che dialoghi e situazioni non combaciano tra i film, le incongruenze sono note e ce le siamo fatte andare bene 15 anni, mi spieghi a che serve la serie Kenobi e se è una risposta alle esigenze del fandom?

                  L'esempio Sauron/Lord of the Ring non era pertinente, comuque Sauron è un villain definito e ha un background. I Sith che sono? Ex Jedi? Pazzi che nascono con i midiclorian sbagliati? Uno straccio della cultura sith ti viene mostrata nel nono film. E no, i libricini ufficiali che ti dicono che Palpie aveva la statuetta con la spada dentro non valgono. Il fruitore casual deve poter capire cosa sta vedendo come lore. I mandalore in mandalorian li identifico come bounty hounter o fazione alternativa, non esplorata nei film, come poi mi viene spiegato. Gli inquisitori mi creano problemi. Nei film perchè non c'erano, se sono agenti del LO? Perchè in ep4 scomparsi? Sono Force user. Il riferimento di partenza che ho sono le frasi sui jedi in ep4. Sei d'accordo con che essendo passati solo 10 anni, il misticismo e il significato di quelle frasi perde e rimango un pò confuso e intrdetto?
                  Ultima modifica di Yalun; 02 luglio 22, 09:04.
                  Wars not make one great

                  Commenta


                  • X Nahir: due cose. Tu continui a dire esalogia. No amico. O accetti che anche la prequel è un'aggiunta al gruppo di film storici o accetti che i film della saga sono 9. Non 6 più vari spinoff. Questa cecità selettiva non regge.
                    L'altra cosa, continui ad ignorare che io ti sto dicendo che nella prequel c'è la lore ma mancano i film. E ti ho spiegato lungo e in largo perché è così.

                    X Lord: per me non hanno mai voluto fare di Kylo un villain. Non è quella la storia del film. La storia del film è che Kylo si vuole sentire il villain. E alla fine di episodio 8 lui crede di esserlo diventato. Nel 9 semplicemente prosegue su quel solco.

                    Commenta


                    • Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
                      Lord: per me non hanno mai voluto fare di Kylo un villain. Non è quella la storia del film. La storia del film è che Kylo si vuole sentire il villain. E alla fine di episodio 8 lui crede di esserlo diventato. Nel 9 semplicemente prosegue su quel solco.
                      In Ep VIII Johnson gli ha fatto uccidere il suo maestro con l intenzione palese di renderlo il principale antagonista della storia. Tant'è che nella sceneggiatura di Trevorrow continuava a ricoprire questo ruolo.
                      Poi come sappiamo Trevorrow se ne è andato via e Abrams ha deciso di invertire la rotta , riportando in vita Palpatine per sostituire il defunto Snoke e facendo tornare Kylo nella stessa posizione di Ep VII (con tanto di maschera ricostruita).


                      Commenta


                      • Ancora coi leak, le sceneggiature bocciate e i what if! Ci sono i film e nel cinema sono sempre bastati a loro stessi per tutte le chiavi di lettura che servono.
                        Tutto l'arco narrativo di Kylo nella trilogia è una lotta contro il lato chiaro. La cosa è palese. Di più: è il tema della trilogia.

                        Commenta


                        • Credo anch'io che il parallelo Sith/Sauron riguardo la scrittura dei prequel non calzi.

                          Il primo capitolo di Jackson si apre con un corposo flashback dai toni epici che illustra le vicende dei tempi antichi, la lotta di potere fra Sauron e i popoli della Terra di Mezzo, la sua sconfitta e detronizzazione, i poteri malefici dell'Anello e il modo in cui corrompe chi lo possiede, ecc. Dopo quell'incipit chiunque sa bene quale sia la minaccia incombente dei tre film, senza la necessità di ulteriori passaggi.

                          Nel caso dei Sith, si vedono semplicemente questi due tizi incappucciati che sbucano dal nulla farneticando di una vendetta di cui in tre film non viene illustrato nulla. L'episodio 3 credo sia l'unico film nella storia del cinema a contenere la parola "vendetta" senza che ci sia mai una rivelazione al riguardo, che sia all'inizio, durante o alla fine del film. A parti invertite, se uno dei tre capitoli di Jackson si fosse intitolato "La Vendetta di Sauron", avremmo capito tutti di cosa si stava parlando grazie al famoso incipit del primo capitolo.

                          Vale la pena di notare che il film del '77 invece si curava di questi aspetti, e di dare perlomeno un contesto emozionale alla storia, sia con il racconto di Ben Kenobi sulla caduta dei jedi che con il litigio fra i gerarchi imperiali e Vader sulla Morte Nera. Due scene peraltro scritte, dirette e montate con un dinamismo e una cura per la drammatizzazione opposta alle blande sedute prequeliane, con le loro catatoniche linee di dialogo "on-the-nose".

                          Commenta


                          • Il paragone con Sauron calza in base al genere di domande che stava facendo Yalun, noi dovremmo sapere chi è Sauron (viene solo definito "oscuro signore", che cazzo sarebbe?), da dove viene, perché vuole schiavizzare la Terra di Mezzo e perché elfi, nani e re degli uomini dovrebbero aver accettato i suoi anelli.

                            Ovviamente Tolkien poi a queste domande dà risposta ma nel film non ti serve saperlo.

                            Dai prequel si capisce che i Sith sono la versione LO dei Jedi (che già si capiva nella OT, semplicemente ha dato loro un nome).
                            Perché siano solo due (che comunque per me è una forzatura) lo si vede nella scena della sala del trono del VI, e nella scena con Dooku all'inizio del III.
                            Considerando che Maul e Sidious sono sconosciuti ai Jedi chiaramente non tutti loro partono come Jedi ma alcuni di loro possono essere Jedi decaduti (Vader e Dooku).

                            La "vendetta" è la cosa più vaga, sappiamo che sono acerrimi nemici dei Jedi (Lato Chiaro vs Lato Oscuro, non c'è bisogno di altre spiegazioni) e che erano considerati estinti (dubito per via del raffreddore).

                            Allora nella OT dovrei sapere da dove sbuca fuori questo Imperatore che ha poteri della Forza supersonici.
                            Vader sapevi che era un Jedi decaduto, ma lui cos'era? Un jedi pure lui? Com'è diventato Imperatore? Perché vuole dominare la galassia? Che cosa sono le guerre dei cloni?

                            Il livello delle domande è questo.

                            La differenza con ep. VII è che lì la narrazione era molto più impostata in modo da stuzzicare lo spettatore con la promessa di future risposte perché è ovvio che c'è differenza se tu subito nel primo atto dici al protagonista che suo padre era un jedi ucciso dal cattivo e se invece mostri una misteriosa visione di una misteriosa navetta che parte mollando indietro la protagonista bambina e lasci questa cosa in sospeso.
                            Ultima modifica di Sir Dan Fortesque; 02 luglio 22, 12:34.
                            Luminous beings are we, not this crude matter.

                            Commenta


                            • Concordo con Sir Dan. Per quanto riguarda la questione Sith personalmente non ho mai avuto problemi a riempire i "buchi" della prequel (che comunque fornisce delle informazioni base che ti aiutano a riempire quei buchi, quindi si potrebbe ragionare sulla differenza tra un'idea di cinema essenziale e quella di un cinema più didascalico).

                              Al massimo sì, era un po' una forzatura la questione dei due Sith ma anche lì comunque abbastanza spiegabile sia dalla natura violenta del Lato Oscuro, sia dal passato (suggerito ma mai mostrato) dell'ecatombe Sith perpetrata si presume dai Jedi e dai Sith stessi.

                              Poi che a livello drammaturgico potessero sviluppare e sfruttare infinitamente meglio questa dinamica non ci piove.
                              Ultima modifica di The Fool; 02 luglio 22, 12:25.

                              Commenta


                              • Originariamente inviato da Woody Visualizza il messaggio
                                Ancora coi leak, le sceneggiature bocciate e i what if! Ci sono i film e nel cinema sono sempre bastati a loro stessi per tutte le chiavi di lettura che servono. Tutto l'arco narrativo di Kylo nella trilogia è una lotta contro il lato chiaro. La cosa è palese. Di più: è il tema della trilogia.
                                Ragazzi ,dai....Non vedere la mancanza di conseguenzialita tra un secondo film in cui Kylo diventa il cattivo principale (avendo ucciso chi gli stava gerarchicamente sopra ) e un terzo in cui retrocede a sgherro di un Palpatine uscito dal nulla significa avere le fette di salame sugli occhi.

                                Così come assurdo parlare di un arco narrativo coerente quando in Ep VIII lo vediamo distruggere la maschera per lasciarsi alle spalle ogni tentativo di imitazione del nonno e poi nel IX la ricostruisce senza spiegazione.

                                L unica cosa palese è che i due registi non fossero d'accordo su che direzione dare ai personaggi e alla storia, e purtroppo i risultati si sono visti.

                                Commenta

                                In esecuzione...
                                X